Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Praticare Sport Permette di Dormire Meglio

data di redazione: 14 Maggio 2014 - data modifica: 10 Giugno 2016
Praticare Sport Permette di Dormire Meglio

Più qualità al sonno con il movimento , l’esercizio favorisce l’effetto ristoratore

Dormire un sonno profondo e ristoratore è sinonimo di salute e star bene. E’ scientificamente provato che stancarsi durante il giorno con un po’ di esercizio fisico aiuta nel dormire sonni profondi e rigeneranti, lo studio in questione è stato condotto dalla National Sleep Foundation.

Stando ai dati raccolti su un campione rappresentativo della popolazione U.S.A., la qualità del riposo è decisamente migliore in chi non è sedentario, anche a parità di ore dormito.

Lo sport perciò non fa dormire di più, ma meglio: chi pratica un’attività fisica vigorosa come lotta, boxe, body building, wing chun, nuoto , ciclismo, corsa, ma anche moderata come yoga, tai-chi, pilates riferisce di riposare bene nel doppio dei casi rispetto a coloro che non praticano nulla. Un sedentario su due, invece, lamenta sintomi associati all’insonnia, come risvegli notturni o difficoltà ad addormentarsi.

La correlazione tra sport è sonno è molto marcata e quindi si può tranquillamente dire che l’esercizio in genere, oltre a far bene alla salute, sia davvero un toccasana per conciliare il sonno. Gli scienziati di questa ricerca consigliano ai sedentari di iniziare una qualsiasi attività fisica, come può essere anche una camminata, di almeno 15 minuti al giorno, per ottenere di notte sogni d’oro.

Altrimenti si rischia di entrare in un circolo vizioso, in quanto il 57% degli intervistati che dormono poco e male di notte, rinunciano poi di giorno a svolgere l’attività sportiva in programma per mancanza di motivazioni dovuta alla stanchezza e sonnolenza.

Alcuni medici italiani sostengono che attività sportive, svolte di sera, non favoriscono il sonno, anzi consigliano a chi soffre di insonnia di non svolgere attività sportive di sera.

Per addormentarsi occorre abbassare i toni dell’organismo e attività impegnative come la corsa, bicicletta, body building, arti marziali, stimolano il sistema vegetativo aumentando la produzione di cortisolo e adrenalina .Ma questo vale per coloro che soffrono di insonnia seriamente, per le altre persone che non hanno problemi e hanno di sera l’unico momento della giornata per fare sport, consigliamo di proseguire con l’attività. In conclusione avete un motivo in più per fare sport!

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Dimagrisci Come Vuoi o Come Puoi? parte 2
01 Ottobre 2014

Dimagrisci Come Vuoi o Come Puoi? parte 2

Esempio biotipo maschile

Altro esempio ma stavolta al maschile. Molti uomini desiderano un fisico asciutto e tonico ma se ci guardiamo intorno possiamo valutare che, a meno che non ci si trovi in una palestra “di cultori del corpo”, quello che vedremo con maggiore probabilità è una classe maschile mista con una prevalenza di uomini poco in forma con pancetta, fianchi mollicci, spalle scese e postura curva.

8 Modi per Ridurre il Sale nella Dieta
01 Ottobre 2014

8 Modi per Ridurre il Sale nella Dieta

Dimagrire, salute, pressione alta e tanti altri motivi per consumare meno sale

La relazione tra consumo di sale e salute è stata studiata per molto tempo, con risultati spesso controversi. Nel complesso, per anni, l'assunzione di sale è stata collegata ad alta pressione sanguigna, ridurre il sale nella dieta è generalmente raccomandato per le persone con pressione alta

Ultimi post pubblicati

Deltoidi: Cosa c'è da Sapere
17 Febbraio 2020

Deltoidi: Cosa c'è da Sapere

Un distretto muscolare molto importante per un aspetto complessivamente massiccio sono sicuramente i deltoidi, ma purtroppo non tutti gli atleti li riescono a sviluppare al massimo.

Maca Per La Palestra
16 Febbraio 2020

Maca Per La Palestra

La Maca, altrimenti definita Lepidium meyenii, è una pianta tuberosa Peruviana appartenente alla famiglia delle Brassicacee, che cresce nelle regioni montuose andine, anche oltre i 3000 metri.