Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

L'Esercizio Fisico Previene L'Ipertensione Arteriosa

data di redazione: 10 Ottobre 2018
L'Esercizio Fisico Previene L'Ipertensione Arteriosa

L'Esercizio Fisico Previene L'Ipertensione Arteriosa?

Le arterie si irrigidiscono con l’età e ciò può far aumentare la pressione sanguigna sovraccaricare il cuore. L’irrigidimento delle arterie aumenta il rischio di infarto, morte cardiovascolare e morte per altre cause. 

Riducendo i fattori di rischio cardiovascolare come l’alta pressione sanguigna, livelli di grassi nel sangue non normali, diabete e sindrome metabolica si può ridurre la stiffness arteriosa ovvero l’irrigidimento delle arterie. 

Uno studio di Michael Doumas della VA Medical Center a Washington DC ha suggerito che l’esercizio è la chiave della salute dei vasi sanguigni. Le persone con alti livelli di fitness avevano anche i vasi sanguigni più sani. L’esercizio protegge contro la morte prematura e può riportare indietro l’orologio dell’età arteriosa.

L’ipertensione è un quadro patologico caratterizzato dall’aumento dei valori di pressione sistolica (cosiddetta pressione massima) e dei valori di pressione diastolica (cosiddetta pressione minima). 

Diagnosi di ipertensione può essere effettuata sulla base dei seguenti parametri:

Categoria Sistolica (mmHg) Diastolica (mmHg) 

  • Ottimale < 120 < 80 Normale < 130 < 85 
  • Normale-alta 130 - 139 85 - 89 
  • Ipertensione di Grado 1 (“lieve”) 140 - 159 90 - 99 
  • Sottogruppo: bordeline 140 - 149 90 - 94 
  • Ipertensione di Grado 2 (“moderata”) 160 - 179 100 - 109 
  • Ipertensione di Grado 3 (“grave”) 180 ≥ 180 110 ≥ 110 T

Il principale fattore genetico è rappresentato dall’ereditarietà, mentre fattori ambientali quali assunzione di sodio, obesità e stress sembrano avere un ruolo rilevante solo nei soggetti predisposti. 

L’effetto positivo dell’attività fisica nel trattamento dell’ipertensione è riportato da numerosi dati presenti in letteratura scientifica: mediamente sono riportate riduzioni dei valori pressori sia dela componmente sistolica che di quella diastolica di 5-6 mmHg, esistono inoltre un’altra serie di effetti positivi tra cui i principali sono: 

  • Aumento del numero di capillari a livello muscolare e cardiaco (capillarizzazione) con conseguente diminuzione delle resistenze periferiche. 
  • Maggiore apporto di sangue e ossigeno a tutti i tessuti e in particolare al muscolo cardiaco. 
  • Riduzione sia dello stress transitorio sia di quello a lungo termine grazie al rilascio di sostanze euforizzanti che intervengono nella regolazione dell’umore (endorfine). 
  • Riduzione delle resistenze periferiche sia grazie alla riduzione dell’attività di alcuni ormoni e dei loro recettori (catecolamine) sia grazie all’aumento del letto capillare. 

Effetto positivo che l’attività fisica svolge sugli altri fattori di rischio relativi ad altre patologie che spesso si associano o causano l’ipertensione come per esempio il diabete, le dislipidemie e l’obesità. 

È opportuno che il soggetto iperteso esegua un allenamento di tipo aerobico da un minimo di 3 a 5 volte la settimana con una durata continuativa di almeno 20 -30 minuti. 

Mantenendo una sollecitazione di 40-50 minuti è possibile ottenere risultati positivi notevolmente superiori. L’intensità da mantenere è, relativamente alle condizioni del soggetto, tra il 40% e il 70% del Vo2 max. 

E’ possibile prevedere allenamenti di resistenza con l’utilizzo dei sovraccarichi, in questo caso è possibile prevedere 2 sedute settimanali realizzate con lavoro a circuito strutturato come segue: 

  • Ripetizioni medio alte (almeno15) 
  • Velocità di esecuzione basse 
  • Utilizzo di esercizi base, multiarticolari, ad alta sinergia 

Avendo cura di evitare: 

  • Utilizzo di carichi elevati, 
  • Contrazioni isometriche, 
  • Contrazioni sub massimali
  • Esercizi che prevedono una posizione del capo inferiore rispetto a quella del cuore. 

Può rivelarsi particolarmente utile anche l’allenamento della flessibilità, soprattutto se praticato con cadenza quotidiana a carico dei principali gruppi muscolari, con particolare attenzione a quelli oggetto di sollecitazione contestualmente alle altre sedute di allenamento.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Tu di che Stress Sei?
26 Novembre 2017

Tu di che Stress Sei?

Scopri il livello di stress e prova a curarlo così

Lo stress non è un termine utile per gli scienziati perché è un fenomeno altamente soggettivo che sfugge alla definizione. Tu di che stress sei? E come puoi curarlo?

​5 Alimenti che Fanno Bene al Sesso
14 Febbraio 2019

​5 Alimenti che Fanno Bene al Sesso

Se sotto le lenzuola hai bisogno di un aiutino, non è necessario correre in farmacia: tutto quello che ti serve lo trovi in casa, o nel più vicino supermercato. Di cibi afrodisiaci si è sempre parlato, ma oggi la scienza ha dimostrato che non si tratta di leggende né di favole.

Ultimi post pubblicati

Cosce Che Non Crescono
25 Marzo 2020

Cosce Che Non Crescono

Proposta di allenamento ad alto volume e multi frequenza per far crescere i muscoli delle cosce. Scheda di allenamento in German Volume Training per dare nuovo stimolo allo sviluppo muscolare.

Definizione Muscolare Con La Scheda Upper e Lower Body
23 Marzo 2020

Definizione Muscolare Con La Scheda Upper e Lower Body

Con l'allenamento inferiore superiore è possibile concentrarsi maggiormente su sollevamenti pesanti rispetto ad altri piani di allenamento. I sottoprodotti chimici derivati ​​dal metabolismo anaerobico chiamato stress metabolico è responsabile dell'ipertrofia del 25%. L'aumento dello stress metabolico dovuto alla maggiore intensità e frequenza di allenamento è ciò che ti avvantaggia quando segui la divisione inferiore superiore.