Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Olio di cocco, benefici e proprietà

data di redazione: 16 Gennaio 2016
Olio di cocco, benefici e proprietà

Per lavarsi i denti, per la pelle o per preparare fritture leggere. I tanti usi di un prodotto poco conosciuto

Sapevi che l'olio di cocco può essere un'alternativa salutare del dentifricio? Questo ed altri usi di un prodotto sorprendente.

Quando sentiamo parlare di olio di cocco, la prima cosa che ci viene in mente è la sua azione efficace che ha sulla nostra abbronzatura durante la stagione estiva o nelle vacanze, ma vi assicuro che è solo uno dei tanti usi che si può fare con questo miracoloso prodotto.

L'olio di cocco è un grasso che viene ricavato dai semi della Cocus Nucifera, pianta tropicale che produce le notissime noci di cocco, materia prima per la produzione dell'olio, proprio perché il 65% del loro peso è composto di acidi grassi.

Nell'ambiente d'origine l'olio ha un aspetto liquido perché il suo punto di fusione è a 24 gradi, mentre alle nostre latitudini lo possiamo trovare in panetti o vasetti e si conserva in frigorifero.

Si tende generalmente a demonizzare qualsiasi olio diverso da quello extra vergine di oliva, che sicuramente è il più salutare della nostra dieta mediterranea, ma si possono utilizzare altri olii in tutta sicurezza ed uno di questi è proprio l'olio di cocco.

Infatti l’olio di cocco possiede delle proprietà quasi terapeutiche, contribuisce a mantenere il nostro organismo in buona salute se assunto nell’ambito di un’alimentazione sana ed equilibrata.

BENEFICI DELL’OLIO DI COCCO

- è termogenico, cioè stimola il metabolismo

- ostacola le patologie ormonali come l'ipertrofia prostatica e l'acne

- potenzia le difese immunitarie

- contrasta il colesterolo e quindi protegge anche il cuore

- protegge dalle patologie cardiovascolari come l'arteriosclerosi e patologie degenerative come il morbo di Alzheimer

- ha un potere altamente idratante per la pelle ed i capelli

- mantiene un corretto funzionamento della tiroide

- si può tranquillamente sostituire al dentifricio innanzitutto perché è naturale, è privo di floruro di sodio (Il fluoruro di sodio è un ingrediente comune dei veleni per topi e scarafaggi, degli anestetici, dei farmaci psichiatrici (Prozac), ipnotici e del gas nervino (Sarin)),

  • uccide i batteri,
  • sbianca i denti,
  • rinforza le gengive,
  • combatte la carie

ed è anche in grado di debellare la Candida Albicans e altri funghi.

Affinché tutti questi benefici possano essere efficaci, occorre che l'olio di cocco sia di alta qualità, non tagliato con oli diversi che possono essere dannosi, e NON deve essere idrogenato.

È consigliabile utilizzare un prodotto biologico e non a basso costo, purtroppo a volte veniamo attratti da prezzi scontatissimi, ma sappiate che una buona qualità di olio di cocco può raggiungere i 16 € al litro.

Consumarlo un piccole quantità a livello casalingo, può essere un'ottima soluzione per assumere il prodotto in tutta sicurezza.

Proprietà dell'olio di cocco

Ha una consistenza simile al burro e può essere usato per la preparazione di verdure, in aggiunta a frullati, tè, caffè, oppure per la carne e il pesce.

L'olio di cocco ha un punto di fumo piuttosto alto, 180 gradi, ed è paragonabile all'olio di arachidi, quindi utilizzabile per rendere più "leggere" le nostre fritture.

Tutto questo potrebbe sembrare una novità, ma non è altro che una conferma della medicina ayurvedica, che indica questo benefico olio per mantenere la salute e purificare il corpo.

Valori nutrizionali dell’olio di cocco

Quantità per 100 grammi

  • Calorie 862
  • Grassi 100 g
  • Acidi grassi saturi 87 g
  • Acidi grassi polinsaturi 1,8 g
  • Acidi grassi monoinsaturi 6 g
  • Colesterolo 0 mg

Sono inoltre presenti alcuni micronutrienti, quali la vitamina K, la colina e tracce di vitamina E e ferro.

Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Metabolismo Anaerobico Lattacido
15 Luglio 2018

Metabolismo Anaerobico Lattacido

Il Metabolismo Anaerobico Lattacido produce energia per la risintesi dell’ATP (Adenosin- Trifosfato l’unica fonte di energia per la contrazione muscolare) attraverso la GLICOLISI, processo di degradazione del glucosio in assenza di ossigeno (fermentazione), che avviene nel citosol, zona del citoplasma della cellula.

​3 Cose Da Sapere Per Non Abbassare Il Testosterone
21 Novembre 2016

​3 Cose Da Sapere Per Non Abbassare Il Testosterone

Imparare a riconoscere i sintomi e i rimedi che abbassano il testosterone può aiutare a rimanere forti, magri e sani

Anche se abbiamo costantemente parlato di strategie per mantenere o addirittura aumentare i livelli di testosterone, cosa succede quando si presentano bassi livelli di testosterone? In che modo il corpo risponde? Quali sono i segni e sintomi dei livelli più bassi?

Ultimi post pubblicati

Cosce Che Non Crescono
25 Marzo 2020

Cosce Che Non Crescono

Proposta di allenamento ad alto volume e multi frequenza per far crescere i muscoli delle cosce. Scheda di allenamento in German Volume Training per dare nuovo stimolo allo sviluppo muscolare.

Definizione Muscolare Con La Scheda Upper e Lower Body
23 Marzo 2020

Definizione Muscolare Con La Scheda Upper e Lower Body

Con l'allenamento inferiore superiore è possibile concentrarsi maggiormente su sollevamenti pesanti rispetto ad altri piani di allenamento. I sottoprodotti chimici derivati ​​dal metabolismo anaerobico chiamato stress metabolico è responsabile dell'ipertrofia del 25%. L'aumento dello stress metabolico dovuto alla maggiore intensità e frequenza di allenamento è ciò che ti avvantaggia quando segui la divisione inferiore superiore.