(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Farmaci Anti-Obesità, Perché Devono Essere L'ultima Delle Soluzioni

data di redazione: 15 Marzo 2016
Farmaci Anti-Obesità, Perché Devono Essere L'ultima Delle Soluzioni

Quando l'obesità viene combattuta con i farmaci o gli interventi invasivi

Non è con i farmaci e la chirurgia che si combatte l'obesità, prima di tutto bisogna percorrere la strada della corretta alimentazione e dell'attività fisica. Non è imbottendosi di farmaci infatti che si può pensare di affrontare il problema dell'obesità, con l'illusione che sia una giusta scorciatoia, o peggio ancora sottoponendosi ad un intervento chirurgico, per poi tornare a mangiare molto come prima e poi riprendere la vita sedentaria che si faceva in precedenza, riacquistando in men che non si dica i chili persi e tornando al punto di partenza.

Le strade da intraprendere, a parte casi particolari, sono due, dieta e sport, punto e basta!

Dopo che queste due opzioni non hanno dato risultati, quindi in un secondo momento, e dopo aver consultato un medico specializzato, si può cominciare a pensare di intraprendere strade alternative. In ogni caso non si fa riferimento alla chirurgia o ai farmaci per perdere qualche chilo, ma per affrontare un problema serio di obesità o quando ad un sovrappeso significativo si aggiungono fattori di rischio come diabete e malattie cardiovascolari.

Il medico valuterà il quadro clinico del paziente e deciderà, in comune accordo, una strada da intraprendere, prima fra tutte il cambiamento dello stile di vita. È chiaro che senza questo cambiamento, né la chirurgia né i farmaci potranno risolvere in maniera definitiva il problema.

NON CI SI IMPROVVISA DOTTORI...

Certo, non possiamo improvvisarci dottori e decidere da soli. Il medico specializzato dovrà indirizzare e guidare il paziente (quindi nei casi dove altre soluzioni non hanno dato esito positivo) verso una terapia per mezzo di farmaci, e questo per due ragioni:

i farmaci sono degli strumenti che possono aiutare, ma solo se usati in maniera corretta e in un contesto in cui si è già avviato un percorso di modifica di stili di vita scorretti

l'obesità è un problema di salute complesso, che richiede una valutazione clinica e una supervisione medica, in quanto porta con sè altri problemi (cardiovascolari e respiratori innanzitutto) che possono compromettere la salute generale del paziente

Detto questo è facile intuire che solo un medico può tracciare il quadro di salute generale del paziente e stabilire insieme a lui quali sono gli obbiettivi da raggiungere. È bene sapere che l'obbiettivo a lungo termine non deve essere la semplice perdita di peso, ma il mantenimento del peso forma raggiunto e una buona condizione di salute generale, e questo richiede notevoli sforzi, cambiamenti e impegno costante.

I FALLIMENTI

Già anni addietro i farmaci anti-obesità entrati in commercio hanno fallito; per fare un esempio di un caso abbastanza recente basti pensare alla subutramina, che nel gennaio del 2010 è stata sospesa in tutta Europa, perché i rischi che si correvano erano di gran lunga maggiori dei benefici.

Infatti era facile incorrere in:

  • problemi cardiovascolari
  • ipertensione
  • tachicardia
  • aritmia
  • arresto cardiaco

C'è un secondo caso di un paio di anni prima, precisamente nel 2008, quando è stato ritirato un altro farmaco anti-obesità, il rimonabant, entrato in commercio in Italia nei primi mesi del 2008 e ritirato con urgenza a ottobre dello stesso anno.

Il rimonabant causava gravi disturbi psichiatrici:

  • problemi del sonno
  • depressione
  • ansia
  • aggressività
  • ideazione al suicidio

Inoltre si è dimostrato scarsamente efficace in termini reali di dimagrimento. Come per l'altro farmaco quest'ultimo è stato ritirato perchè i rischi erano molto maggiori dei suoi benefici.

Nonostante tutto ci sono dei farmaci abbastanza efficaci per combattere l'obesità, ma come abbiamo già detto devono essere adottati nei casi più gravi, e sotto la supervisione di un medico specializzato, e da soli non sono comunque in grado di risolvere in modo definitivo il problema.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Paura dell'Esercizio Fisico e Sindrome da Stanchezza Cronica
15 Gennaio 2015

Paura dell'Esercizio Fisico e Sindrome da Stanchezza Cronica

Ecco cosa rivela un recente studio

'La paura dell'esercizio fisico' è il più grande ostacolo nel recupero dalla sindrome da stanchezza cronica Secondo i dati degli studi riportati sulla rivista The Lancet Psychiatry, uno degli elementi più importanti per migliorare la funzione fisica nei pazienti con sindrome da stanchezza cronica è usare una terapia per ridurre la paura che l'esercizio fisico possa peggiorare i sintomi piuttosto che migliorarli.

Beta Glucano
26 Febbraio 2015

Beta Glucano

Un tipo di fibra che ha ricevuto molta attenzione ultimamente è il beta-glucano, un polimero del glucosio che si trova nelle pareti cellulari dei cereali (per esempio, l'avena, orzo), alcuni tipi di funghi (per esempio, reishi, shiitake, maitake), lieviti e alghe. Una quantità minore si trova nel grano, segale e sorgo. 

Ultimi post pubblicati

TWIST ROLLER PER ESTENSORI AVAMBRACCI
12 Dicembre 2018

TWIST ROLLER PER ESTENSORI AVAMBRACCI

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali
10 Dicembre 2018

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali

Il migliore metodo per evitare un doloroso infortunio ai flessori della coscia è la prevenzione. Spesso accade che gli atleti, quando sono in forma, tendono a strafare e spesso e volentieri sono gli eccessivi carichi di lavoro a produrre questo genere di infortunio.