(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Una Soluzione Naturale Contro i Dolori Muscolari da Infortunio

data di redazione: 07 Novembre 2015
Una Soluzione Naturale Contro i Dolori Muscolari da Infortunio

Se siete atleti di sport da combattimento, oppure se giocate a rugby, a calcio o a basket, vi capiterà spesso di procurarvi lividi, strappi muscolari o infortuni simili.

Spesso si ricorre a pomate medicinali, quando invece vi sono dei rimedi naturali alquanto efficaci e che non fanno male.

Se vi preparate da soli questa soluzione naturale, ogni volta che vi stirate un muscolo, che vi procurate un livido o semplicemete una botta ad un dito, avete già pronta la vostra miscela da spalmarvi sopra accelerando così la guarigione.

LE PIANTE

Un estratto alcolico di due comuni fiori costituisce uno dei migliori trattamenti locali di pronto intervento per questo genere di infortuni, nel caso specifico di ematomi, lividi e strappi muscolari.

Uno è la "calendula" (calendula officinalis), pianta dal fiore arancione o giallo denso simile a un crisantemo.

L'altro fiore è quello del "iperico" (Hipericum perforatum), una pianta che può avere vari nomi, che viene spesso considerata infestante e che, come tale, compare spesso nei luoghi più inaspettati.

I fiori sono piccoli, gialli e a forma di stella, annessi a uno stelo legnoso alto dai 50 cm in su.

LA PREPARAZIONE

A parte la pianta, l'unica cosa che vi occorre è l'alcol, che deve fungere da solvente.

Dato che serve a fare un linimento da mettere sulla pelle, si potrebbe utilizzare anche dell'alcol denaturato, ma spesso viene sconsigliato perchè se utilizzato nel modo sbagliato può essere velenoso.

Quindi si può usare il Brandy per esempio, così anche nel caso qualcuno pensi che sia per uso interno non succederebbe niente.

Il brandy ha circa il 40% di alcol e quindi è abbastanza forte per riuscire a estrarre il meglio dai fiori e al contempo fare da conservante, ma in alternativa vanno bene anche il gin e il rum.

Prendete una tazza circa di fiori e metteteli in un piccolo recipiente di vetro, aggiungete il brandy fino a sommergere i fiori e tappate ermeticamente.

Dopo circa una settimana filtrate i fiori e versate la soluzione in bottigliette col contagocce.

Si conserverà per anni.

La tintura di calendula e quella di iperico si possono comprare anche in erboristeria, ma è difficile che sia migliore di quello che vi siete preparati da soli in casa.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

VIRUS ed Allenamento
01 Ottobre 2015

VIRUS ed Allenamento

Consigli per riconoscere i segnali ed evitare di ammalarsi nei periodi di allenamento intenso

Con l'arrivo dei primi freddi, a chi non è mai capitato di accusare i primi sintomi di un'influenza, oppure un raffreddore, un mal di testa o semplicemente un malessere generale ma di non stare così male da sospendere gli allenamenti?

Sintomi e Medicine - Il giusto atteggiamento
06 Dicembre 2015

Sintomi e Medicine - Il giusto atteggiamento

I sintomi sono il primo campanello di allarme, perché non trascurarli o coprirli

I profitti dell'industria farmaceutica hanno il preconcetto che ogni sintomo corrisponde automaticamente ad un farmaco: ogni sintomo in sostanza rischia di diventare una malattia da curare. Questa terapia permette l'introduzione nell'organismo di sostanze chimiche di cui il nostro organismo non sa cosa fare, in più in questo modo ci avveleniamo da soli. Cosa fare perché ciò non accada.

Ultimi post pubblicati

Fritelle di Zucchine con Formaggio Caprino
24 Settembre 2018

Fritelle di Zucchine con Formaggio Caprino

E' una di quelle sfiziosità che ogni tanto vale la pena preparare e che non debbono mai mancare a un buffet in piedi. Sfiziose e croccanti, sono salvacena quando abbiamo le zucchine in frigo e amici a tavola.
Preparazione: 30 min.
Difficoltà: 1
N. porzioni: 4
STACCO DA TERRA CON LA TRAP BAR
24 Settembre 2018

STACCO DA TERRA CON LA TRAP BAR

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.