Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Diete ad Alto Contenuto di Grassi o Zuccheri, Alterazione dei Batteri Intestinali e Riduzione delle Funzioni Cognitive

data di redazione: 11 Luglio 2015
Diete ad Alto Contenuto di Grassi o Zuccheri, Alterazione dei Batteri Intestinali e Riduzione delle Funzioni Cognitive

Una dieta ricca di grassi o di zucchero può fare più del solo espandere il nostro girovita. Un nuovo studio condotto da ricercatori della Oregon State University ritiene che tali diete possano portare a funzioni cognitive ridotte, con la dieta ricca di zucchero nominata come la maggior colpevole.

La squadra ha trovato che le diete ad alto contenuto di zuccheri o grassi attivano ​​alterazioni del microbioma intestinale legato al ridotto funzionamento cognitivo.
Pubblicato sulla rivista Neuroscience, lo studio rivela che le diete ad alto contenuto di grassi e ricche di zuccheri innescano cambiamenti nei batteri intestinali che sono in gran parte associati con la perdita di "flessibilità cognitiva" - la capacità di adattarsi al mutare delle situazioni.

 

Inoltre, la dieta ad alto contenuto di zucchero è stata associata con una minore memoria a breve e a lungo termine.

 

Il ricercatore Prof. Kathy Magnusson, del College of Veterinary Medicine and the Linus Pauling Institute nello stato dell'Oregon, fa notare che vi è un numero crescente di evidenze emerse che i batteri intestinali possono comunicare con il cervello.

 

"I batteri possono rilasciare composti che agiscono come neurotrasmettitori, stimolano i nervi sensoriali o il sistema immunitario, e possono interessare una vasta gamma di funzioni biologiche", spiega il Prof. Magnusson. "Non siamo sicuri solo di quali messaggi vengono inviati, ma stiamo rintracciando i percorsi e gli effetti."

 

Un esempio di come i batteri intestinali possono interagire con il cervello è stato rivelato in uno studio pubblicato sulla rivista Cell, in cui i ricercatori del California Institute of Technology (Caltech) hanno scoperto che i batteri intestinali influenzano la produzione di serotonina - un neurotrasmettitore responsabile di mantenere l'equilibrio dell'umore.

 

Il Prof. Magnusson e colleghi hanno raggiunto i loro risultati con 2 mesi di ricerche su topi maschi, che sono stati randomizzati per essere alimentati sia con una dieta ricca di grassi (42% di grassi, 43% di carboidrati ), che una dieta ricca di zuccheri (12% di grassi, 70 % di carboidrati - soprattutto da zuccheri) o normale.

 

Prima dell'intervento dietetico e 2 settimane dopo, i ricercatori hanno analizzato le feci dei topi al fine di stabilire la composizione dei batteri intestinali.

 

La memoria a breve e lungo termine e la flessibilità cognitiva dei topi sono state valutate prima e dopo l'intervento alimentare attraverso il test del labirinto con acqua e nuove attività di oggetti e posizioni.

 

Rispetto ai topi nutriti normale, i topi nutriti con dieta ricca di grassi o ricca di zuccheri, hanno sperimentato una riduzione significativa nel funzionamento cognitivo - in particolare in termini di flessibilità cognitiva.

 

Spiegando cos'è la flessibilità cognitiva, il Prof. Magnusson ci chiede di immaginare di camminare verso casa utilizzando un percorso che è molto familiare. Un giorno, la strada è chiusa, il che significa che dobbiamo trovare un percorso diverso.

 

Un individuo con un elevato livello di flessibilità cognitiva dovrebbe adattarsi alla situazione immediatamente, subito con la ricerca di un percorso alternativo. Ma una persona con la flessibilità cognitiva ridotta, può trovare la variazione una situazione inattesa e molto stressante, causando loro agitazione e richiedendo più tempo per tornare a casa.

 

La riduzione della flessibilità cognitiva è stata più forte per i topi alimentati con la dieta ad alto contenuto di zucchero, secondo i ricercatori, questa dieta è stata trovata anche di ridurre la memoria a breve e lungo termine.

 

Le diete hanno alterato il microbioma nell'intestino dei topi
Il team crede che la riduzione del funzionamento cognitivo per chi segue una dieta ad alto contenuto di grassi e zuccheri è stata guidata da alterazioni della composizione dei batteri intestinali, o il microbioma intestinale.

 

Entrambe le diete sono state collegate ad un aumento di batteri chiamato clostridiales e una riduzione dei batteri noti come Bacteroidales, tali cambiamenti sono stati associati con una ridotta flessibilità cognitiva.

 

I topi alimentati con la dieta ad alto contenuto di zucchero hanno sperimentato i più alti incrementi di clostridiales e le maggiori riduzioni di Bacteroidales, in coerenza con le maggiori riduzioni di flessibilità cognitiva.

 

Il team dice che i loro risultati sono in linea con alcuni studi precedenti che suggeriscono che una dieta occidentale - in genere ad alto contenuto di grassi e zuccheri - può avere un impatto negativo sul funzionamento cognitivo. Precedenti ricerche hanno associato una dieta occidentale ad un maggiore rischio di malattia di Alzheimer. Il loro studio indica che una tale dieta può influenzare le funzioni cognitive mediante alterazione del microbioma intestinale.

 

Prof. Magnusson dice:

"Ci conosciamo da un po che troppo grassi e zuccheri non sono buone per voi. Questo lavoro suggerisce che il grasso e lo zucchero stanno alterando i sistemi batterici sani, e questo è uno dei motivi per quegli alimenti non sono buone per voi. E ' non solo il cibo che potrebbe influenzare il cervello, ma un'interazione tra il cibo e cambiamenti microbiche. "

 

Riferimenti:
Relationships between diet-related changes in the gut microbiome and cognitive flexibility, Kathy Magnusson et al., Neuroscience, doi:10.1016/j.neuroscience.2015.05.016, published online June 2015, abstract.

Oregon State University news release, accessed 23 June 2015.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

L'Esercizio Fisico Protegge dalla Depressione?
21 Ottobre 2014

L'Esercizio Fisico Protegge dalla Depressione?

Come l'attività fisica protegge contro alcune malattie della mente

Gli scienziati sanno che durante l'esercizio fisico, vi è un aumento nel muscolo scheletrico di una proteina chiamata PGC-1A1. I ricercatori di questo nuovo studio, hanno voluto vedere se questo aumento della proteina potrebbe essere implicata nei benefici protettivi indotti dall'esercizio.

Come Siamo Abituati a Mangiare?
01 Ottobre 2014

Come Siamo Abituati a Mangiare?

A cura della Dr. Monica Torone

La maggior parte di noi, attualmente, sa come ricavare le necessarie informazioni e conoscenze nutrizionali, attraverso l’ampia varietà di libri pubblicati, blog e siti specializzati.Chi più chi meno tutti sanno cosa bisognerebbe mangiare per aderire ad un regime alimentare salutare.E allora perché non tutti lo fanno?

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.