Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Leptina e leptina resistenza: Cos'è e come Agisce -parte prima-

data di redazione: 30 Settembre 2014 - data modifica: 02 Ottobre 2014
Leptina e leptina resistenza: Cos'è e come Agisce -parte prima-

Molte persone erroneamente credono che l'aumento di peso (e perdita ) è tutto basato su calorie e forza di volontà. Tuttavia, la ricerca sull'obesità moderna non è d'accordo, e gli scienziati puntano sempre più il dito contro un ormone chiamato leptina

Essere resistenti agli effetti di questo ormone (chiamato leptina resistenza) si crede possa essere la causa leader nel guadagno di grasso negli esseri umani.

 

La leptina è un ormone che viene prodotto dalle cellule di grasso del corpo. Viene spesso definito come "l'ormone della sazietà" o "ormone della fame".

 

  • L'obiettivo primario della leptina è il cervello, in particolare una zona chiamata ipotalamo.

 

Si suppone che la leptina possa dire al cervello che abbiamo abbastanza grasso immagazzinato, che non abbiamo bisogno di mangiare e che siamo in grado di bruciare calorie ad un tasso normale.

 

Essa ha anche molte altre funzioni legate alla fertilità, l'immunità, la funzione del cervello e altri.

 

Tuttavia, il principale ruolo della leptina è la regolazione a lungo termine del bilancio energetico; la quantità di calorie che mangiamo e spendiamo e quanto grasso conserviamo sul nostro corpo.

 

Il sistema della leptina si è evoluto per impedirci di morire di fame o mangiare troppo, entrambi i quali, ci avrebbe reso meno probabilità di sopravvivere nell'ambiente naturale.

 

Si suppone che la leptina possa dire al cervello che non abbiamo bisogno di mangiare.

Il modo in cui funziona la leptina è relativamente semplice.

 

Questo ormone è prodotto dalle cellule del grasso del corpo. Più grasso corporeo si ha, più leptina si produce.

 

La leptina viene trasportata attraverso il flusso sanguigno e nel cervello, dove invia un segnale all'ipotalamo, la zona del cervello che controlla quando e quanto si mangia.

 

Le cellule del grasso usano la leptina per "informare" il cervello sulla quantità di grasso corporeo presente. Molta leptina che arriva al cervello, lo informa che c'è molto grasso immagazzinato, mentre bassi livelli di leptina dicono al cervello che le riserve di grasso sono basse e che si è a rischio di morire di fame.

 

Questo schema mostra come la leptina dovrebbe funzionare:

 

 

  • Mangiamo -> il grasso corporeo aumenta -> leptina sale -> si ha meno fame e si brucia di più.

 

Oppure ...

 

  • Noi non mangiamo -> grasso corporeo scende -> leptina scende -> si ha più fame e si brucia di meno.

 

 

 

 

Questo tipo di sistema è noto come ciclo feedback negativo ed è simile ai meccanismi di controllo di molte differenti funzioni fisiologiche, come la respirazione, la temperatura corporea, la pressione arteriosa e altro.

 

La resistenza alla leptina può essere una principale anormalità biologica causa dell'obesità

 

Le persone che sono obese hanno molto grasso corporeo nelle loro cellule adipose.

Poiché le cellule grasse producono leptina in proporzione alle loro dimensioni, le persone obese hanno anche livelli molto elevati di leptina.

 

Dato il modo in cui la leptina dovrebbe funzionare, queste persone non dovrebbero aver fame,il loro cervello dovrebbe sapere che hanno molta energia immagazzinata.

 

Tuttavia, il problema è che il segnale della leptina non funziona. C'è tanta leptina in giro, ma il cervello non "avverte" che è lì.

 

Questa condizione è nota come leptina resistenza che è ritenuta la principale anomalia biologica nell'obesità umana.

 

Quando il cervello non riceve il segnale della leptina, pensa erroneamente che il corpo sta morendo di fame, anche se ha abbastanza energia immagazzinata.

 

Per questo il cervello tende di cambiare la nostra fisiologia e il comportamento, al fine di riconquistare il grasso che il cervello pensa che ci manchi:

 

  • Mangiare di più: Il cervello pensa che dobbiamo mangiare in modo da non morire di fame.

 

  • Dispendio energetico ridotto: Il cervello pensa che dobbiamo risparmiare energia, quindi ci fa sentire più pigri e ci fa bruciare meno calorie a riposo.

 

In questo modo, mangiare di più e fare meno esercizio fisico, non è la causa dell'aumento di peso, ma è la conseguenza della resistenza alla leptina, un difetto ormonale.

 

Per la grande maggioranza delle persone, che cercano di allenare l'inibizione cognitiva (forza di volontà) al segnale di fame indotto dalla leptina, è quasi impossibile.

Segue seconda parte sulla Leptina e Leptina Resistenza (a breve)

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

I Benefici dell'Acqua Aromatizzata
30 Settembre 2016

I Benefici dell'Acqua Aromatizzata

Acque Aromatizzate: Fanno bene, sono semplici da eseguire e deliziose come gusto. Le acque aromatizzate sono una fusione tra le proprietà dell'acqua e quelle delle verdure, frutta, erbe aromatiche, spezie e superfoods.

Il Complesso Articolare Della Spalla
10 Luglio 2018

Il Complesso Articolare Della Spalla

La spalla è così mobile quanto poco resistente, infatti per sopperire a questa sua intrinseca debolezza è dotata di una forte muscolatura rivolta alla stabilizzazione dell’intero cingolo. Formata da ossa (omero, scapola e clavicola) e legamenti, è associata a tendini, muscoli, nervi che ne permettono i vari movimenti, e vasi sanguigni che consentono la sopravvivenza dei tessuti che la compongono.

Ultimi post pubblicati

Shawn Rhoden Squalificato a Vita
23 Luglio 2019

Shawn Rhoden Squalificato a Vita

Il 2019 non ha portato fortuna a Shawn Rhoden, infatti il campione in carica,  non potrà più gareggiare sul palco del mr Olympia per il resto della sua vita. Dopo l’accusa di stupro, l'azienda che organizza l'evento del mr Olympia ha deciso di squalificare a vita il vincitore del mr Olympia 2018.

PRONATORE ROTONDO
18 Luglio 2019

PRONATORE ROTONDO

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo pronatore rotondo fa parte dei muscoli del primo strato della regione anteriore dell'avambraccio ove è anche il più laterale.