(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Massaggio Shiatzu: Benefici e Controindicazioni

data di redazione: 21 Febbraio 2017 - data modifica: 22 Febbraio 2017
Massaggio Shiatzu: Benefici e Controindicazioni

La parola Shiatzu deriva dal giapponese Shi (dita) e Atzu (pressione). La tecnica quindi consiste nella pressione che le dita imprimono in determinati punti del corpo, che corrispondono a quelli usati nell'agopuntura. In effetti il massaggio Shiatzu non è altro che una particolare tecnica di agopuntura e con quest'ultima ha in comune la filosofia e i metodi di cura, tipici della medicina orientale. Più precisamente, lo shiatzu deriva dalla combinazione delle tecniche dell'agopuntura e della forma tradizionale del massaggio orientale, che viene chiamata amma. Quest'ultima consisteva semplicemente nel premere e strofinare i punti doloranti con le dita o con il palmo della mano. In seguito si scoprì che premendo e strofinando i punti di agopuntura si ottenevano migliori risultati: naque così il massaggio Shiatzu.


YIN E YANG


Secondo gli antichi medici e filosofi orientali, il corpo umano è attraversato da correnti energetiche che seguono dei canali particolari, ovvero i meridiani, e che si dividono principalmente in Yin e Yang, che sono in sostanza manifestazioni opposte di una stessa energia. Yin rappresenta il femminile, il lato oscuro, la sensibilità, la flessibilità. Yang rappresenta il lato maschile, il lato luminoso, la forza, la rigidità.


Nel concetto di Yin e Yang non ci sono assoluti, e si pensa che, benché opposte, queste forze siano anche in armonia. Lo Yang contiene sempre una certa quantità di Yin e viceversa. Quando una delle due energie aumenta in modo eccessivo si tramuta nel suo opposto. L'essere umano è visto come un tutto unico, soggiacente alla legge del Tao, la cui armonia e salute dipende dall'equilibrio tra le forze Yin e Yang che lo attraversano: quando questo equilibrio si spezza insorge la malattia.


PUNTI E MERIDIANI


Il trattamento con il metodo Shiatzu è quindi soprattutto preventivo e consiste nel mantenere il corpo in equilibrio armonico; se però questa armonia viene perduta, è necessario ristabilirla. Sono stati localizzati complessivamente 657 punti nel corpo umano, uniti a formare 12 meridiani per ciascun lato del corpo più altri due che passano per il centro, anteriormente e posteriormente.

Questi punti sono stati dimostrati scientificamente, offrono minore resistenza al passaggio della corrente e la mappa dei meridiani che essi formano corrisponde spesso a quelle del sistema circolatorio, del sistema nervoso, del sistema endocrino, riproduttivo eccetera. Quando uno di questi meridiani si blocca, interrompendo il flusso di energia e spezzando l'armonia, interviene l'agopuntore che, tramite aghi finissimi inseriti in corrispondenza dei punti congestionati, rimuove il blocco e ristabilisce il flusso energetico.


TECNICA DI ESECUZIONE


Lo shiatzu si applica soprattutto con i pollici, ma anche con le altre dita, con i gomiti e con i piedi. È preferibile eseguire il trattamento sul pavimento, con il paziente disteso su un materassino o su una coperta ripiegata. Le braccia del terapista devono essere perpendicolari al punto di applicazione della pressione.

Lo shiatzu si applica sfruttando il peso del corpo e mantenendo le braccia rigide: le dita o il palmo della mano sono quindi il mezzo attraverso il quale trasmettere l'energia del peso del corpo sul paziente. La pressione deve essere lenta e graduale, sincronizzata con la respirazione e abbinata all'espirazione.

La pressione su ogni punto deve avere la durata di circa 5 o 6 secondi ed è segno di corretta esecuzione il fatto che il paziente non si accorga del passaggio dalla fase di pressione a quella di depressione. La quantità di pressione da esercitare varia a seconda dei punti e dello stato della persona trattata: solo una lunga pratica aiuterà il terapista a sentire la risposta del paziente alla pressione e a comportarsi di conseguenza.


INDICAZIONI E CONTROINDICAZIONI


  • Il massaggio Shiatzu è molto efficace nei casi di tensione fisica o emotiva ed è un efficacissimo trattamento rilassante.
  • Come tutte le terapie a carattere energetico, lo shiatzu ristabilisce l'equilibrio generale del corpo, ma è anche efficace per ridare tono ed energia agli organi che ne hanno necessità.
  • La terapia Shiatzu non deve essere praticata sulle persone febbricitanti o suscettibili di emorragie interne, in caso di ulcere o di fratture. Inoltre è sconsigliato il trattamento sulle donne in stato di gravidanza o nel periodo mestruale.
Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Come Migliorare La Funzione Cerebrale Camminando 4.000 Passi Al Giorno
29 Dicembre 2017

Come Migliorare La Funzione Cerebrale Camminando 4.000 Passi Al Giorno

È stato scoperto che quelli del gruppo con alto livello di attività fisica - che percorrevano più di 4.000 passi (circa 3 chilometri) ogni giorno - avevano ippocampi più spessi e associato, regioni cerebrali più spesse, rispetto a quelli che avevano un basso livello di attività fisica.

Ormoni Androgeni
06 Novembre 2017

Ormoni Androgeni

Gli Ormoni Androgeni sono Ormoni steroidei che hanno come effetto principale quello di determinare, nell’organismo maschile, alla pubertà, lo sviluppo dell'apparato genitale e dei caratteri sessuali secondari.

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.