Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

L'Articolazione Del Ginocchio

data di redazione: 26 Settembre 2018 - data modifica: 01 Novembre 2018
L'Articolazione Del Ginocchio

Dopo avere fatto un'introduzione sull'apparato locomotore e aver trattato l'articolazione della spalla, in questo breve articolo parleremo dell'articolazione del ginocchio. Quella del ginocchio è un’articolazione complessa formata da componente ossea, componente tendinea e strutture capsulo legamentose. 

La componente ossea include:

  • Epifisi distale del femore, dove si identificano due condili separati da una gola intercondiloidea
  • Epifisi prossimale della tibia dove si identificano due piatti tibiali, interno ed esterno
  • Rotula, posta anteriormente all’articolazione delle suddette ossa 

La congruità dell’articolazione del ginocchio viene aumentata grazie alla presenza a livello laterale e a livello mediale di strutture formate da cartilagine fibrosa dalla notevole resistenza meccanica definite menischi.

  • Il menisco mediale (interno) ha una struttura ellissoide simile ad una mezza luna 
  • Il menisco laterale (esterno) ha una struttura pressappoco circolare 

Le principali funzioni dei menischi sono: 

  • Ammortizzazione e ripartizione dei carichi applicati; 
  • Dissipazione degli urti (ruolo esercitato insieme alla cartilagine) 
  • Limitazione dell’escursione articolare evitando iperestensione ed iperflessione. (ruolo esercitato insieme alle strutture tendinee) 
  • Aumento della congruenza dell’articolazione;
  • Stabilizzazione dell’articolazione; 

Le principali strutture legamentose che stabilizzano l’articolazione del ginocchio sono: 

  • Legamento crociato anteriore (LCA) situato tra l’area intercondiloidea anteriore della tibia e la faccia interna del condilo laterale del femore. Impedisce la traslazione anteriore della tibia rispetto al femore 
  • Legamento crociato posteriore (LCP), situato tra la faccia laterale del condilo mediale del femore e l’area intercondiloidea posteriore. Mostra una struttura più robusta di quello anteriore. Impedisce la traslazione posteriore della tibia rispetto al femore 
  • Legamento collaterale mediale (LCM), incluso nella membrana fibrosa della capsula articolare, in continuità al menisco mediale. Mostra una struttura triangolare piatta. 
  • Legamento collaterale laterale (LCL) situato tra l’epicondilo laterale e la testa della fibula (perone). Mostra una struttura a cordone 

I legamenti crociati anteriori e posteriori funzionalmente costituiscono il cosiddetto “pivot centrale” o “centro di rotazione” dell’articolazione, struttura alla base della stabilità articolare del ginocchio. 

I legamenti collaterali invece stabilizzano tibia e femore impedendone la traslazione laterale secondariamente a sollecitazioni verso l’interno e verso l’esterno, impedendo quindi di fatto abduzione e adduzione. 

Complessivamente l’articolazione del ginocchio mostra i seguenti gradi di movimento:

  • Estensione 5-10°
  • Flessione ad anca estesa 120°
  • Flessione ad anca flessa 160°
  • Rotazione passiva 60°-70°.
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Aumentare il Metabolismo con i Primi 4 Step
01 Ottobre 2014

Aumentare il Metabolismo con i Primi 4 Step

I passi fondamentali per accelerare il proprio metabolismo

Questi suggerimenti possono aiutare le persone di tutte le età e dimensioni ad ottimizzare le loro calorie bruciate ogni giorno.

Atleti Quarantenni: Come Affrontare il Calo della Prestazione Sportiva
08 Marzo 2017

Atleti Quarantenni: Come Affrontare il Calo della Prestazione Sportiva

Con il passare degli anni succede che le prestazioni calano, che i tempi di recupero si allungano, che gli infortuni si fanno più frequenti. Non possiamo ingannare l'età biologica, questo è sicuro.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.