(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Vitamina D: Come Ridurre Il Rischio Di Morte Per Malattie Cardiovascolari

data di redazione: 03 Marzo 2018
Vitamina D: Come Ridurre Il Rischio Di Morte Per Malattie Cardiovascolari

Le persone che hanno malattie cardiovascolari possono ridurre il rischio di morte di quasi un terzo semplicemente mantenendo normali livelli di vitamina D. Questo è il risultato di un nuovo studio recentemente pubblicato su The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism. I ricercatori dicono che livelli di vitamina D troppo bassi o troppo alti potrebbero aumentare il rischio di morte per malattia cardiovascolare.

Le malattie cardiovascolari (CVD acronimo di cardiovascular disease) è un termine generico usato per le condizioni che interessano il cuore e vasi sanguigni, tra cui le malattie cardiache, infarto, insufficienza cardiaca e ictus.


Negli Stati Uniti le malattie cardiache sono la causa numero 1 per morte. Le malattie cardiache da sole sono responsabili di circa 610.000 morti nel paese ogni anno. In Italia, nel 2013 sono stati stimati in circa 11 milioni gli italiani (50enni o +) con almeno un problema cardiovascolare (fonte ISTAT).

Ricerche precedenti suggeriscono che lo stato di vitamina D può giocare un ruolo importante nella salute cardiovascolare.

La vitamina D può aiutare anche a perdere peso che è una delle cause che possono contribuire a sviluppare problemi cardiaci.

Un nuovo studio - condotto dal Prof. Jutta Dierkes, del Department of Clinical Medicine dell'Università di Bergen in Norvegia - ha approfondito il ruolo dei livelli di vitamina D nel rischio di morte per malattia cardiovascolare.


Mortalità Per Malattie Cardiovascolari Ridotta Del 30%


Al fine di raggiungere i loro risultati, il Prof. Dierkes e colleghi hanno analizzato i campioni di sangue di 4,114 adulti che avevano sospettato l'angina pectoris, che è il dolore al petto causato da malattia coronarica.


I soggetti avevano un'età media di 62 anni all'inizio dello studio e sono stati seguiti per una media di 12 anni.


Il team ha valutato i campioni di sangue dei soggetti per osservare i livelli di 25-idrossivitamina D3 o 25 (OH) D, che è la forma circolatoria primaria di vitamina D. Durante il follow-up dello studio, ci sono stati in totale 895 decessi. Di questi, 407 erano legati a malattie cardiovascolare.


Secondo il National Institutes of Health (NIH), un livellodi 50-125 nanomoli per litro (nmol / lt) di 25 (OH) D  è "generalmente considerato adeguato per le ossa e la salute generale in individui sani".

Nello studio, i ricercatori hanno scoperto che le concentrazioni di 25 (OH) D ottimali per il rischio di mortalità erano 42-100 nmol / lt. Concentrazioni di vitamina D inferiori a 42 nmol / lt e superiori a 100 nmol / lt erano associate ad un maggior rischio di morte per malattie cardiovascolari.
 
Infatti, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti con le concentrazioni ottimali di 25 (OH) D avevano il 30% in meno di probabilità di morire per cause di malattie cardiovascolari.

"Abbiamo scoperto", afferma il Prof. Dierkes, "che la giusta quantità di vitamina D riduce sostanzialmente il rischio di morte, tuttavia, troppo o troppo poco ne aumenta il rischio".


Sulla base di questi risultati, il Prof. Dierkes raccomanda che tutte le persone che soffrono di problemi cardiovascolari debbano misurare e mantenere controllati i loro livelli di vitamina D. Se i livelli sono inferiori al normale, potrebbe essere necessario un integratore di vitamina D.


Detto questo, i ricercatori osservano che la quantità ottimale di vitamina D non è la stessa per tutti. "Dipende dal posto in cui si vive e dal tipo di dieta che si segue", aggiunge il prof. Dierkes.


La fonte primaria di vitamina D è la luce solare, ma possiamo anche ottenerla da determinati alimenti - tra cui salmone, tonno e uova – o da integratori alimentari.


Tuttavia, vale la pena notare che sono necessari ulteriori studi prima che la vitamina D possa essere raccomandata come integratore benefico per le persone che soffrono di malattie cardiovascolari.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Mangiare e Bere come uno Yogi
22 Maggio 2016

Mangiare e Bere come uno Yogi

Mangiare col solo scopo di nutrirsi, bere per dissetarsi, cosa prevede la filosofia Yogi

Gli Yogi sono persone che seguono in maniera rigorosa la filosofia yogi che li aiuta a vivere in questo mondo dando loro la speranza della “Vera Conoscenza”. L’intera filosofia yogi si basa sulla ricerca e sulla comunicazione con Dio.

Sindrome Premestruale parte 2
01 Ottobre 2014

Sindrome Premestruale parte 2

A cura della Dott. S. Missori

Il DSM IV (manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali) ha stabilito dei criteri per la diagnosi del disturbo disforico premestruale, anche se la classificazione ha suscitato diverse critiche. Questo probabilmente perché, mettendo da parte il femminismo, pone l'accento sulla non stabilità emotiva e comportamentale delle donne legata alle fisiologiche fluttuazioni ormonali.

Ultimi post pubblicati

Il Miglior Allenamento Per Perdere Grasso
15 Febbraio 2019

Il Miglior Allenamento Per Perdere Grasso

Programma di allenamento per dimagrire con esercizi di forza, cardio, protocolli HIIT e consigli alimentari perchè senza una buona alimentazione non si va da nessuna parte.

Riso Pilaf Con Frutta e Cipollotti
14 Febbraio 2019

Riso Pilaf Con Frutta e Cipollotti

Il termine pilaf di per sè, contrariamente al significato che ha acquisito per metonimia in italiano e in altre lingue, non si riferisce al riso, ma alla maniera di cucinarlo: pilaf è la cottura del riso, non il riso in sè.
Preparazione: 30 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 4