Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali

data di redazione: 10 Dicembre 2018
Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali

Nell'anatomia umana i muscoli ischiocrurali (in inglese hamstring) sono un gruppo di muscoli che fanno parte della parte posteriore della coscia.

  • Bicipite femorale (capo lungo), nella parte laterale;
  • Semitendinoso, nella parte mediale;
  • Semimembranoso, nella parte mediale.

ORIGINE, INSERZIONE ED AZIONE

  • Tutti i muscoli hanno in comune l'origine (tuberosità ischiatica), innervazione (nervo ischiatico o sciatico) e funzione. 
  • Hanno origine dall'ischio, un osso del bacino, e si inseriscono nella tibia nella parte superiore. 
  • Il capo breve del bicipite femorale non è considerato parte degli ischio-crurali essendo un fascio mono-articolare che non origina dalla tuberosità ischiatica.
  • Sono muscoli biarticolari, cioè attraversano 2 articolazioni, anca e ginocchio, e svolgono 3 azioni biomeccaniche principali, ovvero quella di flettere la gamba sulla coscia, estendere la coscia sull'anca e controllare l'estensione della gamba durante il movimento di estensione. 
  • Il capo lungo del bicipite femorale in aggiunta extra-ruota la gamba e la coscia.
  • Il semimebranoso e semitendinoso in aggiunta intra-ruotano la gamba (a ginocchio flesso), mentre adducono e intra-ruotano la coscia.

Funzione principale dei muscoli ischio-crurali è quindi quella di permettere all'essere umano di camminare e di correre. Durante la corsa, infatti, questi muscoli sono soggetti a diverse forze e sollecitazioni. 

Essendo dei muscoli delicati possono essere soggetti ad infortuni soprattutto nelle corse ad alta velocità come gli sprint o scatti oppure in esercizi esplosivi con carichi elevati o superiori alle nostre possibilità. 

Che cosa causa lo stiramento dei flessori della coscia?

Le cause di questo tipo di infortunio possono essere diverse:

  • Cattiva meccanica della corsa. 
  • Scarso riscaldamento. 
  • Inappropriato carico di lavoro. 
  • Affaticamento
  • Mal di schiena.

Quali sono i sintomi dello stiramento dei flessori della coscia?

  • Uno stiramento di media entità causa una sensazione di tensione o leggero dolore nella parte posteriore della coscia. 
  • Un stiramento grave invece è estremamente doloroso e impedisce di camminare se non addirittura di rimanere in piedi. 
  • Con uno stiramento grave, durante l'attività, si avverte un dolore improvviso e acuto che assomiglia ad uno strappo muscolare.
  • I sintomi sono: dolore nella parte posteriore della coscia o alla base del gluteo quando si cammina, si allunga la gamba o ci si piega in avanti

Il tempo di recupero varia molto a seconda del tipo di infortunio e dell’attività sportiva che si pratica. 

  • Grado 1 – da 1 a 3 settimane
  • Grado 2 – da 4 a 8 settimane
  • Grado 3 – da 3 a 6 mesi. Questo tipo di infortunio in alcuni casi richiede un intervento chirurgico

Il migliore metodo per evitare un doloroso infortunio ai flessori della coscia è la prevenzione. Spesso accade che gli atleti, quando sono in forma, tendono a strafare e spesso e volentieri sono gli eccessivi carichi di lavoro a produrre questo genere di infortunio.

Diciamo questo, perché Youtube, gli influencer possono indurre l'atleta a strafare effettuando allenamenti fuori portata, troppo intensivi.

Ad esempio anche se siete bodybuilder esperti, ed effettuate quintali di squat, questo non vuol dire che potete effettuare di punto in bianco una serie di sprint al parco magari con un vest zavorrato addosso.

Viceversa anche se siete dei Runner esperti, questo non vuol dire che potete effettuare di punto in bianco 100 kg di squat o 200 kg di pressa. 

Consigliamo sempre e comunque di portare il corpo a determinati carichi di lavoro in modo progressivo come avviene per una normale scheda di allenamento con i pesi. 

Quando dovete affrontare dei workout misti con esercizi e attività cardio pesanti, date al vostro corpo qualche settimana di tempo per adattarsi e prepararsi, siate saggi ed allenatevi in maniera progressiva.

    Scritto da: ABC Team
    Scarica eBook

    Potrebbe interessarti anche

    Scoliosi, Come Possiamo Controllare Eventuali Anomalie nella Schiena dei nostri Figli
    15 Maggio 2016

    Scoliosi, Come Possiamo Controllare Eventuali Anomalie nella Schiena dei nostri Figli

    ​La parola "scoliosi" deriva dal Greco e significa "curvo". La curvatura della scoliosi è anomala in quanto è una curva laterale o a forma di S, e questa deformazione si verifica soprattutto a carico delle vertebre toraciche.

    L'Uso del Bite per gli Sportivi
    13 Agosto 2015

    L'Uso del Bite per gli Sportivi

    Allenarsi con il Bite migliora le performance?

    Il bite per denti è un apparecchio trasparente realizzato in resina acrilica trasparente o con materiali termoformati, simile al paradenti usati dagli sportivi durante le gare. Bite significa “morso”, poiché si posiziona tra le due arcate dentarie e lo si morde, portando la mandibola ad assumere la posizione corretta, correggendola nella sua postura.

    Ultimi post pubblicati

    L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
    07 Luglio 2020

    L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

    Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

    Fullbody in Giant Sets
    03 Luglio 2020

    Fullbody in Giant Sets

    Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

    Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.