(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Lo Scrub, il trattamento per rinnovare la pelle

data di redazione: 29 Febbraio 2016
Lo Scrub, il trattamento per rinnovare la pelle

Cos'è lo Scrub, come si applica e in che modo possiamo prepararcelo da soli

Che cos'è lo scrub?

È una pulitura a fondo della cute, necessario quando la pelle diventa opaca o rugosa, che si effettua applicando un detergente sotto forma di emulsione granulosa, che si fa per sfregamento. Questo particolare trattamento è utile per rimuovere meccanicamente le cellule morte e ispessite dell'epidermide, facilitando quindi la penetrazione dei principi attivi dei successivi trattamenti che si andranno ad applicare.

Il prodotto per effettuare lo scrub lo potete trovare in qualsiasi farmacia o erboristeria, o ancor meglio ve lo potete preparare da soli; se questo trattamento viene fatto un paio di volte alla settimana, sulla pelle umida, la mattina o la sera, prima di altri trattamenti tipo i fanghi, già dalle prime volte noterete i miglioramenti.

SCRUB FAI-DA-TE

Se volete prepararvi il composto da sole procuratevi:

1. 400g di sale marino fino

2. 1 barattolo di miele millefiori

3. 1 flaconcino di olio di mandorle dolci

4. 1 bicchiere di acqua calda

5. 1 limone

6. 1 arancia

Una volta procurati tutti gli ingredienti esegui le seguenti operazioni:

  • Riscalda a bagnomaria il flaconcino di olio di mandorle
  • amalgama il sale, mezzo bicchiere di olio di mandorle dolci riscaldato, l'acqua calda e la spremuta di limone e arancia
  • aggiungi al composto appena preparato 5 cucchiai di miele senza amalgamare, ma lasciando che questo emerga in superficie; questo renderà il trattamento più dolce evitando l'irritazione della pelle
  • copri il composto ottenuto e tienilo caldo
  • COME EFFETTUARE IL TRATTAMENTO

    Dopo aver fatto stendere la persona da trattare, esegui uno sfioramento totale del corpo con l'olio di mandorle dolci riscaldato, con movimenti dolci e circolari, salendo dai piedi fino ad arrivare al viso.

    A questo punto prendete il composto e cominciate il trattamento.

    1. Iniziate a massaggiare la gamba sinistra, dal piede fino al gluteo, con movimenti circolari di sfioramento leggero; insistete particolarmente sul lato esterno della coscia e del gluteo.

    Cercate di essere delicati nelle manovre, soprattutto quando passate nei punti più sensibili, come la parte posteriore del ginocchio e dell'interno coscia, perchè una stimolazione intensa con il sale potrebbe causare fastidiose irritazioni.

    Quando avete completato la gamba sinistra passate alla destra.

    2. A questo punto passate alla schiena, applicando una dose sufficiente di prodotto e praticando anche qui uno sfioramento; concentratevi sulle spalle, poi passate alle braccia fino ad arrivare alle mani (tralasciate la zona delle ascelle)

    3. Trattate l'addome e il torace, dedicandovi anche alle zone più laterali cioè i fianchi e la vita; sul seno eseguite movimenti circolari e periferici, evitando la manovra se la persona che riceve il massaggio è particolarmente sensibile

    4. Per finire massaggiate il collo e il viso, utilizzando i polpastrelli delle dita, con particolare cura e delicatezza

    Quando avete finito il trattamento coprite la persona con un telo e aggiungete una coperta, lasciandola riposare per una decina di minuti in un'atmosfera rilassante, meglio se con luci basse e una musica tranquilla di sottofondo. Di seguito fategli fare una doccia tiepida, e una volta asciugato praticate un altro trattamento, eseguendo uno sfioramento di tutto il corpo ma stavolta utilizzando il miele rimasto, o in alternativa un latte idratante.

    AVVERTENZE PARTICOLARI

    Non esagerate con la pressione quando fate il trattamento, per non irritare la pelle della persona che state trattando. Non insistete troppo con lo sfregamento se il soggetto ha problemi di vene varicose alle gambe, se la pelle è già irritata in qualche punto o se soffre di particolari malattie della cute come dermatite atopica o psoriasi.

    SCRUB PER OGNI ETÀ

  • A 20 ANNI: Una volta al mese ti puoi concedere un peeling generale e non aggressivo per favorire il rinnovamento cutaneo
  • A 30 ANNI: Puoi applicare il prodotto una volta ogni due settimane; recati in farmacia e chiedi un esfoliante un pò più aggressivo come quello a base di alfa-idrossiacidi
  • A 40 ANNI: Utilizza se puoi una crema contenente microgranuli (di sintesi o naturali) una volta alla settimana per eliminare le cellule morte e per dare più lucentezza alla tua pelle
  • A 50 ANNI: Il consiglio a quest'età è quello di fare lo scrub ogni settimana, basta che sia molto delicato; aggiungendo latte detergente al prodotto avrai la formula ideale, delicata al punto giusto
  • ATTENZIONE

    A 60 ANNI: È meglio evitare lo scrub dai 60 anni in su, la pelle è troppo delicata e si irriterebbe troppo facilmente.

    Scritto da: ABC Team

    Potrebbe interessarti anche

    ​Dormire E Mangiare Bene Per Evitare L'Insulino Resistenza
    06 Novembre 2015

    ​Dormire E Mangiare Bene Per Evitare L'Insulino Resistenza

    Sia la privazione di una notte di sonno che 6 mesi di una dieta ricca di grassi, potrebbero entrambe mettere in pericolo la sensibilità all'insulina nella stessa misura ...

    L'attività fisica più indicata per chi soffre di Mal di Schiena
    02 Ottobre 2014

    L'attività fisica più indicata per chi soffre di Mal di Schiena

    Non esiste un'attività fisica che possa andare bene per tutti, proprio per la varietà esistente degli stati di salute e di efficienza fisica di ognuno di noi

    Per  i soggetti sani l'attività fisica ha un valore preventivo, mentre per chi soffre di disturbi alla colonna essa ha un valore rieducativo e di ripristino della salute della schiena. Nell'articolo sono indicati i punti principali da seguire per una rieducazione motoria efficiente

    Ultimi post pubblicati

    Il Miglior Allenamento Per Perdere Grasso
    15 Febbraio 2019

    Il Miglior Allenamento Per Perdere Grasso

    Programma di allenamento per dimagrire con esercizi di forza, cardio, protocolli HIIT e consigli alimentari perchè senza una buona alimentazione non si va da nessuna parte.

    Riso Pilaf Con Frutta e Cipollotti
    14 Febbraio 2019

    Riso Pilaf Con Frutta e Cipollotti

    Il termine pilaf di per sè, contrariamente al significato che ha acquisito per metonimia in italiano e in altre lingue, non si riferisce al riso, ma alla maniera di cucinarlo: pilaf è la cottura del riso, non il riso in sè.
    Preparazione: 30 min.
    Difficoltà: 3
    N. porzioni: 4