(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Metabolismo Anaerobico Alattacido

data di redazione: 12 Luglio 2018 - data modifica: 15 Luglio 2018
Metabolismo Anaerobico Alattacido

Fisiologia: Metabolismo Anaerobico Alattacido

Questa via metabolica può essere classificata come quella capace di rendere più rapidamente disponibile energia ma allo stesso tempo come quella che più rapidamente esaurisce la sua possibilità di utilizzo, infatti il metabolismo anaerobico alattacido è in grado di supportare l’attività muscolare per un tempo nell’ordine dei secondi: l’esaurimento avviene mediamente intorno ai 10 secondi. 

Queste sue caratteristiche la rendono dunque la via metabolica caratteristica delle attività esplosive, brevi e intense, ove viene richiesta la massima forza erogabile nella minima unità di tempo. 

Dal punto di vista biochimico il suo funzionamento si basa sulla presenza a livello muscolare di una molecola chiamata fosfocreatina (CP) che agisce come una vera e propria “riserva dinamica” di energia. 

La fosfocreatina è formata da una molecola del tripeptide creatina legata ad un fosfato, quando viene richiesta una notevole fornitura di energia con tempistiche estremamente brevi l’enzima creatinchinasi (CPK) media il trasferimento di tale gruppo a una molecola di ADP ricostituendo ATP prontamente utilizzabile, in ambito biochimico tale reazione è conosciuta come reazione di Lohmann.

La reazione, CP + ADP -> creatina + ATP,  è detta reazione di Lohmann, dal nome di chi per primo l'ha scoperta. 

La fosfocreatina ha pertanto un ruolo importante nei tessuti che hanno un fabbisogno energetico soggetto a rapide e temporanee fluttuazioni: in particolare, oltre ai muscoli, il cervello.

Questa molecola è presente nei tessuti degli animali (in particolare nei muscoli) e agisce come accumulatore di energia. 

Infatti, grazie all'enzima creatinchinasi viene idrolizzato a creatina formando ATP sfruttabile per uno sforzo intenso; la reazione è reversibile e, quindi, permette di variare temporaneamente la concentrazione di ATP. 

Tale reazione avviene in assenza di ossigeno, e non porta alla sintesi di acido lattico, pertanto è di tipo anaerobico alattacido. 

Risulta importante ricordare che, considerato il suo rapido esaurimento, il CP è presente in quantitativi da 4 a 6 volte superiori a quelli dell’ATP, nonostante tutto il suo esaurimento si mostra estremamente rapido.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Osteoporosi e prevenzione: quale attività fisica praticare
01 Ottobre 2014

Osteoporosi e prevenzione: quale attività fisica praticare

Quale tipo di sport, o attività è meglio dedicarsi per prevenire l'insorgere dell'osteoporosi?

Per prevenire questo tipo di patologia che colpisce soptrattutto le donne in età avanzata, è indicata la pratica costante di un'attività fisica aciclica dove il corpo è stimolato in maniera omogenea su tutti i distretti muscolari. La prevenzione deve iniziare da giovani, ecco perché

Fieno Greco anche nell'Allenamento?
02 Ottobre 2014

Fieno Greco anche nell'Allenamento?

Le magnifiche proprietà del fieno greco, benefici per la salute, usi ed effetti collaterali

Il Fieno greco ( Trigonella foenum graecum ), è una pianta annuale eretta, con fiori bianchi e duri, originaria dell'Europa meridionale e Asia, con foglie giallastre e semi di colore marrone, che trova molti impieghi e proprietà benefiche, per questo usato anche nell'allenamento. Conosciuto come methi in Hindi, è ...

Ultimi post pubblicati

Brazilian Jiu Jitsu Kids
20 Gennaio 2019

Brazilian Jiu Jitsu Kids

Fa Davvero Bene Ai Bambini?

Il bjj è perfetto per i bambini e le bambine perché in giovane età gli effetti positivi sul corpo e sulla mente sono amplificati; in più al gioco si unisce un sistema di autodifesa non violento, immediato e completo. In poco tempo i bambini aumenteranno la loro forza negli arti e nel tronco, la schiena e le articolazioni si rinforzeranno e diventeranno più flessibili, aumenterà la loro coordinazione e sia l’apparato respiratorio che quello cardiocircolatorio ne trarranno beneficio.

Terminator 6 con Arnold Schwarzenegger
20 Gennaio 2019

Terminator 6 con Arnold Schwarzenegger

La nuova storia si collegherà direttamente a T2, aprendo a un interessante (e non di poco conto) interrogativo: come sarà risolto il "problema età" di Arnold? Quando Arnold Schwarzenegger ha girato Terminator 2 - Il Giorno del Giudizio aveva 44 anni. Oggi l'attore ne ha 71 anni già compiuti e, per quanto se li porti benissimo, il suo aspetto è (inevitabilmente) diverso da quello che aveva nel 1991. Ma a quanto pare, la cosa non preoccupa James Cameron.