Intolleranza al Lattosio e Bassi Livelli di Vitamina D

Intolleranza al Lattosio e Bassi Livelli di Vitamina D
data 2017-05-26 14:42:44
data 26 2017

Un nuovo studio suggerisce che le persone con intolleranza genetica al lattosio dovrebbero aumentare la loro assunzione di cibi non caseari ricchi di vitamina D, dopo aver constatato che queste persone hanno più probabilità di avere livelli più bassi di alcuni nutrienti essenziali.
I ricercatori hanno associato l'intolleranza al lattosio con bassi livelli di vitamina D.
Il coautore dello studio Ahmed El-Sohemy, un professore di nutrizione presso l'University of Toronto's Faculty of Medicine in Canada, unitamente ai colleghi, hanno recentemente riportato i loro risultati sul Journal of Nutrition.

L'intolleranza al lattosio è definita come l'incapacità del corpo di digerire il lattosio in modo efficace, uno zucchero presente nei latticini, compreso il latte, burro e formaggio.

La condizione si verifica quando l'intestino tenue non riesce a produrre una quantità sufficiente di lattasi, che è l'enzima che scinde il lattosio.

Se una persona con intolleranza al lattosio consuma prodotti lattiero-caseari, essi riscontrare gonfiore addominale, flatulenza, diarrea, nausea e dolori addominali. Questi sintomi si presentano solitamente da circa 30 minuti a 2 ore dopo il consumo di lattosio.

Non è chiaro esattamente quante persone vivono con l'intolleranza al lattosio, ma le stime suggeriscono che circa il 65 per cento della popolazione ha avuto un esperienza di una ridotta capacità di digerire il lattosio dopo l'infanzia.

Una causa di intolleranza al lattosio è una mutazione nel gene LCT, che è il gene responsabile della produzione di lattasi.


Le persone con intolleranza al lattosio dovrebbero essere consapevoli dell'assunzione di vitamina D


Da un'analisi di 1.495 uomini e donne che facevano parte del Toronto Nutrigenomics and Health Study, El-Sohemy e colleghi hanno scoperto che le persone che possedevano la mutazioni del gene LCT avevano una minore assunzione di prodotti lattiero-caseari, rispetto alla popolazione generale.

Gli individui con mutazioni del gene LCT avevano anche più bassi livelli ematici di vitamina D, che il team dice associa alla riduzione dell'assunzione di prodotti lattiero-caseari, in quanto questi sono spesso arricchiti con vitamina D.

"Non siamo stati sorpresi che le persone intolleranti al lattosio mangianoo meno prodotti lattiero-caseari", dice El-Sohemy "ma siamo rimasti sorpresi che non compensano completando o mangiando altri alimenti arricchiti con questo nutriente fondamentale".

La vitamina D è considerata essenziale per l'assorbimento del calcio nell'intestino, che è importante per una buona salute delle ossa. La vitamina aiuta anche il funzionamento dei nervi e aiuta il corpo a scongiurare batteri e virus.

È interessante notare che i ricercatori hanno rilevato che le persone con mutazioni del gene LCT erano più brevi rispetto agli individui nella popolazione generale, il che indica che la ridotta assunzione di vitamina D per mancanza di consumo di latticini può inibire la crescita delle ossa.

Il Professorr El-Sohemy e colleghi affermano che i loro risultati suggeriscono che le persone con intolleranza al lattosio dovrebbero prendere in considerazione l'aumento della loro assunzione di vitamina D attraverso fonti di cibo non-caseari.

" Questi risultati parlano per la necessità di una maggiore consapevolezza in coloro che limitano prodotti lattiero-caseari a causa dell'intolleranza al lattosio. Hanno bisogno di essere consapevoli di dover ottenere abbastanza vitamina D da altri alimenti fortificati come alcuni succhi d'arancia, o prendendo in considerazione alcuni prodotti caseari privi di lattosio ".
Ahmed El-Sohemy


Un altro risultato dello studio è che gli individui con una sola copia mutata del LCT hanno dimostrato anch'essi intolleranza al lattosio, ma in misura minore rispetto a quelli con due copie mutate; precedentemente si pensava che solo con due copie mutate del gene potesse sorgere l'intolleranza al lattosio.

Secondo i ricercatori, questo risultato indica che le definizioni cliniche e le classificazioni genetiche per l'intolleranza al lattosio possono aver bisogno di essere riviste.

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati