(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

La Sudorazione

data di redazione: 16 Settembre 2015
La Sudorazione

Fisiologia e Consigli dalla medicina naturale per tamponare gli effetti indesiderati.

La sudorazione, ossia la perdita di umidità attraverso la pelle, fa parte dell'importantissimo meccanismo di regolazione della temperatura corporea e, sebbene talvolta possa essere fastidiosa, solo raramente è indice di un problema clinico.

Alcuni individui sudano più di altri senza una ragione apparente.

Ci sono due tipi di ghiandole sudoripare:

  • le ghiandole apocrife, che si ritrovano per lo più sotto le ascelle e nelle zone genitali e vengono stimolate da cambiamenti di origine emotiva e nervosa;
  • le ghiandole eccrine, diffuse in tutto il corpo, che vengono stimolate dal calore e hanno lo scopo di disperderlo.

La sudorazione eccessiva è di solito innocua; le parti interessate sono le ascelle, le mani e piedi.

Questo fenomeno spesso ha inizio durante la pubertà e può durare tutta la vita. Il problema principale risiede nell'odore sgradevole che di solito l'accompagna, soprattutto quando gli indumenti impediscono all'aria di circolare.

Qualche volta la sudorazione eccessiva può essere sintomo di un disturbo alla tiroide e può peggiorare con l'ansia, l'esercizio fisico, l'obesità e il caldo.

Cosa consiglia la Medicina Naturale

Naturopatia

I terapeuti sconsigliano l'uso di antitraspiranti, poiché una delle funzioni della traspirazione è proprio quella di eliminare scorie e tossine.

I deodoranti sovrappongono un profumo all’odore sgradevole del sudore senza bloccarlo mentre gli antitraspiranti lo ostacolano, costringendo le tossine a trovare una via d'uscita alternativa: questo causa spesso la comparsa di foruncoli e brufoli.

Si ritiene inoltre che i sali di alluminio contenuti in alcuni prodotti antitraspiranti possano causare effetti collaterali, provocando lesioni cutanee come le dermatiti.

I naturopati ritengono, inoltre, che una traspirazione con odore acre possa essere dovuta a un deficit di zinco che, portando a disturbi renali, provochi l'espulsione attraverso la pelle degli urati. Macchie bianche sulle unghie e lingua secca e ulcerata possono essere indice di questi disturbi. Può essere esco consigliata l'integrazione di 20-30 mg di zinco al giorno per alcuni mesi.

Aromaterapia

Alcuni olii essenziali, come l'olio di rose, di salvia, di zenzero, di limone e di noce moscata possono essere usati, diluiti in una lozione base come profumo naturale per nascondere l'odore corporeo. Cipresso e noce moscata sono indicati per i casi più resistenti.

Per combattere il sudore alle estremità, provate a spargere alcune gocce di olio puro di cipresso sotto la pianta e fra le dita dei piedi, tutti i giorni finché la situazione non migliora.


Omeopatia

Alcuni consigli generali utili:

  • Hepar sulphuris per un profuso sudore acido e appiccicoso durante la notte;
  • Sepia, nei casi di sudore del torace, della schiena delle cosce durante la notte e specialmente nel periodo della menopausa.
  • Sulphur, nei casi di odore corporeo associato a un aspetto poco sano della pelle e quando il sudore ai piedi rappresenta un problema particolare.


Poiché i rimedi hanno azione profonda, occorre chiedere il consiglio dell'omeopatia sul tipo più adatto, sulla diluizione più opportuna e sulla durata del trattamento.


Training autogeno

L'eccessiva traspirazione è spesso un sintomo di ansia e gli effetti calmanti di questo metodo terapeutico possono giovare. Si ritiene anche che sia particolarmente indicato per la sudorazione notturna che, in molti casi, può essere eliminata.

Terapia del comportamento

L'ansia è nota come causa di sudorazione eccessiva. Attraverso l'apprendimento di adeguati e diversi comportamenti, si è in grado di reagire all'ansia in modo attivo e positivo, e non in maniera inutile come con la sudorazione.


Il parere della medicina tradizionale

Se fosse necessario, il medico comincerebbe col chiedere al paziente di dimagrire, così da ridurre l'eccessiva sudorazione e migliorare lo stato di salute generale. Potrebbe prescrivere antitraspiranti da usare durante la notte e da eliminare il mattino seguente con il bagno o la doccia.

In casi gravi, si può asportare chirurgicamente una zona cutanea dell'ascella, riducendo il numero delle ghiandole sudoripare. I medici in genere non approvano l'uso degli spray deodoranti in commercio, poiché possono essere causa di fastidio fastidiose reazioni allergiche, come prurito, bruciore e ulcerazioni.

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Olio Essenziale di Origano
18 Maggio 2015

Olio Essenziale di Origano

Un trattamento non solo per atleti contro le infezioni fungine

Usato come antimicotico, antibatterico, agente antiparassitario contro tutto dalla salmonella sui banchi della cucina ai pidocchi sul cuoio capelluto, l'olio di origano può risultare efficace per il trattamento delle infezioni fungine, ma meglio chiedere sempre al proprio medico prima di utilizzarlo.

Sindrome di ekbom, la sindrome delle gambe senza riposo
30 Settembre 2015

Sindrome di ekbom, la sindrome delle gambe senza riposo

Da cosa è causata, come si può trattare con metodi naturali

I pazienti colpiti da questo disturbo non riescono ad individuare con precisione i sintomi: spaziano da un’irrequietezza motoria con contrazioni alle gambe durante il sonno, a movimenti senza controllo degli arti inferiori, sentono continuamente il bisogno di muovere le gambe insieme a formicolii e prurito. Cosa si può fare con la medicina naturale.

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.