Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il Meccanismo Del Colpo Di Calore

data di redazione: 11 Agosto 2015
Il Meccanismo Del Colpo Di Calore

Come comportarsi quando si affronta un colpo di calore e come evitarlo

Già in un precedente articolo abbiamo parlato del colpo di calore, una patologia cui dobbiamo far fronte generalmente nei mesi estivi e che dobbiamo saper riconoscere ed evitare, ma quali sono i meccanismi che lo generano?

L'energia rilasciata dal metabolismo delle sostanze nutritive viene convertita quasi tutta in calore corporeo.

Questo succede anche per chi compie un grosso sforzo muscolare.

 

La massima efficienza per la conversione dell'energia fornita dalle sostanze nutritive in lavoro muscolare è soltanto del 20-25%, e il rimanete 75-80% viene convertito in calore.

 

Del resto quasi tutta l'energia che crea il lavoro muscolare diventa ancora calore corporeo, tranne solo una piccola porzione che viene impiegata a vincere la resistenza viscosa dei movimenti dei muscoli e delle articolazioni e per contrastare la frizione del sangue che circola nelle vene e nelle arterie.

Siccome la quantità di calore liberata nel corpo è proporzionale alla quantità di ossigeno consumato da un atleta, è facile intuire quali enormi quantità di calore si sviluppano all'interno dei tessuti durante il gesto atletico di una gara di resistenza, come una gara di fondo a piedi o una maratona.

 

ATLETI CON "LA FEBBRE"

Non è un caso se, anche in condizioni climatiche normali, la temperatura degli atleti sale comunque verso il "febbricitante" valore di 37 - 38 gradi centigradi.

In condizioni di caldo umido, o se ci siamo vestiti in modo eccessivo, si possono poi raggiungere temperature di 41 - 42 gradi, un livello che è decisamente pericoloso per le cellule dei tessuti e in particolare per le cellule nervose e cerebrali.

Se il meccanismo della sudorazione non dovesse riuscire ad eliminare il calore indotto dallo sforzo, allora l'atleta potrebbe incorrere molto presto nella cosidetta patologia del colpo di calore, caratterizzata dai seguenti sintomi:

 

  • estrema debolezza
  • mal di testa e vertigini
  • nausea
  • profonda sudorazione
  • difficoltà di coordinazione dei movimenti
  • collasso e perdita di coscienza

 

UNA PATOLOGIA PERICOLOSA

Il colpo di calore non è da sottovalutare e può portare perfino alla morte.

Spesso, nei casi più gravi, non basta interrompere l'attività fisica che si sta svolgendo per fare abbassare la temperatura; infatti quasi sempre questa continua a salire perchè la quantità di reazioni chimiche intracellulari ormai in atto liberano ancora e sempre più calore, nè va dimenticato che i meccanismi regolatori situati nei centri cerebrali (ipotalamo) anziché garantire un livello costante di temperatura (37 gradi a riposo) possono anche "saltare" e fallire nel loro compito.

 

IL TRATTAMENTO MIGLIORE PER IL COLPO DI CALORE

 

Il trattamento del colpo di calore si basa quindi sulla riduzione della temperatura del corpo il più rapidamente possibile:

 

  • bisogna rimuovere tutti gli indumenti
  • spruzzare con acqua fresca tutto il corpo
  • mettersi all'ombra e cercare di convogliare aria fresca verso l'infortunato
  • nei casi più gravi potrebbe essere necessario immergere l'atleta in acqua fresca

 

Se rispettate questi punti vedrete che rapidamente la temperatura corporea si ridurrà.

 

ACCLIMATARSI AL LUOGO

È raccomandabile inoltre che gli atleti che vanno ad allenarsi in un paese con un clima caldo-umido si concedano un periodo di acclimatamento preventivo senza pretendere subito le massime prestazioni.

 

Dopo un certo lasso di tempo il nostro corpo si adatta, e anche le ghiandole sudoripare si ambientano e si abituano alla nuova situazione, fino a quando la perdita di sali torna a essere normale e nei limiti sopportati dall'organismo.

 

Il merito di questo acclimatamento è di uno speciale ormone chiamato "aldosterone" che ha un effetto benefico sulle ghiandole sudoripare le quali, in sua presenza, realizzano un parziale riassorbimento del cloruro di sodio prima che questo esca e si depositi sulla superficie della pelle.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Sport e Disidratazione - Consigli Utili
02 Agosto 2017

Sport e Disidratazione - Consigli Utili

L'estate è un buon periodo per quello che riguarda l'allenamento; in genere si ha più tempo, si può approfittare delle vacanze per allenarsi con più libertà, ci si può in qualche modo allenare di più, con una stagione che generalmente promette temperature più consone e favorevoli.

Bevande Energetiche Causano Insonnia e Nervosismo negli Atleti
19 Novembre 2014

Bevande Energetiche Causano Insonnia e Nervosismo negli Atleti

Uno studio ha analizzato gli effetti positivi e negativi, sugli atleti, delle bevande energetiche e ha scoperto che, anche se in linea di principio le loro prestazioni sportive erano migliorate tra il 3% e il 7%, c'è stato anche un aumento della frequenza di insonnia, nervosismo e del livello della stimolazione nelle ore successive alla prestazione sportiva. 

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.