(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il Buono ed il Cattivo dei Grassi

data di redazione: 08 Novembre 2015
Il Buono ed il Cattivo dei Grassi

Per sfruttare al massimo i vantaggi che si possono ottenere dal consumo dei grassi, bisogna scegliere i grassi giusti, dando la preferenza a quelli monoinsaturi e polinsaturi ed evitando quelli saturi. Ci sono 2 categorie di grassi monoinsaturi e polinsaturi che sono considerate essenziali alla salute umana, in quanto l’organismo non è in grado di produrli; si tratta dei famosi omega-3 e omega-6 che, per la loro struttura, proteggono l’apparato cardiaco.


Per scegliere gli alimenti giusti
tra quelli descritti di seguito, è bene leggere attentamente le etichette. Si consiglia di optare per i cibi che contengono meno di 2 grammi di grassi saturi a porzione, come la margarina liquida o in tubetto e l’olio di oliva.

Il modo migliore per accertarsi se un cibo già pronto è ricco di grassi saturi è osservarne attentamente l’aspetto; non deve essere unto ed oleoso, altrimenti dopo mangiato vi accorgerete subito della differenza, perché vi sentirete pesanti e a corto di energia.

Alcuni alimenti da evitare, ad esempio, sono i latticini ed i grassi, le carni grasse, gli oli tropicali ed i tuorli d’uovo. L’elenco seguente non pretende di essere esaustivo, ma può costituire un valido punto di partenza per saper cosa acquistare e consumare.


FONTI DI GRASSI MONOINSATURI


Questi alimenti sono ricchi di acidi grassi omega-6:

  • olio di mandorle
  • avocado
  • olio di avocado
  • olio di mais
  • olio di nocciole
  • margarina cremosa e spalmabile
  • maionese
  • frutta oleaginosa
  • olio d’oliva
  • burro di arachidi
  • olio di arachidi
  • olio di sesamo
  • semi di sesamo
  • olio di soia
  • olio di girasole
  • semi di girasole

FONTI DI GRASSI POLINSATURI

Questi alimenti sono ricchi di acidi grassi omega-3:

  • olio di fegato di merluzzo
  • olio di semi di lino
  • semi di lino
  • halibut
  • aringa
  • sgombro
  • salmone
  • sardine
  • olio di sesamo
  • tonno
  • olio di noce

FONTE DI GRASSI SATURI


Evitate il più possibile di consumare questi alimenti ed i cibi che li contengono. La British Heart Fondation consiglia di limitare il consumo di grassi saturi al di sotto del 10% dell’apporto calorico totale. I cibi ricchi di grassi saturi si riconoscono dall’aspetto : i grassi solidi a temperatura ambiente come il burro e la parte grassa di alcuni tagli di manzo, ed i cibi dall’aspetto unto e oleoso sono da evitare. Grasso da cucina di origine animale, grasso di manzo, burro, olio di cocco, tuorlo d’uovo (da limitare), carni grasse, latticini grassi, oli tropicali.


FONTE DI TRANS-GRASSI (IDROGENATI)


E’ stato dimostrato scientificamente che gli oli parzialmente idrogenati, onnipresenti nei cibi lavorati e nei fast food, contengono i cosiddetti “trans-grassi”, che possono danneggiare le arterie, in base ad alcuni studi, i trans-grassi abbassano i livelli ematici di colesterolo HDL (“buono”) e fanno aumentare quelli di colesterolo LDL (“cattivo”). Non essendo obbligatorio indicare separatamente sulle etichette la quantità di trans-grassi presenti nei prodotti alimentari, è difficile sapere quanti se ne consumano esattamente. Un suggerimento: le patate fritte, il pesce fritto, i fast food, i prodotti da forno, i cracker, i biscotti contengono un’elevata quantità di trans-grassi.


LA CHIMICA DEI GRASSI


Acidi Grassi essenziali: sono gli acidi grassi di cui l’organismo ha bisogno ma che non può produrre da solo. Gli acidi grassi omega-3 e omega-6 sono acidi grassi essenziali


Acidi Grassi: sono gli elementi di cui sono costituiti i grassi e sono composti da catene stracolme di atomi di carbonio attaccati a degli atomi di idrogeno e da un composto “acido” costituito da carbonio, ossigeno e idrogeno.


Acidi Grassi Monoinsaturi:
Quando 2 atomi di carbonio della catena non sono legati da un lato a degli atomi di idrogeno, la molecola di grasso non è satura. Poiché gli atomi d’idrogeno mancanti lasciano libera una sola coppia di atomi di carbonio a doppio legame, questa molecola di grasso si dice monoinsatura; i grassi monoinsaturi sono liquidi a temperatura ambiente ma cominciano a solidificarsi quando vengono refrigerati.


Acidi Grassi Polinsaturi: Questo tipo di grassi hanno più un legame insaturo tra atomi di carbonio. I Grassi polinsaturi sono liquidi a temperatura ambiente e rimangono tali anche se vengono refrigerati.


Acidi Grassi Saturi: In questo caso ogni atomo di carbonio della catena è legato a tutti gli atomi d’idrogeno cui può legarsi; ecco perché questi grassi di si dicono saturi. Gli acidi grassi saturi sono solidi anche a temperatura ambiente.


BUONI SI’, MA FINO A CHE PUNTO?


Oltre a rafforzare il sistema nervoso, stabilizzare l’equilibrio ormonale e migliorare la salute delle articolazioni, i grassi sono indispensabili per assorbire le vitamine liposolubili A,D, E e K. E’ possibile assorbire queste vitamine solo assumendole insieme a degli alimenti che contengono grassi. Questa è una buona ragione per assumere il 20-30% dell’apporto calorico sotto forma di grassi. L’importante limitare il consumo di grassi saturi e trans idrogenati.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Donne, Sport e Giorni del Ciclo Mestruale
27 Ottobre 2015

Donne, Sport e Giorni del Ciclo Mestruale

È giusto fare attività sportiva durante i giorni del ciclo?

Durante il ciclo mestruale è sempre opportuno giustificarsi e non fare attività sportiva?

Yoga: La Salute e la Giovinezza Attraverso la Respirazione
01 Ottobre 2014

Yoga: La Salute e la Giovinezza Attraverso la Respirazione

La respirazione gioca un ruolo fondamentale nella pratica dello Yoga. In quest'articolo le tecniche principali di respirazione

La respirazione nella pratica Yoga riveste un ruolo fondamentale. Nell'articolo descriviamo le più importanti e la guida alla pratica della respirazione diaframmatica

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.