(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Lo Stacco da Terra Logora i Dischi della Colonna Vertebrale?

data di redazione: 14 Aprile 2015 - data modifica: 10 Marzo 2017
Lo Stacco da Terra Logora i Dischi della Colonna Vertebrale?

Gli stacchi da terra allenano i muscoli superiori e inferiori della schiena, fianchi e gambe. Oltre a migliorare la postura e rafforzare i muscoli, gli stacchi migliorano la vostra forza e potenza. Esistono diversi stili di stacco, quindi, se avete problemi con uno stile di stacco, si può anche sperimentare con un altro stile. Se avete un infortunio alla schiena preesistente, consultate il proprio medico prima di tentare lo stacco. Se si utilizza la forma corretta, e non ci sono lesioni preesistenti della schiena, gli stacchi non danneggiano i dischi.

Stacco / Deadlift

Lo stacco convenzionale, o lo stile più comune di stacco, consiste nel tirare un bilanciere caricato da terra. I piedi dovrebbero essere in una posizione non più larga delle spalle, e si dovrebbe afferrare il bilanciere con le mani appena all'esterno delle gambe. Per evitare sforzi eccessivi sulla parte bassa della schiena, chinarsi per afferrare il bilanciere, spingendo i fianchi indietro, tenendo le spalle dietro il bilanciere e il busto il più vicino possibile alla verticale. Quando si è in piedi con il bilanciere, continuare a spingere le spalle indietro, ed evitare di curvare la schiena durante tutto il movimento. Lo stacco convenzionale carica maggiormente la parte bassa della schiena, ma non è direttamente dannoso per i dischi della colonna vertebrale, secondo uno studio pubblicato su "Medicine and Science in Sports and Exercise."

Un'alternativa che può ridurre la forza di spinta sulla schiena bassa è lo stacco stile sumo. Lo Stacco Sumo si esegue mettendo i piedi più larghi della larghezza delle spalle, a volte quasi 1,5 volte la larghezza delle spalle. Spingendo i fianchi verso il basso e le ginocchia e punte dei piedi in fuori prima di tirare la barra dal suolo, bisogna essere in grado di mantenere una posizione di gran lunga più eretta del torso. Questo ha anche l'effetto di ridurre il lavoro svolto dalla parte bassa della schiena. Secondo n articolo del "Medicine and Science in Sports and Exercise," lo stacco sumo coinvolge le gambe più dello stacco convenzionale.


Anche se lo stacco, eseguito correttamente non è dannoso per i dischi della colonna vertebrale, se si dispone di zone della schiena affette da eventuali patologie, bisognerebbe allenarsi con estrema cautela in ogni momento. Per evitare sforzi ulteriori, limitare la forza di carico o la forza che viene applicata alla colonna vertebrale quando piegata, per quanto possibile. La colonna vertebrale può tollerare più forza verticale di quella che può esercitare in orizzontale, che è il motivo per cui una posizione più eretta del torso, come nel caso degli stacchi stile sumo oppure partendo col bilanciere in posizione più alta previo appositi rialzi, minimizza la forza di carico sulla schiena. Un errore comune quando si esegue lo stacco è quello di permettere l'allontanamento del bilanciere dal corpo. Mantenendo la barra il più possibile vicino al corpo, si riduce al minimo lo sforzo sulla parte bassa della schiena causata da un'eccessiva forza di carico.

Effetti dell'allenamento Stacco da Terra a Lungo Termine

(nella foto, stacco sumo prima e dopo)

Mentre non ci sono studi completi dell'allenamento dello stacco a lungo termine, uno studio di sei mesi pubblicato sul "Journal of Strength e conditioning of search" ha caratterizzato che lo stacco regolare non ha mostrato effetti negativi sull'allenamento. Dopo il periodo di sei mesi, tutti i partecipanti hanno mostrato un aumento della densità minerale ossea, il che significa che non solo hanno migliorato la loro massa muscolare, ma che ha beneficiato anche l'apparato scheletrico. Questa risposta è solitamente maggiore nei soggetti più giovani, mentre negli atleti si verifica a prescindere dall'età.

Un'altra forma di stacco che mette meno carico sulla colonna vertebrale, è quello eseguito con la Trap Bar, che potete approfondire in questo articolo.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Allenamento Body Building DOMS La Parola al Fisioterapista
12 Maggio 2018

Allenamento Body Building DOMS La Parola al Fisioterapista

Il DOMS (Delayed Onset Muscle Soreness): trattamento e strategie per ridurre la sensazione di “acido lattico”

Per “DOMS” (Delayed Onset Muscle Soreness,) s’intende uno stato di indolenzimento del muscolo che sopraggiunge solitamente quando si svolge un allenamento fisico anaerobico di intensità elevata. La sensazione di dolore è continua, si esacerba con la pressione e viene percepita tra le 24-48 ore successive all’espletamento dell’attività fisica, anche se in alcuni casi può protrarsi fino a 7 giorni. L’insorgere di tale sensazione, variabile da individuo a individuo, è molto più probabile se l’attività fisica non è preceduta da adeguato riscaldamento e se la natura dell’attività praticata è di natura prevalentemente eccentrica

Allenamento e Dolori al Collo
02 Ottobre 2014

Allenamento e Dolori al Collo

Un Dolore invalidante che non permette di effettuare attività fisica in maniera regolare

Quando ci troviamo a dover affrontare una situazione stressante, il corpo reagisce istintivamente producendo adrenalina per prepararsi ad affrontare il problema o a fuggire, il cosiddetto meccanismo di risposta "lotta o scappa".

Ultimi post pubblicati

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata
23 Settembre 2018

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata

Sifu Sandro Ci Spiega la Giusta Distanza per Sferrare una Gomitata

La gomitata è uno dei colpi più potenti e letali in quanto è un colpo che taglia, è un colpo che è in grado di concludere una lite, un match di muay thay o mma. Proprio per il fatto che la superficie di impatto è in pratica lo spigolo del gomito, questo tipo di colpo, anche se non è portato alla massima potenza, è in grado di aprire una profonda ferita.

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello
22 Settembre 2018

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello

La ricetta base è di origine romana, ma ogni regione ne ha una propria versione: la caratteristica di base, da cui deriva il nome “alla diavola”, è il colore rosso del pollo grazie alla consistente aggiunta di peperoncino, sia la paprica dolce che quello piccante.
Preparazione: 60 min.
Difficoltà: 5
N. porzioni: 4