Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

​Zucchero Dolcissimo Veleno?

data di redazione: 01 Novembre 2015
​Zucchero Dolcissimo Veleno?

Carburante indispensabile o pericoloso? 4 cose da sapere sullo zucchero

Oggi giorno tutti pensano peste e corna sullo zucchero, d’accordo è una sostanza insidiosa, si nasconde in una quantità incredibile di alimenti industriali, ma non esageriamo, in quanto non è solo colpa dello zucchero, se la popolazione mondiale (che non fa la fame) stia diventando sempre più obesa e diabetica.

Il glucosio, che è lo zucchero in cui si trasformano tutti i carboidrati che mangiamo, è la fonte principale di energia per corpo e mente. Se lo zucchero rappresenta una minaccia alla salute è per colpa nostra. Il fatto è che il sapore dolce è gradevole per il palato, e tendiamo a ricercarlo: ma è solo quando esageriamo che rischiamo di squilibrare il funzionamento del nostro metabolismo. Fatta questa premessa ecco 4 verità da sapere sullo zucchero.

VERITA’ NR.1

Lo Zucchero NON provoca per forza il Diabete

Troppo zucchero però sì! Se soffri di diabete significa che il tuo corpo non riesce a eliminare tutto il glucosio che ha in circolo. E il glucosio che si accumula nel sangue distrugge i tessuti. Chi ha il diabete di tipo 1 nasce già con questo problema (e deve seguire un medico ed una terapia specifica).

Sovrappeso e obesità, però, sono il terreno ideale per la sindrome metabolica, disturbo che favorisce la comparsa del diabete di tipo 2. Anche in questo caso l’organismo non riesce a metabolizzare bene lo zucchero, che invece, se pancreas e recettori dell’insulina funzionano a dovere, è utilizzato come carburante. Il rimedio è non esagerare.

Se ti rimpinzi di zucchero, l’aumento del glucosio nel sangue è così repentino che l’organismo non riesce a smaltirlo, e deve immagazzinarlo nei depositi di grasso.

Inoltre se esageri obblighi anche il pancreas a fare gli straordinari per produrre adeguate quantità di insulina e rischi di mandarlo in tilt. Bibite gassate e merendine sono una delle cause principali del diabete nel mondo. Lo zucchero non fa male, quello extra sì! Inoltre l’iscrizione in una palestra vi permetterà di perdere peso abbattendo i rischi del diabete.

VERITA’ NR.2

La Glicemia Troppo Alta manda in tilt il tuo organismo?

Per sapere se sei a rischio diabete devi sottoporti al test da carico di glucosio (OGTT). Consiste nel bere velocemente una soluzione con 75 grammi di glucosio e vedere come l’organismo lo metabolizza. Per il tuo corpo è una specie di shock e di certo non è una cosa da fare tutti i giorni.

Eppure un litro di bibita gassata contiene più di 75 grammi di zucchero, almeno la metà dei quali probabilmente sono il fruttosio, per cui lo stress a cui sottoponi il tuo organismo con la bibita è pure peggio di quello dell’OGTT.

Con quello che la gente mangia e beve al giorno d’oggi, direi che si fa male da sola senza neanche saperlo. Chi è che non si è bevuto un litro di cola in pizzeria con una pizza?

Un'iperglicemia grave può dare sintomi come vista offuscata, sete continua e frequente bisogno di andare in bagno. L’ipoglicemia invece è più facile da individuare in quanto ti sentirai debole, sudi freddo, giramenti di testa e vista annebbiata.

VERITA’ NR.3

Tagliare gli zuccheri serve per perdere peso?

I chili di troppo sono dati dalle calorie in eccesso e non solo esclusivamente dagli zuccheri; è certo che bibite gassate e merendine contengono calorie definite vuote ed aumentano la glicemia in modo repentino.

Il trucco per perdere peso è quello di eliminare i prodotti da forno, merendine, snack sporadici e limitarci a mangiare nei pasti principali cose sane e poco elaborate bevendo acqua. Inoltre è anche importante che i pasti contengano tutti i macronutrienti come carboidrati, proteine e grassi.

VERITA’ NR.4

Il Fruttosio fa Bene?

Il fruttosio è lo zucchero della frutta consigliato da molte diete perché ha un basso indice glicemico e viene usato anche come dolcificante industriale, peccato che quando è troppo faccia aumentare i livelli di grassi nel sangue. Mangiare molta frutta non Fa male anzi! E’ il fruttosio industriale ad essere pericoloso se consumato in grandi quantità. Perché?

Una volta assunto, il glucosio entra nella circolazione del sangue per essere utilizzato come carburante. I suoi avanzi arrivano al fegato, dove vengono stoccati come il glicogeno, una fonte di energia di riserva.

Se il fegato è già pieno di questa sostanza, il glucosio di troppo si trasforma in trigliceridi. Il Fruttosio invece non entra nel sangue, ma viene immagazzinato direttamente nel fegato e trasformato in glicogeno. Detto questo se la dieta è molto ricca in zuccheri, il fegato non potrà più immagazzinare glicogeno ed il fruttosio di troppo sarà convertito in trigliceridi.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Fondamenti di Citologia ed Istologia
28 Giugno 2018

Fondamenti di Citologia ed Istologia

La vita è un sistema chimico altamente organizzato e la più piccola forma completa, autosufficiente ed organizzata è rappresentata dalla cellula. La cellula è la più piccola unità biologica, unità strutturale e funzionale che sta alla base di tutti gli esseri viventi. È presente in tutti i tessuti del corpo umano, consente il movimento, la nutrizione, la riproduzione, la crescita e la vita.

Caffè e Rischio di Micotossicosi
30 Ottobre 2015

Caffè e Rischio di Micotossicosi

Un nuovo studio conferma la presenza di questi metaboliti tossici prodotti dai funghi in alcuni campioni di caffè commerciali ...

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.