(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Strategie per prevenire o curare il gomito del tennista

data di redazione: 25 Settembre 2017
Strategie per prevenire o curare il gomito del tennista

L’epicondilite non interessa solamente i tennisti, come prevenire o controllare l’infiammazione

Il gomito del tennista e il gomito del golfista (epicondilite, epitrocleite) sono un'infiammazione dei tendini del gomito esterno ed interno causati dall'usura del muscolo dell'avambraccio.

Sono infortuni comuni che sopraggiungono spesso e volentieri in primavera, e generalmente sono causati da sovraccarichi di movimento oscillante e da eccessivi movimenti di lancio.
Anche se in genere vengono associati ai tennisti e golfisti, queste patologie riguardano anche i giocatori di baseball, giocatori di hockey ma anche chi si allena con oggetti pesanti come le spade medievali.
L’infiammazione interessa anche ginnasti e canottieri, ma anche body builder (eccessive ripetizioni in sala pesi di esercizi come curl ai bicipiti, estensioni dei tricipiti, dip, estensioni sopra la testa, rematori e trazioni).
Questo articolo fornisce alcuni suggerimenti per prevenire e curare i dolori al gomito dovuti a queste infiammazioni tanto comuni quanto fastidiose.


Esegui esercizi di rafforzamento del polso e del braccio
  • Costruisci i muscoli dell'avambraccio durante i periodi in cui non fai tornei o competizioni e mantieni la forza durante la stagione agonistica.
  • Esercita L'avambraccio due volte alla settimana per rendere le strutture dell’avambraccio e del gomito più resilienti.
Potresti poi migliorare la forza in altri esercizi come questi:
  • Stringere ripetutamente una pallina da tennis
  • Curl dei polsi con bilanciere o manubri seduti sulla panca (braccia prone appoggiate sulle ginocchia)

  • Estensioni dei polsi con bilanciere o manubri seduti sulla panca (con le braccia supine)
  • Wrist Roller
  • Sospensioni alla sbarra

C'è una linea sottile tra praticare troppo e poco le abilità per lo sport praticato durante il periodo fuori stagione (ma anche in stagione); ma non bisogna neanche esagerare con gli esercizi delle braccia in palestra.

L’importante è che al primo segno di disagio del gomito (esterno o interno che sia), bisogna fermarsi e riposare.
(Leggi anche: come mantenere la forza durante un infortunio)

Lavorare con il dolore non solo può peggiorare le cose, ma si finisce per causare un problema cronico, rischiando solamente di stare poi fermi per un lungo periodo.


Consulta il tuo istruttore o il tuo medico sportivo
Quando sopraggiunge il dolore del gomito, fallo presente al club dove ti alleni o meglio ancora ad un medico sportivo per una diagnosi accurata (determinando se si tratti o no del gomito del tennista o del golfista) e quindi procedere per una cura per alleviare ed in seguito eliminare il dolore.
È meglio saltare due allenamenti che tre mesi più avanti (se si è sottovalutato il problema).


Modalità di guarigione
Eccoti alcuni metodi per alleviare il dolore al gomito.
> Massaggio con ghiaccio. Massaggia delicatamente intorno al gomito con una sacca piena di ghiaccio in un asciugamano, contrastando con delle applicazioni di calore umide immergendo l’asciugamano in acqua calda contenente sali di epsom.
> Massaggiatevi delicatamente i muscoli dell'avambraccio attorno al giunto del gomito con le dita e il pollice. Non agire sul gomito stesso o su aree se c’è gonfiore.
> Fare stretching in pronazione e supinazione del gomito estendendo e flettendo la mano con il braccio steso.
> Esegui esercizi di rinforzo, inizialmente senza una resistenza, ad esempio aprendo e chiudendo il pugno, poi alternando flessione e estensione del polso per diverse volte.
> Quando il dolore se ne sta andando, esegui gli esercizi che abbiamo elencato sopra.

Questi esercizi si fanno prima di tutto per prevenire delle lesioni al gomito, ma possono anche essere eseguiti alla fine di un programma di riabilitazione per rinforzare i muscoli che circondano il gomito per accelerare il processo di guarigione.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Metabolismo Anaerobico Alattacido
15 Luglio 2018

Metabolismo Anaerobico Alattacido

Questa via metabolica può essere classificata come quella capace di rendere più rapidamente disponibile energia ma allo stesso tempo come quella che più rapidamente esaurisce la sua possibilità di utilizzo, infatti il metabolismo anaerobico alattacido è in grado di supportare l’attività muscolare per un tempo nell’ordine dei secondi: l’esaurimento avviene mediamente intorno ai 10 secondi.

La verità su 5 fattori di rischio per il cancro
01 Febbraio 2015

La verità su 5 fattori di rischio per il cancro

Amici e nemici della nostra salute

Quando devi acquistare un prodotto è spesso difficile fare la scelta: esso è un amico o un nemico della tua salute? Alcune indicazioni sul possibile legame tra cancro e cose come il caffè, la pillola e le crema solare…

Ultimi post pubblicati

Paella Proteica con Pollo, Gamberetti e Chorizo
25 Settembre 2018

Paella Proteica con Pollo, Gamberetti e Chorizo

Condividiamo una delle nostre ricette preferite con voi - quindi abbiamo scelto la nostra paella di pollo, gamberetti e chorizo! Se state cercando un pasto veloce, facile, ricco di proteine da mangiare, ecco quello giusto!
Preparazione: 30 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 4
I 7 Migliori Allenamenti Per Quadricipiti, Glutei e Bicipiti Femorali
25 Settembre 2018

I 7 Migliori Allenamenti Per Quadricipiti, Glutei e Bicipiti Femorali

Giorno delle gambe, la stessa frase evoca immagini di nausea, giorni di zoppicamento e gambe che sembrano costituite da gelatina. La maggior parte degli allenamenti si basa sul re degli esercizi per le gambe e non solo: SQUAT. In effetti è un esercizio unico ed insostituibile per far crescere i muscoli delle vostre cosce e glutei. Però non bisogna fossilizzarvi esclusivamente sul classico squat con bilanciere.