(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il Massaggio Giusto a Seconda dello Sport Praticato

data di redazione: 18 Luglio 2016
Il Massaggio Giusto a Seconda dello Sport Praticato

Ogni sportivo, ogni atleta, di qualsiasi attività sportiva si tratti, ha bisogno del massaggio per ossigenare la muscolatura e rendere così il suo corpo più efficiente. La stimolazione manuale dei muscoli favorisce la circolazione sanguigna, favorisce l'elasticità, il trofismo, cioè lo stato di nutrizione degli organi, e il giusto tono muscolare, aiutando l'atleta nelle fasi preparatorie o post allenamento.

Prima delle competizioni un breve massaggio infatti può favorire un più rapido riscaldamento muscolare, mentre a gara conclusa aiuta a eliminare le scorie metaboliche e a risolvere le tensioni e le contratture muscolari, consentendo un recupero più rapido nello sportivo.

Ma ogni sport è diverso dall'altro, e mentre il runner solleciterà maggiormente la muscolatura degli arti inferiori il pugile utilizzerà invece prevalentemente quelli superiori; da questo ne deriva che ogni disciplina sportiva richiede di massaggiare con più attenzione una determinata zona del corpo.

Vediamo allora le zone da trattare con più cura in alcune tra le più comuni attività sportive.

IL CICLISMO

Il ciclista si dovrà concentrare sui muscoli del collo, del cingolo scapolare e del braccio, estensori del rachide, addominali, quadricipite, tricipite e surali. Al termine della gara, meglio se dopo una doccia calda, è opportuno eseguire un massaggio che interessi gli stessi muscoli ma soprattutto quelli del dorso.

IL NUOTO

Per il nuotatore è preferibile un massaggio generale, ma in forma leggera per non creare problemi al tipo di lavoro e al movimento, che in genere è borbido e ritmico.

IL CALCIO

Per quello che riguarda il giocatore di calcio, il massaggio dovrebbe interessare tutti i muscoli degli arti inferiori, con particolare riguardo a tricipite surale, quadricipite, ischio crurali, estensori del dorso e muscoli del collo. Dopo la partita il massaggio deve avere una durata superiore a quello di preparazione ed è meglio effettuarlo dopo la doccia. Al termine sarebbe bene rimanere distesi per almeno mezz'ora.

PUGILATO

Per i pugili il massaggio deve concentrarsi sull'avambraccio, al braccio, deltoide, cingolo scapolo omerale, estensori del rachide, sugli addominali, sul tricipite surale ed infine al tendine d'Achille.

IL CANOTTAGGIO

Chi pratica questo sport deve massaggiare i muscoli del collo, del cingolo scapolare e del braccio, estensori del rachide, gli addominali, il quadricipite, tricipite e surali. Dopo le competizioni sempre dopo una bella doccia calda, il massaggio dovrà interessare gli stessi muscoli ma soprattutto quelli del dorso.

LO SCI

Il sciatore, dopo il riscaldamento, deve sottoporsi ad un massaggio generale, focalizzandosi sul polpaccio, sul dorso, sull'avambraccio e le spalle. A fine gara deve trattare anche le mani e gli arti superiori, specie chi pratica sci di fondo.

LANCIO DEL PESO

Chi pratica questa disciplina sportiva deve massaggiare il cingolo scapolo-omerale, grande dorsale e grande rotondo. I lanciatori di giavellotto oltre a questi muscoli devono eseguire il trattamento anche agli arti inferiori.

I RUNNER

I corridori che percorrono brevi distanze devono effettuare il massaggio oltre che sulla pianta e dita dei piedi, anche al tendine d'Achille, tricipite surale, ischio crurali ed estensori del rachide. Sarebbe bene massaggiare, sebbene in tono minore anche i deltoidi. Chi invece corre su lunghe distanze deve concentrarsi soprattutto sugli estensori del rachide e glutei.

IL BASKET

Nella pallacanestro è bene fare un massaggio generale, ma focalizzato in maniera più accurata sull'avambraccio, sulle spalle e ai polpacci. È molto utile anche il massaggio digitale alle mani.

CORSA A OSTACOLI E SALTO IN LUNGO

Questa categoria di sportivi deve trattare il tendine d'Achille, tricipite surale, quadricipite, glutei e, in minor misura i muscoli del dorso. Sarebbe anche bene massaggiare le articolazioni dei piedi, con una sucessiva mobilizzazione passiva e attiva.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Vincere la Tendinite con le Terapie Naturali
08 Maggio 2016

Vincere la Tendinite con le Terapie Naturali

Metodi della medicina naturale per combattere una delle infiammazioni più frequenti

Durante gli allenamenti sportivi o comunque attività fisiche impegnative dobbiamo imparare ad ascoltare il nostro corpo. Quando sentiamo un dolore di una certa importanza a volte bisogna sapersi fermare per dare al nostro corpo tempo per recuperare e auto-ripararsi.

Rottura del Tendine del Bicipite
07 Dicembre 2014

Rottura del Tendine del Bicipite

Doloroso infortunio al braccio

La rottura del tendine del bicipite, può verificarsi in soggetti anche giovani e coinvolge uno dei due capi del tendine. Di solito è coinvolto il Capo Lungo del Bicipite mentre l’altro, il Capo Breve del Bicipite è molto poco frequente

Ultimi post pubblicati

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata
23 Settembre 2018

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata

Sifu Sandro Ci Spiega la Giusta Distanza per Sferrare una Gomitata

La gomitata è uno dei colpi più potenti e letali in quanto è un colpo che taglia, è un colpo che è in grado di concludere una lite, un match di muay thay o mma. Proprio per il fatto che la superficie di impatto è in pratica lo spigolo del gomito, questo tipo di colpo, anche se non è portato alla massima potenza, è in grado di aprire una profonda ferita.

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello
22 Settembre 2018

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello

La ricetta base è di origine romana, ma ogni regione ne ha una propria versione: la caratteristica di base, da cui deriva il nome “alla diavola”, è il colore rosso del pollo grazie alla consistente aggiunta di peperoncino, sia la paprica dolce che quello piccante.
Preparazione: 60 min.
Difficoltà: 5
N. porzioni: 4