(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Sprint ad Alta Intensità: Chi Può Farli e Chi No?

data di redazione: 04 Aprile 2016
Sprint ad Alta Intensità: Chi Può Farli e Chi  No?

Chi può allenarsi senza farsi male con questo tipo di allenamento?

Uno stile di vita attivo può essere uno stile di vita sano, ma alcune forme di allenamento più intenso è meglio lasciarle a coloro che sono già in forma, secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista The Federation of American Societies for Experimental Biology (FASEB).

Sia che si tratti del desiderio di un "corpo ben definito e magro" o di voler bruciare calorie in fretta - alcuni ricercatori hanno affermato che una persona "può bruciare un extra di 200 calorie al giorno, facendo solo 2,5 minuti di lavoro" – con l'allenamento di sprint ad alta intensità che stanno guadagnando popolarità nelle palestre.

L'esercizio fisico intenso è in grado di stimolare la crescita di mitocondri e di aumentare la capacità del corpo di utilizzare l'ossigeno, migliorando il sistema cardiovascolare e la forza e mantenendo le malattie cardiovascolari e l'obesità sotto controllo.

Tuttavia, allenandosi senza un buon riscaldamento, o preparazione fisica graduale di base, come quella di costruire l'intensità nel tempo, può provocare danni al corpo.

GLI ALLENAMENTI INTENSI POSSONO DANNEGGIARE I MUSCOLI E RIDUCONO LA FUNZIONALITÀ MITOCONDRIALE

Ricercatori canadesi ed europei, guidati da Robert Boushel, direttore della University of British Columbia's School of Kinesiology in Canada, hanno analizzato campioni di tessuto da 12 volontari di sesso maschile in Svezia.

Tutti i partecipanti erano sani, ma da se stessi descritti sia come inesperti o solo moderatamente attivi.

Gli uomini hanno preso parte ad un allenamento ad alta intensità per un periodo di 2 settimane. Il regime di esercizio prevedeva ripetute di 30 secondi con sprint a tutta potenza, seguiti da periodi di riposo.

I ricercatori hanno osservato segni di stress nei tessuti muscolari di gambe e braccia dei partecipanti successivamente all'esecuzione a tutta intensità dell'esercizio.

I test hanno dimostrato che i loro mitocondri, le "centrali elettricche delle cellule," hanno funzionato solo a metà della loro capacità dopo l'allenamento, riducendo la loro capacità di consumare ossigeno e di difesa contro i danni da radicali liberi.

I radicali liberi sono molecole che possono modificare il DNA e causare danni alle cellule sane. Alti livelli di radicali liberi sembrano essere un fattore di rischio per una serie di condizioni mediche, tra cui l'invecchiamento precoce, danni agli organi e il cancro.

Boushel dice che i risultati sollevano interrogativi su ciò che costituisce il dosaggio e l'intensità di esercizio appropriata per l'individuo medio. Si raccomanda prudenza quando si incoraggiano le persone a partecipare all'allenamento con gli sprint.

Boushel spiega che gli atleti esperti e ben allenati accumulano enzimi antiossidanti nei loro corpi, e questi offrono una protezione contro i radicali liberi.

Per i principianti, tuttavia, egli raccomanda di iniziare lentamente e di costruire l'intensità nel corso del tempo.

Egli mette in guardia:

"Se non siete allenati e state andando in palestra, partecipare a corsi di sprint ad alta intensità può aumentare le vostre prestazioni, ma potrebbe non essere salutare per voi."

I potenziali effetti negativi a lungo termine di allenamento con sprint ad alta intensità sono sconosciuti, ma studi in corso stanno osservando i diversi livelli di esercizio fisico e valutando quantità e intensità di allenamento contro diversi biomarcatori per la salute.

Riferimenti:

High-intensity sprint training inhibits mitochondrial respiration through aconitase inactivation, R. Boushel et al., The FASEB Journal, doi: 10.1096/fj.15-276857, published online 9 October 2015, abstract.

University of British Columbia news release, accessed 24 March 2016 via EurekAlert.

Additional sources:

Oxford reference, Oxidative capacity, accessed 24 March 2016.

Regulation of mitochondrial biogenesis, François R. Jornayvaz et al., Essays in biochemistry, doi: 10.1042/bse0470069, published 14 June 2010, abstract

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Consumare Tè nero e Agrumi per Ridurre il Rischio di Cancro Ovarico
20 Novembre 2014

Consumare Tè nero e Agrumi per Ridurre il Rischio di Cancro Ovarico

I benefici per la salute

Buone notizie per le donne che amano bere la loro tazza quotidiana di tè nero o succo d'arancia: un nuovo studio suggerisce che il consumo di alimenti contenenti flavonoli e flavanoni - sottoclassi di flavonoidi presenti nel tè e agrumi e succhi di frutta - è legato a una diminuzione del rischio di sviluppare il cancro ovarico epiteliale, la quinta causa di morte per cancro tra le donne.

Diete ad Alto Contenuto di Grassi o Zuccheri, Alterazione dei Batteri Intestinali e Riduzione delle Funzioni Cognitive
11 Luglio 2015

Diete ad Alto Contenuto di Grassi o Zuccheri, Alterazione dei Batteri Intestinali e Riduzione delle Funzioni Cognitive

La squadra ha trovato che le diete ad alto contenuto di zuccheri o grassi attivano ​​alterazioni del microbioma intestinale legato al ridotto funzionamento cognitivo. Pubblicato sulla rivista Neuroscience ...

Ultimi post pubblicati

DIFESA PERSONALE - COME TIRARE UNA GOMITATA EFFICACE
17 Febbraio 2019

DIFESA PERSONALE - COME TIRARE UNA GOMITATA EFFICACE

Consigli sugli errori da non fare e gli accorgimenti da adottare

Le gomitate sono un tema scottante per la difesa personale, e se vuoi dei consigli per tirarla in modo efficace trovi un video esplicativo in coda all’articolo.

Warrior Diet - La Dieta Del Guerriero
17 Febbraio 2019

Warrior Diet - La Dieta Del Guerriero

Il digiuno, la riduzione o l'astinenza dal consumo di cibo, è una pratica alimentare che è stata usata fin dall'antichità per vari scopi: religiosi, sanitari e fisici finalizzati a migliori performance in combattimento. La Warrior Diet o dieta del guerriero (avente similitudini con la Paleo Diet) nasce a seguito di uno studio delle abitudini alimentari dei guerrieri dell'antica Roma, e in generale degli uomini dell'età della pietra.