(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Artrite e Bagni Termali

data di redazione: 28 Giugno 2015
Artrite e Bagni Termali

Una Soluzione Naturale contro i Dolori Reumatici

ARTRITE E BAGNI TERMALI

UNA SOLUZIONE NATURALE CONTRO I DOLORI REUMATICI

 

Fin dall'antichità, l'uomo ha impiegato i bagni minerali per il trattamento di varie malattie. Le sorgenti minerali, si sa, sono fonti dalle quali scaturisce un'acqua naturalmente ricca di minerali, e proprio le sorgenti, un tempo, ed in alcuni casi ancora oggi, sono luoghi di cura assai popolari ed apprezzati. 

 

Negli ultimi decenni comunque, hanno fatto la loro comparsa farmaci miracolosi di ogni tipo, e di conseguenza l'idea di metodi di trattamento più blandi e sbrigativi, piuttosto che passare del tempo in una stazione termale per liberarsi dalle sofferenze dell'artrite o reumatismi di ogni genere.

 

TORNARE AI VECCHI METODI


Il fatto è che nella stragrande maggioranza dei casi, se non sempre, i farmaci sono incapaci di curare definitivamente questo tipo di patologie, a parte alleviarne i dolori o tenerne a bada per brevi periodi i sintomi della malattia, che continua comunque ad avanzare ed aggravarsi senza che neanche ce ne accorgiamo. Nel caso delle malattie reumatiche, dunque, sarebbe il caso di riprendere in considerazione uno dei metodi più antichi di trattamento, che certamente non può fare alcun male, anzi!

 

I bagni caldi alleviano molti tipi di sintomi dolorosi, questo lo sappiamo tutti, come sappiamo che un bel bagno caldo può rilassare i muscoli induriti e alleviare il dolore alle giunture che proviamo dopo un duro allenamento, diciamo che è un vecchio rimedio della nonna.

 

Ma forse, quello che spesso non si sa è il perchè il caldo umido in questi casi è molto più efficace del caldo secco nell'alleviare il dolore, e questo avviene semplicemente per tre ragioni:

  1. accelera l'eliminazione delle scorie mediante la pelle e i reni
  2. migliora la circolazione del sangue e degli altri liquidi corporei, dato che il calore favorisce la dilatazione dei vasi sanguigni
  3. causa la rimozione meccanica delle aderenze, e ammorbidimento di ogni ispessimento dei muscoli e dei tessuti

L'efficacia del bagno caldo dipende:

  1. dalla misura dell'immersione del corpo
  2. dalla temperatura dell'acqua
  3. dalla durata del bagno

La caratteristica forse più fastidiosa delle malattie reumatiche è la rigidità delle articolazioni. Qualsiasi cosa capace di allentare le articolazioni e di conferire una maggiore libertà di movimenti, come appunto il caldo umido, deve essere considerata benefica. Se i muscoli sono costretti all'inattività, questo fa si che divenga sempre più difficile impiegarli, il che porta ad una sempre maggiore inattività e sempre maggior sofferenza, e a una diminuzione della mobilità della persona.

 

BAGNO IN ACQUA COMUNE O MINERALE?

Ma è possibile che i benefici effetti dei bagni minerali siano semplicemente dovuti all'acqua calda e al rilassamento che segue ad un bagno caldo?
Si direbbe di no, dato che i ricercatori tramite esperimenti su pazienti hanno accertato che i bagni in acque minerali davano risultati nettamenente superiori in confronto a quelli che avevano fatto il trattamento in acque comuni. Tutto questo grazie ai minerali presenti nell'acqua, che vengono assorbiti dalla pelle.

 

Dall'esperimento effettuato dai ricercatori, e poi riportato nel Journal of Bone and Joint Surgery, si accertava che i pazienti artritici assorbivano zolfo da questi bagni e quindi ne colmavano una loro carenza ottenendone un enorme beneficio. Risultava infatti, che il contenuto in cistina nelle unghie dei pazienti artritici era molto inferiore a quello delle unghie dei soggetti sani. La cistina è una delle proteine ad alto contenuto di zolfo.
Si è quindi scoperto che il contenuto in cistina delle unghie risultava accresciuto in seguito a un bagno in acqua solforosa.

 

Quindi, invece di ricorrere sempre ai soliti medicinali, a meno che non sia il vostro medico in casi estremi a prescriverveli, valutate un soggiorno in un centro termale, magari d'estate quando il ritmo dei vostri allenamenti è più blando, con un programma costituito da bagni in acque minerali termali e fanghi, includendovi esercizi correttivi idonei, e vedrete che ne otterrete benefici enormi.

 

ti potrebbe interessare:

Buon ABC Allenamento  

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Cuffia dei Rotatori: Come Salvaguardarla
02 Ottobre 2014

Cuffia dei Rotatori: Come Salvaguardarla

Esercizi e prevenzione per non incorrere in questo problema

La cuffia dei rotatori è un complesso di muscoli e tendini della spalla che offre grande stabilità all’articolazione scapolo-omerale.Non trattandosi di un muscolo singolo, ma dell'insieme di ben 4 muscoli e rispettivi tendini.  

Le Varie Problematiche della Spalla
22 Novembre 2016

Le Varie Problematiche della Spalla

Come ben sappiamo, la spalla è un articolazione che spesso è soggetta a problematiche infiammatorie o traumatiche soprattutto negli atleti e in particolare in quegli sport dove essa viene particolarmente sollecitata.

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.