Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

I Grassi Bruciano al Calore dei Carboidrati

data di redazione: 25 Luglio 2015
I Grassi Bruciano al Calore dei Carboidrati

Più volte ci è capitato di imbatterci nella frase " i grassi bruciano al calore dei carboidrati" ma molto probabilmente non ci siamo mai chiesti perché o comunque non siamo mai andati fino in fondo a capire quali sono i meccanismi fisiologici dei substrati energetici che giustifichino questa frase.

 

In effetti è cosi, i grassi bruciano al calore dei carboidrati.


Sarebbe a dire che è impossibile catabolizzare completamente gli acidi grassi in condizioni di carenza di intermedi del Ciclo di Krebs derivanti dai carboidrati.

 

La produzione di energia da parte dei lipidi avviene a livello del Ciclo di Krebs, questo si sviluppa all'interno dei mitocondri e rappresenta l'anello di coniugazione tra le vie cataboliche degli acidi grassi, dei glucidi semplici e degli amminoacidi, e durante la fosforilazione ossidativa mentre durante la prima fase del catabolismo lipidico, la Beta-ossidazione, avviene la scomposizione della catena carboniosa degli acidi grassi in Acetil-CoA.
Affinché l'Acetil-CoA prodotto con la Beta-ossidazione possa entrare nel ciclo di Krebs è necessario che intermedi di tale ciclo siano già disponibili a livello cellulare.


La prima tappa del Ciclo di Krebs prevede la condensazione dell'Acetil-CoA con ossalacetato; tale reazione risulta pertanto fondamentale per lo svolgimento del ciclo.


L'Ossalacetato viene prevelentemente sintetizzato ad opera dell'enzima Piruvato carbossilasi a partire dal Piruvato.


Il Piruvato è il prodotto finale della via glicolitica, quando c'è un abbondante deposito di carboidrati da catabolizzare nella glicolisi.
Questo perfetto meccanismo viene però ad incepparsi nel momento in cui la quantità di carboidrati a disposizione della cellalula diminuisce.


In tali condizioni, la ridotta formazione di Piruvato determinerà una ridotta sintesi di Ossalacetato, che di conseguenza non sarà disponibile a sufficienza per smaltire l'intera quantità di acetil-CoA prodotto nella Beta-Ossidazione, rendendo impossibile l'estrazione di energia immagazzinata sottoforma di lipidi.

 

Scritto da:
Lorenzo Palmieri,
Dott. In scienze motorie adattata e preventiva Pavia
Tesi su "integratori sportivi e loro applicazione "redatta con il prof. F. Marzatico e M.Negro

 

Riferimenti:

ALIMENTAZIONE FITNESS E SALUTE; autori: M.Neri, A.M. Bargossi , A.Paoli 
Bibliografia: Arienti G., Floridi A., Biochimica della nutrizione. Piccin ed., Padova, 1981.
Deo Leo T., Covone O., La biochima e la fisiologia della nutrizione. Iedelson-Gnocchi ed.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Diabete ed Integratori Alimentari
01 Ottobre 2014

Diabete ed Integratori Alimentari

Vediamo quali integratori alimentari risultano curativi per il diabete

Il diabete fa parte di un gruppo di malattie croniche che influenzano il metabolismo, il modo in cui il corpo utilizza il cibo per l'energia e la crescita. Milioni di persone hanno il diabete, che può portare a gravi problemi di salute, se non è gestito bene. Con trattamenti medici convenzionali e seguendo uno stile di vita sano

I Migliori Integratori per Ogni Gruppo Sanguigno
01 Ottobre 2016

I Migliori Integratori per Ogni Gruppo Sanguigno

Di che Gruppo Sanguigno Siete? Assumete Integratori?

Lo scopo di questo articolo è dare degli orientamenti generali per l’integrazione in relazione al proprio gruppo sanguigno di appartenenza.

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.