(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Smettere Di Fumare Con L'esercizio Fisico

data di redazione: 01 Gennaio 2018
Smettere Di Fumare Con L'esercizio Fisico

Se siete dei fumatori, sicuramente per il nuovo anno vi sarete fatti delle promesse che vorreste mantenere come lo smettere di fumare. Se ci avete provato già in passato e senza successo, oggi vi proponiamo di iniziare l'allenamento! Questo perché una nuova ricerca mostra che l'esercizio fisico può ridurre i sintomi di astinenza da tabacco.


Una nuova ricerca mostra come l'esercizio fisico può aiutare ad eliminare questa abitudine di fumare una volta per tutte.


Sappiamo tutti che fumare fa male alla salute, ma smettere di fumare può essere difficile. I sintomi di astinenza come l'irritabilità, i disturbi del sonno o anche la depressione sono comunemente segnalati dalle persone che lottano con la dipendenza da tabacco.

.
Oltre ai centri specializzati che offrono servizi di supporto che potrebbero aiutarvi ad affrontare questi sintomi, anche la meditazione e l'evitare le cause che possono portare a fumare sono metodi utili.


L'esercizio è noto per ridurre i sintomi di astinenza da nicotina. Precedenti studi hanno dimostrato che anche brevi sessioni di soli 10 minuti di moderato esercizio fisico possono avere effetti immediati riducendo le  voglie di tabacco.


I meccanismi esatti responsabili di questo effetto rimangono in gran parte ancora sconosciuti. Ma la nuova ricerca ci avvicina alla comprensione di questi meccanismi, in quanto mostra come vari gradi di intensità di esercizio fisico influenzino il desiderio di nicotina nei topi.


Il dott. Alexis Bailey, docente di neurofarmacologia presso la St George's University di Londra, è l'autore corrispondente dello studio, i risultati sono stati pubblicati sul British Journal of Pharmacology.

Come L'esercizio Fisico Ha Aiutato I Topi Dipendenti Dalla Nicotina

Il dott. Bailey e il suo team hanno trattato i topi con nicotina per 14 giorni e li hanno sottoposti a uno dei tre regimi su ruote: 24 ore al giorno, 2 ore al giorno o nessun esercizio.


Il 14° giorno, i ricercatori hanno valutato i sintomi di astinenza dei roditori. Sono state anche analizzate le sezioni cerebrali dei topi.


È stato riscontrato che i "topi trattati con nicotina che avevano eseguito 2 o 24 ore al giorno di attività alla ruota, avevano mostrato una significativa riduzione della gravità dei sintomi da astinenza rispetto al gruppo sedentario".


Inoltre, nei topi che avevano eseguito attività fisica, i ricercatori sono stati in grado di vedere un aumento dell'attività di un tipo di recettore del cervello per la nicotina chiamato alfa7 nicotinico acetilcolina. Il recettore è situato nell'ippocampo dei topi, un'area del cervello associata alla creazione di nuovi ricordi e implicato nei disturbi dell'umore.


È interessante notare che 2 ore di esercizio fisico ogni giorno sono risultate essere altrettanto buone per alleviare i sintomi di astinenza come l'esercitarsi continuamente per 24 ore. Ciò suggerisce che gli effetti benefici dell'esercizio non dipendono dall'intensità dell'esercizio.


 "Questi risultati supportano l'effetto protettivo dell'esercizio che precede la cessazione di fumare contro lo sviluppo della dipendenza fisica, che può aiutare a smettere di fumare riducendo la gravità dei sintomi da astinenza", scrivono gli autori.


Come spiega il team, "I nostri risultati dimostrano l'efficacia anche di una moderata quantità di esercizio fisico durante l'esposizione alla nicotina nell'attenuare i sintomi di astinenza da nicotina puntando al sistema ippocampale [alfa7 nicotinico acetilcolina] come un potenziale meccanismo alla base di questo effetto."


"Questi risultati possono anche avere implicazioni per lo sviluppo di interventi mirati alla fase precedente allo smettere di fumare che possono aumentare le possibilità di smettere di fumare", aggiungono il dott. Bailey e colleghi.



Gli autori mettono a conoscenza: questa è la prima volta che in uno studio è stato dimostrato un tale profondo effetto dell'esercizio fisico sugli animali dipendenti dalla nicotina.


  • " L'evidenza scientifica suggerisce che l'esercizio diminuisce i sintomi di astinenza da nicotina negli esseri umani [...] La nostra ricerca ha gettato luce su come funziona l'effetto protettivo dell'esercizio contro la dipendenza da nicotina ".

Dr. Alexis Bailey




Tuttavia, gli autori dello studio avvertono anche che l'evidenza non è ancora sufficiente per stabilire la causalità tra l'aumentata attività del recettore della nicotina ippocampale e gli effetti benefici dell'esercizio.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

ABC Consigli contro il Mal di Schiena
24 Settembre 2015

ABC Consigli contro il Mal di Schiena

Errori Comuni che Pregiudicano la Salute della nostra Schiena

​In tanti si preoccupano della propria schiena solo dopo aver avuto un attacco acuto o avere avvertito i primi sintomi di dolore cronico, il problema è però che a questo punto, il danno, o almeno una parte di esso, è già fatto: nella maggior parte dei casi è reversibile, ma spesso lascia strascichi come l'indebolimento.

2 Fattori Da Non Ignorare Per Un Buon Recupero
17 Febbraio 2018

2 Fattori Da Non Ignorare Per Un Buon Recupero

L'allenamento crea uno stimolo a cui il corpo deve adattarsi, e attraverso questo adattamento, i miglioramenti possono essere visti in fattori come forza, velocità e massa muscolare. Il recupero invece gioca un ruolo fondamentale per consolidare un buon allenamento.

Ultimi post pubblicati

Scheda Palestra Massa Muscolare
26 Marzo 2019

Scheda Palestra Massa Muscolare

L’obiettivo della maggior parte delle persone che frequentano le palestre è quello di aumentare il tono e la massa muscolare a discapito della massa grassa. Vediamo come fare....

9 Disturbi Del Comportamento Alimentare
24 Marzo 2019

9 Disturbi Del Comportamento Alimentare

Anoressia e bulimia sono i disturbi alimentari più conosciuti, ma non significa che siano gli unici e tanto meno i più comuni, esistono infatti molte altre anomalie minori del comportamento alimentare, alcune scoperte anche di recente.