(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Paura dell'Esercizio Fisico e Sindrome da Stanchezza Cronica

data di redazione: 27 Gennaio 2015 - data modifica: 15 Gennaio 2015
Paura dell'Esercizio Fisico e Sindrome da Stanchezza Cronica

Ecco cosa rivela un recente studio

'La paura dell'esercizio fisico' è il più grande ostacolo nel recupero dalla sindrome da stanchezza cronica

Secondo i dati degli studi riportati sulla rivista The Lancet Psychiatry, uno degli elementi più importanti per migliorare la funzione fisica nei pazienti con sindrome da stanchezza cronica è usare una terapia per ridurre la paura che l'esercizio fisico possa peggiorare i sintomi piuttosto che migliorarli.

 

Il fattore più influente sul successo del trattamento CFS è quello di ridurre proprio questi sintomi di paure.

 

A volte nota come "encefalomielite mialgica," o "ME", la sindrome da stanchezza cronica (CFS - Chronic Fatigue Syndrome -) è definita da sintomi di grave esaurimento che influiscono sulla vita quotidiana dei pazienti e sulle loro capacità di svolgere le normali attività di routine.

 

Nel 2011, The Lancet ha pubblicato i risultati dello studio PACE, che ha indagato sui seguenti trattamenti per la CFS:

 

  • Terapia cognitiva comportamentale (CBT - Cognitive behavior therapy -) una terapia basata sul parlare che coinvolge un professionista sanitario per aiutare il paziente a capire i propri sintomi e cambiare il modo di pensare e rispondere ad essi.

 

  • La terapia esercizio Graduale (GET - Graded exercise therapy -) - un programma di allenamento personalizzato condotto da un fisioterapista che aumenta gradualmente il livello di attività fisica del paziente attraverso il programma.

 

  • La terapia di stimolazione Adattativa (APT - Adaptive pacing therapy -) - una terapia in cui i pazienti alterano i loro livelli di attività per sfruttare al meglio la loro energia a disposizione.

 

I ricercatori del nuovo studio – del King's College London, Oxford University e del Queen Mary University of London, tutte nel Regno Unito – hanno riesaminato i dati PACE utilizzando un metodo statistico chiamato Meditation Analysis.

 

I ricercatori erano interessati ad individuare le convinzioni circa l'esercizio e la forma fisica che vengono utilizzati in CBT e GET per migliorare i sintomi della fatica e la funzione fisica nei pazienti con CFS.

 

Interventi CFS hanno avuto solo vantaggi 'moderati'


Il team ha scoperto che, anche se CBT e GET erano sicuri ed efficaci per la maggior parte dei pazienti con CFS, i miglioramenti nel processo PACE sono stati solo moderati. Gli autori spiegano che, identificando i meccanismi con cui alcuni pazienti beneficiano di un trattamento, la loro ricerca contribuirà a ottimizzare questi trattamenti.

 

Analizzando una serie di fattori di mediazione, gli autori riferiscono che il fattore più influente sul successo di CBT e GET per i pazienti CFS è quello di ridurre "ciò che si credono paure e si evade da loro." Queste credenze, sono timori dei pazienti - considerati "comprensibili" per gli autori - che i loro sintomi verranno aggravati dall'attività o dall'esercizio fisico.

 

Paura, convinzione, evasione sono stati calcolati dagli autori come rappresentanti fino al 60% dell'effetto complessivo di CBT o GET sugli esiti dei pazienti.

 

La terapia GET è risultata di maggiore successo della CBT nel migliorare paura ed evasione e migliorare la tolleranza all'esercizio, che è stata misurata dal numero di metri percorsi dai pazienti nel corso di un periodo di tempo determinato.

 

Il Prof. Trudie Chalder, del King College di Londra, dice:

 

"I nostri risultati suggeriscono che le credenze di paura possono essere cambiate sfidando direttamente tali credenze (come nella terapia CBT) o per semplice cambiamento del comportamento con un approccio graduale all'attività di evitare (come nella terapia GET).

 

Clinicamente, i risultati suggeriscono che i terapeuti che praticano la CBT, potrebbero incoraggiare maggiore attività fisica, come camminare, che potrebbe aumentare l'effetto della CBT e potrebbe essere più accettabile per i pazienti. "

 

In un commento collegato allo studio, il Dr. Hans Knoop e Dr. Jan Wiborg, del Radboud University Medical Center in Olanda, hanno tratto una conclusione un po' diversa per gli autori dello studio.

 

"Chalder e colleghi concludono che gli studi futuri dovrebbero concentrarsi sul miglioramento dell'auto-efficacia e sull'aumentare l'attività fisica, perché questi mediatori identificati, avevano forti relazioni con i risultati".

 

Tuttavia, il dottor Knoop e Wiborg ritengono invece "che un aumento dell'attività fisica non è altro che un catalizzatore per il cambiamento di cognizioni sulle attività e sintomi nei pazienti con sindrome da stanchezza cronica."

 

I ricercatori olandesi suggeriscono che gli studi futuri dovrebbero concentrarsi su come riuscire, in modo più rapido ed efficace possibile nel modificare queste credenze. Una volta che il paziente è convinto che sia possibile aumentare la capacità, essi sostengono che già un importante passo verso la guarigione è stato fatto - a prescindere dal livello effettivo delle attività avviate.

 

Riferimenti:

Rehabilitative therapies for chronic fatigue syndrome: a secondary mediation analysis of the PACE trial, Trudie Chalder, et al., Lancet Psych, published online 14 January 2014, abstract.

The Lancet news release, accessed 13 January 2015.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Scapole alate: che fare?
02 Ottobre 2014

Scapole alate: che fare?

3 esercizi per migliorare la situazione di disagio

Le alterazioni più frequenti delle scapole dipendono generalmente, da una scarsa capacità di controllo neuromuscolare e da uno scarso livello di forza e di resistenza muscolare e sono legate, nella maggior parte dei casi, a posture e ad atteggiamenti scorretti.

Xilitolo: Tutto Quello che c'è da Sapere
08 Ottobre 2014

Xilitolo: Tutto Quello che c'è da Sapere

Eliminare l'aggiunta di zucchero può essere il singolo aspetto sano della dieta moderna. Per questo motivo, le persone guardano verso alternative naturali come lo xilitolo. Lo xilitolo ha aspetto e sapore come il saccarosio (lo zucchero normalmente usato), ma ha meno calorie e non aumentare i livelli di zucchero nel sangue.

Ultimi post pubblicati

INTRA ROTAZIONE CON ELASTICO IN PIEDI
22 Febbraio 2019

INTRA ROTAZIONE CON ELASTICO IN PIEDI

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

EXTRA ROTAZIONI CON ELASTICO IN PIEDI
22 Febbraio 2019

EXTRA ROTAZIONI CON ELASTICO IN PIEDI

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.