(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

La Chiropratica

data di redazione: 14 Marzo 2015
La Chiropratica

Cura e prevenzione dei disturbi muscolo-scheletrici

Quanti sportivi, amatoriali e professionisti sono limitati o addirittura impossibilitati nella loro disciplina a causa del mal di schiena, che nonostante infiltrazioni e infinite sedute da fisioterapisti non si attenua e non da tregua.

Un consiglio, è quello di provare almeno una volta una seduta da un chiropratico, ovviamente una persona qualificata e conosciuta in campo medico.

 

LA CHIROPRATICA

Il termine "chiropratico" deriva dal greco: "cheir" e significa mano e "praktikos" significa pratico, praticante.

 

Il sistema fu elaborato negli Stati Uniti da Daniel Palmer, nell'ultimo decennio del secolo scorso, in circostanze curiose; Palmer sentì che il suo portiere spiegava di essere diventato improvvisamente sordo circa 17 anni prima, quando si era curvato e aveva sentito qualcosa spostarsi nella schiena.

In seguito a una visita accurata Palmer scoprì che una vertebra era leggermente spostata, la rimise a posto con la manipolazione e l'uomo guarì.

 

COS'È LA CHIROPRATICA

La chiropratica si basa sull'anatomia della spina dorsale e sui nervi che ne escono.

I nervi vanno da ciascuna vertebra a varie zone del corpo, e ogni zona comprende

  • pelle,
  • ossa,
  • muscoli,
  • vasi sanguigni
  • e organi.

Secondo questa teoria, manipolando una vertebra particolare si può agire sull'organo toccato dal nervo.

 

Per esempio, poichè il fegato è regolato dai nervi che partono dalle vertebre toraciche mediane, la manipolazione di queste vertebre può influire sul suo funzionamento.

Anche le piccole modificazioni dell'anatomia della spina dorsale, dovute a posizioni sbagliate o a infiammazione, possono pregiudicare il funzionamento di un nervo e quindi di un organo relativo.

 

IN CHE MODO IL CHIROPRATICO ESEGUE LA MANIPOLAZIONE?

Non è niente di doloroso.

La manipolazione delle vertebre dorsali viene fatta con piccole, brusche spinte che servono a rimettere a posto l'osso.

Il procedimento richiede grande precisione nella posizione della mano, nei tempi e nella direzione della spinta, e i movimenti sono piuttosto diversi da quelli usati in osteopatia.

 

Ripetiamo, se decidete di andare da un chiropratico, informatevi bene che si tratti di una persona qualificata.

 

Buon terapia da ABC  

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Come i tatuaggi possono rovinare i tuoi allenamenti
04 Giugno 2017

Come i tatuaggi possono rovinare i tuoi allenamenti

Troppo inchiostro potrebbe mettere a rischio il surriscaldamento globale del corpo

Quando ti fai un tatuaggio sulla pelle​ probabilmente ci pensi due volte, soprattuto sul disegno che ti farai applicare, soprattutto perché non potrai tornare indietro sulla scelta molto facilmente. Dovresti però pensarci, anche sull'effetto che essi potrebbero avere sulla tua salute. Ecco come un eccesso di tatuaggi possono influenzare i tuoi allenamenti.

VIRUS ed Allenamento
01 Ottobre 2015

VIRUS ed Allenamento

Consigli per riconoscere i segnali ed evitare di ammalarsi nei periodi di allenamento intenso

Con l'arrivo dei primi freddi, a chi non è mai capitato di accusare i primi sintomi di un'influenza, oppure un raffreddore, un mal di testa o semplicemente un malessere generale ma di non stare così male da sospendere gli allenamenti?

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.