(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come mettere KO l’influenza in 4 mosse

data di redazione: 07 Gennaio 2015
Come mettere KO l’influenza in 4 mosse

Rimedi naturali per ritornare al più presto in palestra

Arriva il freddo vero e proprio, quello cattivo che la mattina ti fa trovare la vettura con i vetri bianchi e gelati; e con esso potrebbe arrivare in rapida successione quell’attacco virale che non ti permette di lavorare, fare la spesa, giocare con i tuoi figlie soprattutto di allenarti.

 

Vuoi tornare al più presto in palestra e tu sei un tipo che non accorre subito alla medicina tradizionale, perché come noi sei del pensiero che certi malesseri devono essere combattuti liberamente anche solamente dal nostro sistema immunitario.

 

Quest’ultimo però ha bisogno dei coadiuvanti naturali per funzionare al suo massimo delle possibilità e noi qui ora possiamo proporvi una bevanda che sortirà certamente i suoi effetti.

 

Per prima cosa approvvigionatevi di questi ingredienti:

 

  • Il succo di 6 limoni freschi, preferibilmente biologici;
  • 1 spicchio d’aglio biologico
  • 1 cucchiaio di zenzero in polvere
  • 2 cucchiai di miele di eucalipto
  • Centrifuga un ananas e tieni il succo: deve essere almeno 50 cc
  • Una puntina di cucchiaio di polvere di peperoncino

Molto semplice:

Prendi una bottiglia di vetro, lavala bene e metti tutti gli ingredienti dentro servendoti di un imbuto.

Ora sei pronto a combattere quella fastidiosa influenza che ti impedisce di svolgere le tue azioni quotidiane, ma soprattutto quella di allenarti.

 

4 mosse contro l'influenza

 

Prendi una tazzina da the e tienila a portata di mano, perché dovrai servirtene per ben quattro volte al giorno:

  1. la prima appena sveglio prima della colazione
  2. la seconda mezz’ora prima del pranzo
  3. la terza mezz’ora prima della cena
  4. l’ultima prima di andare a letto.

Continua il trattamento finché i sintomi influenzali scompaiono.

 

Asso nella manica

Se ti svegli durante la notte per il dolore o per la febbre bisogna avere l’asso nella manica.

Fatti una tisana allo zenzero e aglio addolcita con un generoso cucchiaio di miele di acacia: lenirà il dolore alla gola e darà un enorme sollievo che ti permetterà di abbandonarti tra le braccia di Morfeo.

 

Buona guarigione da ABC

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

I Migliori Rimedi Naturali per le Vene Varicose
04 Febbraio 2015

I Migliori Rimedi Naturali per le Vene Varicose

Le vene varicose sono vene sgradevoli e scomode, il più delle volte si verificano sulle gambe, diventando contorte o cresciute di spessore, impedendo il corretto flusso di sangue alle estremità e costringendo il sistema cardiovascolare a lavorare di più per ottenere il corretto flusso di sangue unidirezionale. 

“Sambucus nigra” (sambuco comune) una pianta medicinale e un Rimedio Omeopatico, conosciamoli meglio
02 Ottobre 2014

“Sambucus nigra” (sambuco comune) una pianta medicinale e un Rimedio Omeopatico, conosciamoli meglio

Ricetta interna su come preparare uno sciroppo di Sambuco

Il sambuco comune o sambuco nero è una pianta arbustiva perenne della famiglia delle Adoxaceae molto comune che cresce ai bordi delle strade, vicino ai casolari, lungo gli argini dei fiumi e viene considerata un'infestante. Le proprietà che si racchiudono in questa specie botanica sono note da tempo e numerosi studi confermano che l'utilizzo di questa pianta è molto utile nella terapia dell'influenza sia come fitoterapico che come rimedio omeopatico.

Ultimi post pubblicati

TWIST ROLLER PER ESTENSORI AVAMBRACCI
12 Dicembre 2018

TWIST ROLLER PER ESTENSORI AVAMBRACCI

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali
10 Dicembre 2018

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali

Il migliore metodo per evitare un doloroso infortunio ai flessori della coscia è la prevenzione. Spesso accade che gli atleti, quando sono in forma, tendono a strafare e spesso e volentieri sono gli eccessivi carichi di lavoro a produrre questo genere di infortunio.