(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

L'olio Di Pesce è Buono o NON è Buono? Ecco Cosa Emerge Da Uno Studio Di Ricerca

data di redazione: 04 Febbraio 2018
L'olio Di Pesce è Buono o NON è Buono? Ecco Cosa Emerge Da Uno Studio Di Ricerca

L'olio di pesce è conosciuto per i suoi numerosi benefici per la salute. Ma una nuova ricerca suggerisce che il consumo a lungo termine di olio di pesce o di olio di girasole può aumentare il rischio di malattia del fegato grasso più avanti nella vita.
I ricercatori dicono che l'assunzione per tutta la vita di olio di pesce o olio di girasole potrebbe aumentare il rischio di malattia del fegato grasso in età avanzata.
Studiando i ratti, i ricercatori hanno scoperto che l'assunzione di olio di girasole o olio di pesce per tutta la vita ha portato a cambiamenti nel fegato che hanno reso l'organo vulnerabile alla steatoepatite non alcolica (NASH).


La Nash È Una Forma Più Grave Di Steatosi Epatica Non Alcolica (NAFLD).


Il coautore dello studio José Luis Quiles, un professore di fisiologia che lavora presso l'Università di Granada in Spagna, e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultatisu The Journal of Nutritional Biochemistry.

Si stima che circa il 20% delle persone negli Stati Uniti che soffrono di NAFLD hanno anche la NASH e la condizione diventa più comune con l’avanzare dell'età.

La NASH è caratterizzata da un accumulo di grasso nel fegato - che non è causato dal consumo di alcol – provocando infiammazione e danno alle cellule del fegato. Il danno epatico che si verifica nella NASH può aumentare il rischio di cirrosi epatica e cancro al fegato .

Alcuni dei principali fattori di rischio per la NASH comprendono sovrappeso e obesità, ipertensione, colesterolo alto e diabete di tipo 2, tutti fattori fortemente influenzati dalla dieta.


Studiare Come I Grassi Alimentari Influenzano Il Fegato


Basandosi sul legame tra dieta e NASH, il nuovo studio del Prof. Quiles e dei suoi colleghi suggerisce che il tipo di oli che consumiamo potrebbe influenzare il nostro rischio di vita futura della condizione.


I ricercatori sono giunti alle loro scoperte analizzando gli effetti di diversi grassi alimentari, tra cui olio di girasole, olio di pesce e olio di oliva vergine, sui fegati di ratto.


In dettaglio, il team ha esaminato il modo in cui l'assunzione per tutta la durata di vita di ciascuno di questi oli avesse influenzato la struttura dei fegati dei roditori, così come i loro effetti sull'espressione genica, la fibrosi epatica (o cicatrici), lo stress ossidativo e la lunghezza dei telomeri.


Lo stress ossidativo è definito come uno squilibrio tra i radicali liberi - che sono le molecole che possono danneggiare le cellule - e la capacità del corpo di "de-ossidare" queste molecole e prevenire i loro effetti dannosi.

I telomeri sono "cappucci" alla fine di ogni filamento di DNA e proteggono i nostri cromosomi. Più corti sono i nostri telomeri, maggiore è il danno alle nostre cellule.


La ricerca ha dimostrato che una riduzione della lunghezza dei telomeri gioca un ruolo chiave nell'invecchiamento cellulare e nelle malattie legate all'età. Telomeri troppo lunghi, tuttavia, possono aumentare il rischio di cancro.

Inoltre, il team ha esaminato il modo in cui il fegato si evolve con l'età a causa dei diversi grassi alimentari consumati.

 
L'olio D'oliva È Più Benefico Per Un Fegato Sano


I ricercatori non solo hanno scoperto che il grasso del fegato si accumula con l'età, ma hanno anche rivelato che il tipo di grasso che si accumula nel fegato è influenzato dal tipo di grassi che mangiamo.


Come sottolinea il prof. Quiles, "[...] questo significa che, indipendentemente da questo accumulo, alcuni fegati invecchiano in modo più salutare di altri e con una maggiore o minore predisposizione a determinate malattie".


Lo studio ha rivelato che l'olio di pesce e l'olio di girasole hanno un impatto negativo sulla salute del fegato dei ratti.


L'assunzione di olio di girasole per tutta la vita ha rivelato di innescare la fibrosi epatica e ha anche alterato la struttura dell'organo, ha portato a cambiamenti nell'espressione genica e all'aumento dell'ossidazione nelle cellule del fegato.


I ratti che hanno assunto per tutta la vita l'olio di pesce, secondo il team, hanno dimostrato un aumento dell'ossidazione cellulare correlata all'età nei loro fegati e hanno anche riscontrato una diminuzione dell'attività della catena di trasporto degli elettroni nei mitocondri - le "centrali elettriche" della cellula - che altera la funzione cellulare.


L'olio di pesce ha anche determinato un aumento della lunghezza relativa dei telomeri nel fegato, riferiscono i ricercatori. L'olio d'oliva, tuttavia, ha dimostrato di causare il minor danno al fegato.


Presi insieme, il team dice che questi risultati indicano che l'olio di oliva vergine potrebbe essere il miglior grasso alimentare per la salute del fegato in età avanzata.



" Le alterazioni causate dal consumo a lungo termine di oli di girasole e di pesce rendono il fegato suscettibile alla steatoepatite non alcolica, una malattia molto grave che può agire da catalizzatore per altre malattie del fegato come la cirrosi e il cancro del fegato[...] Crediamo che questo studio sarà molto utile nella prevenzione e nel trattamento di diverse malattie del fegato. "
Prof. José Luis Quiles



"L'olio di oliva vergine è l'opzione più salutare", aggiunge, "come è già stato dimostrato in relazione a diversi aspetti della salute".


Questi risultati possono essere una sorpresa; l'olio di pesce è il prodotto naturale più comunemente usato negli Stati Uniti a causa dei suoi benefici per la salute spesso documentati.


Tuttavia, questo ultimo studio fornisce certamente alcuni spunti di riflessione quando si tratta di scegliere quali grassi includere nella dieta.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

I Fattori di Stress della Vita Moderna
06 Settembre 2015

I Fattori di Stress della Vita Moderna

Avete notato alcune persone che riescono ad andare in pensione in un'età decente come ringiovaniscono nei primi anni di pensione? E' il dormire a sazietà!

Come intervenire in caso di perdita di coscienza
19 Dicembre 2015

Come intervenire in caso di perdita di coscienza

Saper valutare la situazione e riconoscere il problema possono fare la differenza

Perdita di coscienza: non bisogna sottovalutare mai la situazione e farsi trovare impreparati in questi casi, quindi prima di tutto dobbiamo capire quando il soggetto ha una reale perdita di coscienza.

Ultimi post pubblicati

AFFONDI LATERALI A CORPO LIBERO ALTERNATI
20 Novembre 2018

AFFONDI LATERALI A CORPO LIBERO ALTERNATI

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

ROTAZIONI DEL BUSTO CON PIEGAMENTO LATERALE
20 Novembre 2018

ROTAZIONI DEL BUSTO CON PIEGAMENTO LATERALE

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.