Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Farmaci Anti-Obesità, Perché Devono Essere L'ultima Delle Soluzioni

data di redazione: 15 Marzo 2016
Farmaci Anti-Obesità, Perché Devono Essere L'ultima Delle Soluzioni

Quando l'obesità viene combattuta con i farmaci o gli interventi invasivi

Non è con i farmaci e la chirurgia che si combatte l'obesità, prima di tutto bisogna percorrere la strada della corretta alimentazione e dell'attività fisica. Non è imbottendosi di farmaci infatti che si può pensare di affrontare il problema dell'obesità, con l'illusione che sia una giusta scorciatoia, o peggio ancora sottoponendosi ad un intervento chirurgico, per poi tornare a mangiare molto come prima e poi riprendere la vita sedentaria che si faceva in precedenza, riacquistando in men che non si dica i chili persi e tornando al punto di partenza.

Le strade da intraprendere, a parte casi particolari, sono due, dieta e sport, punto e basta!

Dopo che queste due opzioni non hanno dato risultati, quindi in un secondo momento, e dopo aver consultato un medico specializzato, si può cominciare a pensare di intraprendere strade alternative. In ogni caso non si fa riferimento alla chirurgia o ai farmaci per perdere qualche chilo, ma per affrontare un problema serio di obesità o quando ad un sovrappeso significativo si aggiungono fattori di rischio come diabete e malattie cardiovascolari.

Il medico valuterà il quadro clinico del paziente e deciderà, in comune accordo, una strada da intraprendere, prima fra tutte il cambiamento dello stile di vita. È chiaro che senza questo cambiamento, né la chirurgia né i farmaci potranno risolvere in maniera definitiva il problema.

NON CI SI IMPROVVISA DOTTORI...

Certo, non possiamo improvvisarci dottori e decidere da soli. Il medico specializzato dovrà indirizzare e guidare il paziente (quindi nei casi dove altre soluzioni non hanno dato esito positivo) verso una terapia per mezzo di farmaci, e questo per due ragioni:

i farmaci sono degli strumenti che possono aiutare, ma solo se usati in maniera corretta e in un contesto in cui si è già avviato un percorso di modifica di stili di vita scorretti

l'obesità è un problema di salute complesso, che richiede una valutazione clinica e una supervisione medica, in quanto porta con sè altri problemi (cardiovascolari e respiratori innanzitutto) che possono compromettere la salute generale del paziente

Detto questo è facile intuire che solo un medico può tracciare il quadro di salute generale del paziente e stabilire insieme a lui quali sono gli obbiettivi da raggiungere. È bene sapere che l'obbiettivo a lungo termine non deve essere la semplice perdita di peso, ma il mantenimento del peso forma raggiunto e una buona condizione di salute generale, e questo richiede notevoli sforzi, cambiamenti e impegno costante.

I FALLIMENTI

Già anni addietro i farmaci anti-obesità entrati in commercio hanno fallito; per fare un esempio di un caso abbastanza recente basti pensare alla subutramina, che nel gennaio del 2010 è stata sospesa in tutta Europa, perché i rischi che si correvano erano di gran lunga maggiori dei benefici.

Infatti era facile incorrere in:

  • problemi cardiovascolari
  • ipertensione
  • tachicardia
  • aritmia
  • arresto cardiaco

C'è un secondo caso di un paio di anni prima, precisamente nel 2008, quando è stato ritirato un altro farmaco anti-obesità, il rimonabant, entrato in commercio in Italia nei primi mesi del 2008 e ritirato con urgenza a ottobre dello stesso anno.

Il rimonabant causava gravi disturbi psichiatrici:

  • problemi del sonno
  • depressione
  • ansia
  • aggressività
  • ideazione al suicidio

Inoltre si è dimostrato scarsamente efficace in termini reali di dimagrimento. Come per l'altro farmaco quest'ultimo è stato ritirato perchè i rischi erano molto maggiori dei suoi benefici.

Nonostante tutto ci sono dei farmaci abbastanza efficaci per combattere l'obesità, ma come abbiamo già detto devono essere adottati nei casi più gravi, e sotto la supervisione di un medico specializzato, e da soli non sono comunque in grado di risolvere in modo definitivo il problema.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

L'aumento di Grassi Saturi nella Dieta non Solleva i Livelli di Grassi nel Sangue
29 Novembre 2014

L'aumento di Grassi Saturi nella Dieta non Solleva i Livelli di Grassi nel Sangue

Un nuovo studio controllato sulla dieta, ha scoperto che aumentando l'assunzione di grassi saturi nella dieta non porta ad un aumento dei livelli di grassi saturi nel sangue. Tuttavia, aumentando la quantità di carboidrati nella dieta porta ad aumentare i livelli di un acido grasso associato al diabete e a malattie cardiache.

Non Dormire Fa Ingrassare?
19 Gennaio 2018

Non Dormire Fa Ingrassare?

Di solito, le ore di sonno consigliate sono sette o otto per notte. Sia dormire di più, che dormire di meno, altera gli equilibri dell’orologio biologico, scombussolando anche il senso di fame. In sogni caso, si può parlare di vera mancanza di sonno quando si dorme meno di cinque ore. In media, chi dorme così poco assume quasi 400 calorie in più durante la giornata rispetto a chi ha un sonno regolare e soddisfacente.

Ultimi post pubblicati

La Guida Definitiva Per Scolpire i Tuoi Addominali
03 Giugno 2020

La Guida Definitiva Per Scolpire i Tuoi Addominali

Guida definitiva e risolutiva che vi darà una grossa mano per scolpire i vostri addominali. Nella guida avrete utili consigli su cosa mangiare, su quali esercizi scegliere ed effettuare, su quali integratori assumere, su come fare la doccia e altri piccoli suggerimenti utili.

Allenamento e Dieta Attuali di Mike Tyson
03 Giugno 2020

Allenamento e Dieta Attuali di Mike Tyson

A 53 anni suonati l'ex campione dei pesi massimi vuole rientrare a combattere (anche se solo per beneficenza): alla riscoperta di un eroe maledetto che non ha mai smesso di cercare sè stesso. Il grande ritorno pare sarà solo per beneficenza e solamente per una manciata di round. Anche l’avversario sembra ormai deciso: Evander Holyfield, il nemico di sempre.