Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali

data di redazione: 10 Dicembre 2018
Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali

Nell'anatomia umana i muscoli ischiocrurali (in inglese hamstring) sono un gruppo di muscoli che fanno parte della parte posteriore della coscia.

  • Bicipite femorale (capo lungo), nella parte laterale;
  • Semitendinoso, nella parte mediale;
  • Semimembranoso, nella parte mediale.

ORIGINE, INSERZIONE ED AZIONE

  • Tutti i muscoli hanno in comune l'origine (tuberosità ischiatica), innervazione (nervo ischiatico o sciatico) e funzione. 
  • Hanno origine dall'ischio, un osso del bacino, e si inseriscono nella tibia nella parte superiore. 
  • Il capo breve del bicipite femorale non è considerato parte degli ischio-crurali essendo un fascio mono-articolare che non origina dalla tuberosità ischiatica.
  • Sono muscoli biarticolari, cioè attraversano 2 articolazioni, anca e ginocchio, e svolgono 3 azioni biomeccaniche principali, ovvero quella di flettere la gamba sulla coscia, estendere la coscia sull'anca e controllare l'estensione della gamba durante il movimento di estensione. 
  • Il capo lungo del bicipite femorale in aggiunta extra-ruota la gamba e la coscia.
  • Il semimebranoso e semitendinoso in aggiunta intra-ruotano la gamba (a ginocchio flesso), mentre adducono e intra-ruotano la coscia.

Funzione principale dei muscoli ischio-crurali è quindi quella di permettere all'essere umano di camminare e di correre. Durante la corsa, infatti, questi muscoli sono soggetti a diverse forze e sollecitazioni. 

Essendo dei muscoli delicati possono essere soggetti ad infortuni soprattutto nelle corse ad alta velocità come gli sprint o scatti oppure in esercizi esplosivi con carichi elevati o superiori alle nostre possibilità. 

Che cosa causa lo stiramento dei flessori della coscia?

Le cause di questo tipo di infortunio possono essere diverse:

  • Cattiva meccanica della corsa. 
  • Scarso riscaldamento. 
  • Inappropriato carico di lavoro. 
  • Affaticamento
  • Mal di schiena.

Quali sono i sintomi dello stiramento dei flessori della coscia?

  • Uno stiramento di media entità causa una sensazione di tensione o leggero dolore nella parte posteriore della coscia. 
  • Un stiramento grave invece è estremamente doloroso e impedisce di camminare se non addirittura di rimanere in piedi. 
  • Con uno stiramento grave, durante l'attività, si avverte un dolore improvviso e acuto che assomiglia ad uno strappo muscolare.
  • I sintomi sono: dolore nella parte posteriore della coscia o alla base del gluteo quando si cammina, si allunga la gamba o ci si piega in avanti

Il tempo di recupero varia molto a seconda del tipo di infortunio e dell’attività sportiva che si pratica. 

  • Grado 1 – da 1 a 3 settimane
  • Grado 2 – da 4 a 8 settimane
  • Grado 3 – da 3 a 6 mesi. Questo tipo di infortunio in alcuni casi richiede un intervento chirurgico

Il migliore metodo per evitare un doloroso infortunio ai flessori della coscia è la prevenzione. Spesso accade che gli atleti, quando sono in forma, tendono a strafare e spesso e volentieri sono gli eccessivi carichi di lavoro a produrre questo genere di infortunio.

Diciamo questo, perché Youtube, gli influencer possono indurre l'atleta a strafare effettuando allenamenti fuori portata, troppo intensivi.

Ad esempio anche se siete bodybuilder esperti, ed effettuate quintali di squat, questo non vuol dire che potete effettuare di punto in bianco una serie di sprint al parco magari con un vest zavorrato addosso.

Viceversa anche se siete dei Runner esperti, questo non vuol dire che potete effettuare di punto in bianco 100 kg di squat o 200 kg di pressa. 

Consigliamo sempre e comunque di portare il corpo a determinati carichi di lavoro in modo progressivo come avviene per una normale scheda di allenamento con i pesi. 

Quando dovete affrontare dei workout misti con esercizi e attività cardio pesanti, date al vostro corpo qualche settimana di tempo per adattarsi e prepararsi, siate saggi ed allenatevi in maniera progressiva.

    Scritto da: ABC Team
    Scarica eBook

    Scarica eBook

    Potrebbe interessarti anche

    Sindrome da conflitto (impingment)
    02 Marzo 2019

    Sindrome da conflitto (impingment)

    La Sindrome da conflitto conosciuta anche come conflitto sub-acromiale colpisce la spalla e si manifesta quando lo spazio tra l’acromion e la testa omerale è più ristretto rispetto alla norma.

    Come riconoscere gli infortuni
    28 Ottobre 2014

    Come riconoscere gli infortuni

    Saperlo riconoscere vuol dire saperlo trattare

    La tempestività e la precisione nella diagnosi sono fondamentali per un'ottima e repentina guarigione.

    Ultimi post pubblicati

    YMCA Bench Press Test
    15 Luglio 2019

    YMCA Bench Press Test

    L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

    Tricipite Brachiale
    15 Luglio 2019

    Tricipite Brachiale

    Origine - Inserzione - Azione

    Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.