(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Ritmi Circadiani

data di redazione: 04 Dicembre 2014
Ritmi Circadiani

10 Domande e Risposte sui Ritmi Circadiani

Cosa sono i ritmi circadiani?

 
I ritmi circadiani sono cambiamenti fisici, mentali e comportamentali che seguono un ciclo giornaliero di circa 24 ore, rispondendo soprattutto alla variazione della luce e al rapporto luce - buio. Si trovano nella maggior parte degli esseri viventi, compresi gli animali, le piante e molti altri esseri anche piccoli come i microbi. Lo studio dei ritmi circadiani è chiamato cronobiologia.
 
Ritmo Circadiano e Orologio biologico sono la stessa cosa?
 
No, ma essi sono correlati.
 
Cosa sono gli orologi biologici?
 
Gli orologi biologici che controllano i ritmi circadiani sono raggruppamenti di molecole contenute in tutto il corpo. Una specie di centralina collocata nel cervello che coordina tutti gli orologi del corpo in modo che siano sincronizzati.
 
Come è strutturata questa centralina?
 
La centralina degli orologi biologici in inglese definita "master clock" che controlla i ritmi circadiani è costituita da un gruppo di cellule nervose collocate nel cervello chiamato nucleo soprachiasmatico, o SCN. Il SCN contiene circa 20.000 cellule nervose ed è situato nell'ipotalamo, una zona del cervello collocata appena sopra i nervi ottici degli occhi.
I Ritmi circadiani hanno una componente genetica?
 
Sì. I ricercatori hanno già individuato i geni che dirigono i ritmi circadiani nelle persone, moscerini della frutta, topi, funghi e molti altri organismi utilizzati per lo studio della ricerca.
 
I Ritmi circadiani sono influenzabili?
 
I Ritmi circadiani sono prodotti da fattori naturali all'interno del corpo, ma sono anche influenzati da segnali provenienti dall'ambiente. La luce è l'indicazione principale che influenza i ritmi circadiani, accendere o spegnere i geni che controllano gli orologi interni di un organismo.
 
Come ritmi circadiani influenzano la funzione del corpo e la salute?
 
I ritmi circadiani possono influenzare i cicli sonno-veglia, il rilascio di ormoni, la temperatura corporea e di altre importanti funzioni corporee. Essi sono stati collegati a vari disturbi del sonno, come l'insonnia. Ritmi circadiani anormali sono stati associati all'obesità, il diabete, la depressione, disturbo bipolare e disturbo affettivo stagionale. 
 
Come sono legati i ritmi circadiani al sonno?
 
I ritmi circadiani sono importanti nel determinare la qualità e la quantità di sonno dell'uomo. Il "Master clock" del corpo, o SCN, controlla la produzione di melatonina, un ormone che crea sonnolenza e concilia ovviamente il sonno notturno. Dato che si trova appena sopra i nervi ottici, che trasmettono le informazioni dagli occhi al cervello, il SCN riceve informazioni sulla luce in entrata. Quando c'è meno luce, come di notte, il SCN dice al cervello di produrre più melatonina in modo da ottenere un sonno ristoratore.
 
I ritmi circadiani sono in relazione con il jet lag?
 
Jet lag si verifica quando i viaggiatori soffrono di ritmi circadiani perturbati. Quando si viaggia in zone con diversi fusi orari, l'orologio del vostro corpo sarà diverso dal vostro orologio da polso. Ad esempio, se si vola in un aereo dalla California a New York, si "perdono" 3 ore. Così, quando ti svegli alle 7:00, il corpo pensa ancora che siano le 04:00, facendovi sentire intontiti e disorientati. L'orologio del vostro corpo alla fine azzererà, ma questo richiede spesso un paio di giorni.
 
Come i ricercatori studiano i ritmi circadiani?
 
Gli scienziati possono conoscere i ritmi circadiani studiando gli esseri umani o utilizzando organismi modello che hanno geni "orologio" simili. I ricercatori di base che fanno questi esperimenti in grado di controllare l'ambiente del soggetto alterando luce e periodi di buio e quindi cercare variazioni di attività dei geni o altri segnali molecolari.
 
Come funziona la ricerca del ritmo circadiano in relazione alla salute umana?
 
Capire ciò che rende gli orologi biologici sballati può portare i ricercatori a trattamenti per i disturbi del sonno, jet lag e di altri problemi di salute. Imparare più informazioni circa i geni responsabili dei i ritmi circadiani consentirà inoltre di migliorare la nostra comprensione dei sistemi biologici e il corpo umano.
 
Buon ABC Allenamento
Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Le 9 peggiori cose che puoi fare per il tuo sistema immunitario durante le Feste di Natale
03 Dicembre 2015

Le 9 peggiori cose che puoi fare per il tuo sistema immunitario durante le Feste di Natale

Le abbuffate, il freddo e la mancanza di luce solare può sopprimere il sistema immunitario - imparate a combatterlo cominciando da cosa NON fare

Durante le vacanze natalizie, complice la stagione fredda e l'influenza e tutti quei germi che ci circondano unite ad una cattiva alimentazione, il nostro sistema immunitario può soffrire e portare ad ammalarci. 9 cose da non fare per non peggiorare la situazione.

Perché Mangiamo Male?
14 Maggio 2015

Perché Mangiamo Male?

Siamo Sicuri di Consumare i Pasti nel modo corretto assimilando tutti i macronutrienti?

Molti di noi, pensano di nutrirsi in modo corretto, ma spesso vi sono piccoli errori durante le nostre giornate che sommati possono fare la differenza per spostare la lancetta verso una alimentazione sana oppure meno sana.

Ultimi post pubblicati

Alimenti e Integratori Che Aumentano il Testosterone
18 Maggio 2019

Alimenti e Integratori Che Aumentano il Testosterone

Il testosterone alto, il principale ormone maschile, è un ottimo segno per la salute, ecco perché ci si domanda sempre come aumentarlo con l'alimentazione o altre soluzioni, ovviamente naturali e non chimiche.

Definizione Muscolare - La Scheda Migliore
16 Maggio 2019

Definizione Muscolare - La Scheda Migliore

Acquisire massa muscolare è abbastanza semplice, basta mangiare un pò di più adottando un allenamento strutturato sui grandi esercizi, spingendo grossi carichi; in linea di massima questa strategia ha sempre dato ottimi risultati in termini di aumento di peso e massa muscolare. Il problema nasce quando si deve perdere grasso, cercando di non perdere la massa muscolare, faticosamente acquisita nella fase bulk.