(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Voglia di Spuntini Notturni? Uno Studio Spiega il Perché di Questi Desideri

data di redazione: 07 Maggio 2015
Voglia di Spuntini Notturni? Uno Studio Spiega il Perché di Questi Desideri

A volte il frigorifero “chiama” a tarda notte e ci attira con i suoi deliziosi contenuti. Ora, un nuovo studio condotto dai ricercatori della Brigham Young University di Provo, UT, fa luce sul perché può essere difficile resistere ad uno spuntino a tarda notte, ed ha tutto a che fare con il modo in cui il cervello risponde al cibo in questi diversi momenti della giornata.

 

Anche siccome le risposte di ricompensa del cibo connesse al cervello sono inferiori a tarda notte, i ricercatori ritengono che questo potrebbe indurci a mangiare più cibo per raggiungere la soddisfazione.


L'autore principale Prof Travis Masterson e colleghi hanno scoperto che durante la notte, queste risposte di ricompensa sono più basse, il che significa che proviamo meno soddisfazione quando mangiamo.

 

«Si potrebbe consumare molto di più di notte, perché il cibo non risulta molto gratificante, almeno visivamente in questo momento della giornata", spiega il Professor Masterson. "Potrebbe non essere una buona pratica, quella di mangiare di notte, in quanto si tende a mangiare di più per sentirsi soddisfatti."

 

Per raggiungere i loro risultati, che sono stati pubblicati sulla rivista Brain Imaging and Behavior, il team ha arruolato 15 donne sane per questo studio.

 

Utilizzando la risonanza magnetica funzionale (fMRI), il team ha monitorato l'attività cerebrale di ogni partecipante ai quali sono state mostrate 360 immagini di cibi a basso contenuto calorico, come le verdure, frutta e pesce e cibi ad alto contenuto calorico, come caramelle, gelati e fast food.

 

Ai partecipanti sono state mostrate queste immagini una volta di mattina (6:30-8:30), e una volta di sera (17:00-19:00), mentre più di due sessioni sono state tenute in una settimana a parte.

 

I risultati possono avere implicazioni sul comportamento alimentare, il controllo del peso...

 

Come previsto, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti hanno mostrato una maggiore attività neurale come risposta di ricompensa legata alle immagini di cibi ad alto contenuto calorico rispetto alle immagini di cibi a basso contenuto calorico.

 

Tuttavia, il team è stato sorpreso nello scoprire che quando le immagini di entrambi i cibi, sia a basso che ad alto contenuto calorico, sono state visualizzate la sera, le risposte neurali di ricompensa connesse erano inferiori rispetto a quando visualizzate al mattino.

 

Per di più, i ricercatori hanno scoperto che, nonostante i partecipanti avessero segnalato di avere meno fame la sera rispetto al mattino, hanno riferito di pensare al cibo più la sera, avvertendo di poter mangiare di più perché insoddisfatti.

 

I ricercatori dicono che i loro risultati "sottolineano il ruolo che l'ora del giorno può avere sulle risposte neurali agli stimoli alimentari", che, come dice Davidson, questo può avere implicazioni sul comportamento alimentare e sul peso.

 

I ricercatori avvertono però, che i loro risultati sono preliminari ed ulteriore ricerca è necessaria a conferma di ciò.

 

Eppure, Masterson dice che i risultati lo hanno aiutato a frenare la voglia di spuntini a tarda notte. "Ripetendo a me stesso: questo non è probabilmente così soddisfacente come dovrebbe essere," egli dice, mi aiuta ad evitare gli ulteriori spuntini durante la notte."

 

Riferimenti:
Neural reactivity to visual food stimuli is reduced in some areas of the brain during evening hours compared to morning hours: an fMRI study in women, Travis Masterson, et al., Brain Imaging and Behavior, doi: 10.1007/s11682-015-9366-8, published March 2015, abstract.

Brigham Young University news release, accessed 6 May 2015.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Perchè fa così bene il Peperoncino?
02 Ottobre 2014

Perchè fa così bene il Peperoncino?

Peperoncino gusto e salute

Il peperoncino rosso fornisce all'organismo vitamine e numerose altre sostanze: tra queste sono da ricordare la capsicina, la capsaicina (che conferisce al peperoncino il caratteristico sapore piccante), la capsantina, diversi sali e oligoelementi naturali, olio essenziale e lecitina, quest'ultima contenuta in modo particolare nei semi.

Colesterolo 10 Alimenti SI' e 10 Alimenti NO
29 Marzo 2015

Colesterolo 10 Alimenti SI' e 10 Alimenti NO

Quando abbiamo un eccesso di "colesterolo cattivo" nel sangue siamo in uno stato definito di ipercolesterolemia, in pratica un "disordine metabolico" nel nostro organismo che può provocare malattie anche di una certa entità tipo infarto e ictus. Sia il fumo della sigaretta che l'inattività fisica, come l'obesità, insieme a tante altri fattori, possono essere causa di ipercolesterolemia, e sicuramente anche l'alimentazione ha un ruolo di primo piano. E proprio riguardo a quest'ultimo punto vogliamo darvi alcuni consigli.

Ultimi post pubblicati

Allenamento PHA
18 Giugno 2019

Allenamento PHA

Le schede di allenamento in PHA prevedono diversi esercizi eseguiti consecutivamente stimolando distretti corporei il più possibile distanti tra loro (ad esempio cosce/deltoidi o bicipiti femorali/pettorali), in generale alternando l’attività della parte superiore con quella inferiore del corpo o viceversa. Tale sequenza andrà a reclutare tutti i gruppi muscolari del corpo in un’unica seduta (allenamento total body).

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.