Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Strategie per prevenire o curare il gomito del tennista

data di redazione: 25 Settembre 2017
Strategie per prevenire o curare il gomito del tennista

L’epicondilite non interessa solamente i tennisti, come prevenire o controllare l’infiammazione

Il gomito del tennista e il gomito del golfista (epicondilite, epitrocleite) sono un'infiammazione dei tendini del gomito esterno ed interno causati dall'usura del muscolo dell'avambraccio.

Sono infortuni comuni che sopraggiungono spesso e volentieri in primavera, e generalmente sono causati da sovraccarichi di movimento oscillante e da eccessivi movimenti di lancio.
Anche se in genere vengono associati ai tennisti e golfisti, queste patologie riguardano anche i giocatori di baseball, giocatori di hockey ma anche chi si allena con oggetti pesanti come le spade medievali.
L’infiammazione interessa anche ginnasti e canottieri, ma anche body builder (eccessive ripetizioni in sala pesi di esercizi come curl ai bicipiti, estensioni dei tricipiti, dip, estensioni sopra la testa, rematori e trazioni).
Questo articolo fornisce alcuni suggerimenti per prevenire e curare i dolori al gomito dovuti a queste infiammazioni tanto comuni quanto fastidiose.


Esegui esercizi di rafforzamento del polso e del braccio
  • Costruisci i muscoli dell'avambraccio durante i periodi in cui non fai tornei o competizioni e mantieni la forza durante la stagione agonistica.
  • Esercita L'avambraccio due volte alla settimana per rendere le strutture dell’avambraccio e del gomito più resilienti.
Potresti poi migliorare la forza in altri esercizi come questi:
  • Stringere ripetutamente una pallina da tennis
  • Curl dei polsi con bilanciere o manubri seduti sulla panca (braccia prone appoggiate sulle ginocchia)

  • Estensioni dei polsi con bilanciere o manubri seduti sulla panca (con le braccia supine)
  • Wrist Roller
  • Sospensioni alla sbarra

C'è una linea sottile tra praticare troppo e poco le abilità per lo sport praticato durante il periodo fuori stagione (ma anche in stagione); ma non bisogna neanche esagerare con gli esercizi delle braccia in palestra.

L’importante è che al primo segno di disagio del gomito (esterno o interno che sia), bisogna fermarsi e riposare.
(Leggi anche: come mantenere la forza durante un infortunio)

Lavorare con il dolore non solo può peggiorare le cose, ma si finisce per causare un problema cronico, rischiando solamente di stare poi fermi per un lungo periodo.


Consulta il tuo istruttore o il tuo medico sportivo
Quando sopraggiunge il dolore del gomito, fallo presente al club dove ti alleni o meglio ancora ad un medico sportivo per una diagnosi accurata (determinando se si tratti o no del gomito del tennista o del golfista) e quindi procedere per una cura per alleviare ed in seguito eliminare il dolore.
È meglio saltare due allenamenti che tre mesi più avanti (se si è sottovalutato il problema).


Modalità di guarigione
Eccoti alcuni metodi per alleviare il dolore al gomito.
> Massaggio con ghiaccio. Massaggia delicatamente intorno al gomito con una sacca piena di ghiaccio in un asciugamano, contrastando con delle applicazioni di calore umide immergendo l’asciugamano in acqua calda contenente sali di epsom.
> Massaggiatevi delicatamente i muscoli dell'avambraccio attorno al giunto del gomito con le dita e il pollice. Non agire sul gomito stesso o su aree se c’è gonfiore.
> Fare stretching in pronazione e supinazione del gomito estendendo e flettendo la mano con il braccio steso.
> Esegui esercizi di rinforzo, inizialmente senza una resistenza, ad esempio aprendo e chiudendo il pugno, poi alternando flessione e estensione del polso per diverse volte.
> Quando il dolore se ne sta andando, esegui gli esercizi che abbiamo elencato sopra.

Questi esercizi si fanno prima di tutto per prevenire delle lesioni al gomito, ma possono anche essere eseguiti alla fine di un programma di riabilitazione per rinforzare i muscoli che circondano il gomito per accelerare il processo di guarigione.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Una Maschera di cioccolato per una pelle più sana
26 Dicembre 2016

Una Maschera di cioccolato per una pelle più sana

Applicazioni di cioccolato per la pelle secca o irritata

Come il cioccolato può salvare la tua pelle! Ottimo da gustare, buon alleato per alzare l’umore ma scommettiamo che non lo avete mai considerato come un trattamento viso. Certo, avete letto bene… cioccolato per uso esterno, sì…

Uso di Probiotici e Prebiotici Nella Gestazione ed Effetti Sulla Mamma e il Futuro Nascituro
11 Settembre 2016

Uso di Probiotici e Prebiotici Nella Gestazione ed Effetti Sulla Mamma e il Futuro Nascituro

Microbiota intestinale: ​Chi ben comincia....

L’attenzione al benessere intestinale delle future mamme diviene quindi un aspetto essenziale per ottimizzare queste dinamiche utilizzando opportunamente e per tempo sia probiotici che prebiotici appositamente progettati.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.