(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Esercizio Fisico Vs Depressione Postpartum

data di redazione: 06 Febbraio 2016
Esercizio Fisico Vs Depressione Postpartum

Come può l'attività fisica combattere le sindrome ansiose e le patologie depressive dopo la gravidanza

Non è raro attraversare un periodo di depressione dopo aver affrontato una gravidanza, infatti questo fenomeno colpisce più o meno una donna su dieci. In società maggiormente strutturate, dove esiste una forte attenzione nei confronti della partoriente se ne sente parlare a malapena; purtroppo molto spesso quando le donne si trovano di fronte a questo genere di problema non si rivolgono a qualcuno e cercano di affrontarlo da sole.

Questa patologia si sviluppa entro tre mesi dal parto e più della metà delle donne colpite ne soffre ancora dopo un anno, anche fino a due o tre anni, trasformando un "lieto evento" in un vero e proprio incubo.

La depressione postpartum provoca:

  • ansia e infelicità
  • stanchezza e irritabilità
  • attacchi di panico
  • distacco dalla realtà
  • insonnia, perdita dell'appetito e della libido
  • senso di inadeguatezza nell'amare e nell'occuparsi del bambino
  • incapacità di occuparsi delle cose di tutti i giorni, anche nei semplici lavori di casa

L'incapacità di occuparsi del bambino e il fatto di non sentirsi adeguate per questo compito provoca nella donna un angosciante senso di colpa; anche quando la mamma sente di amare il proprio figlio, teme di non essere adeguata al suo ruolo e ha paura che il bambino si ammali o possa morire, senza valide giustificazioni.

LE CAUSE

Le cause della depressione postpartum possono essere molteplici, ma tra i fattori che sembrano maggiormente favorirne l'insorgenza c'è:

  • la mancanza di sostegno da parte del partner
  • un bambino nato con problematiche, prematuro o ammalato
  • depressione precedente
  • la separazione dalla madre durante l'infanzia

Molte donne soffrono di depressione prima delle mestruazioni, dopo il parto e durante la menopausa; si tratta di momenti particolari nei quali il livello di estrogeni si abbassa notevolmente. Tale livello, che risulta molto alto in gravidanza (quando gli stati depressivi sono estremamente rari), tende a precipitare subito dopo il parto, unitamente al livello di progesterone e di altri ormoni legati alla riproduzione. Una delle possibili terapie consiste in un trattamento a base di estrogeni, come nel caso della menopausa e della sindrome premestruale; in alternativa e nei casi peggiori si ricorre a farmaci antidepressivi. In entrambi i casi, e in caso di allattamento al seno, sono comunque assolutamente necessari il parere e la prescrizione del medico.

Molte donne comunque, preferiscono non assumere farmaci e intraprendere un discorso analitico, rivolgendosi ad uno psicologo.

ATTIVITÀ FISICA E DEPRESSIONE

A meno che non stiamo parlando di casi gravi di depressione (dove prima di tutto c'è bisogno di terapie adeguate, a cui certamente ci si può comunque affiancare un'attività sportiva), lo sport può essere di grande aiuto per affrontare questo genere di problematiche, infatti un'attività fisica regolare garantisce una serie di benefici psicologici, con miglioramenti graduali dello stato depressivo, questo è dimostrato da numerosissimi studi.

Lo sport, o comunque una qualsiasi attività motoria, se svolta in modo costante, diminuisce il peso della tensione, della fatica, dell'aggressività e della depressione, donando, al contrario, una sensazione di benessere fisico e di vitalità generale, a maggior ragione dopo la nascita del bambino, quando ci si sente depresse a causa dello stress cui la maternità sottopone l'organismo.

L'effetto tranquillizzante dell'attività fisica viene spesso individuato nella sua capacità di velocizzare l'espulsione delle tossine causate dallo stress. La riduzione del carico ansiogeno può in effetti essere monitorata misurando l'abbassamento della pressione, del battito cardiaco, del respiro e della tensione della pelle e la presenza nell'urina di due ormoni direttamente legati ad uno stato di stress:

  • l'adrenalina
  • la noradrenalina

L'esercizio fisico, oltre a riflettersi sull'aspetto esteriore, aiutandovi a tenere sotto controllo il peso conferendo tonicità e luminosità al corpo, è in grado di produrre una generale sensazione di benessere grazie ai benefici e duraturi effetti che ha sulla salute, infatti:

  • migliora la circolazione
  • rinforza il cuore, i polmoni, le ossa e i muscoli
  • regola la pressione, i grassi e gli zuccheri nel sangue
  • aiuta la digestione

LA RICERCA

Da studi mirati, è stato scientificamente provato che un intenso esercizio aerobico rappresenta il rimedio più veloce ed efficace per combattere l'ansia, depressione, scarsa autostima e stress. Oltre a ciò, è stato accertato che un esercizio fisico aerobico regolare, che alterni fasi energiche ad altre di minore impatto (per esempio correre o camminare), possiede effetti duraturi sull'umore. Sempre da queste ricerche si è visto che le persone che si sottopongono ad attività fisica possiedono una carica vitale decisamente più accentuata rispetto a quelle che conducono una vita sedentaria. È importante tenere i muscoli continuamente allenati con esercizi aerobici perchè i benefici abbiano effetto; chi fa sport in maniera regolare per un certo periodo di tempo e poi smette, tende a diventare nuovamente triste e ansioso. Questo è dovuto alla caduta del tasso di endorfine nel sangue, un oppiaceo prodotto naturalmente dall'organismo nel corso dell'attività fisica, che funziona appunto da antidepressivo.

QUANDO COMINCIARE?

Non sono domande da porsi! Appena ve la sentite, dopo la gravidanza andate a camminare, fate ginnastica o qualsiasi cosa ve la sentiate di fare. Fare una qualsiasi attività fisica, specialmente dopo il parto, vi aiuta a distrarvi dai problemi quotidiani, vi da il modo di concentrarvi solo su voi stesse, di uscire all'aperto, di incontrare gente e chiacchierare.

Quanti esercizi è necessario eseguire per sentirsi meglio non è quantificabile, di certo sappiamo che una camminata di circa 15 o 20 minuti migliora immediatamente l'umore, meglio ancora se la fate con il bambino. All'inizio forse avrete bisogno di un po di tempo prima che i benefici fisici comincino a farsi sentire, infatti le prime sensazioni saranno di stanchezza e dolori muscolari, tuttavia il miglioramento a livello umorale è praticamente istantaneo nella maggior parte dei casi.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Effetti dell'Allenamento: 13 Buoni Motivi per Allenarsi
02 Ottobre 2014

Effetti dell'Allenamento: 13 Buoni Motivi per Allenarsi

Quali sono gli effetti di un allenamento corretto e in quanto tempo si perdono i benefici se si smette

È risaputo che allenarsi correttamente fa bene. I benefici sono tanti e il tempo per perdere i benefici dell'allenamento con nostra sorpresa...

Dimagrimento Improvviso Involontario, quali possono essere le Cause?
21 Gennaio 2016

Dimagrimento Improvviso Involontario, quali possono essere le Cause?

Le patologie che possono causare una inspiegabile perdita di peso

Se vogliamo dimagrire lo sappiamo, la cosa migliore è fare esercizio fisico, ridurre l'apporto calorico complessivo e adottare sane abitudini alimentari e si devono assolutamente evitare le diete troppo severe o che si proclamano miracolose...

Ultimi post pubblicati

Swiss Bar: Benefici Ed Esercizi
20 Maggio 2019

Swiss Bar: Benefici Ed Esercizi

Questo attrezzo speciale ha diverse maniglie che si possono utilizzare per variare il posizionamento delle mani durante gli esercizi di distensione e trazione, permettendo di migliorare la forza assicurando altresì una presa multipla salda ed una perfetta stabilità durante l'esecuzione dei movimenti.

Alimenti e Integratori Che Aumentano il Testosterone
18 Maggio 2019

Alimenti e Integratori Che Aumentano il Testosterone

Il testosterone alto, il principale ormone maschile, è un ottimo segno per la salute, ecco perché ci si domanda sempre come aumentarlo con l'alimentazione o altre soluzioni, ovviamente naturali e non chimiche.