(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Alimentazione e Preparazione Atletica Kitesurf

data di redazione: 13 Gennaio 2015
Alimentazione e Preparazione Atletica Kitesurf

Come prepararsi e cosa mangiare prima di salire sulla tavola

Praticare Kitesurf non è eccessivamente gravoso in termini di dispendio calorico: Infatti discreto è il consumo calorico, stimato in 5-7 Kcal/h per ogni kg di peso corporeo, per un uomo di 75 kg  = 75x5=375 (x7=525) Kcal.

 

Benefici nella pratica

È un’attività ideale per scaricare le energie psicofisiche, fare Kite surf è una valida alternativa ad altre attività veliche effettuabili in ambiente marino o lacustre; inoltre è utile per mantenere le coordinazioni di base e il tono muscolare.

Un’attività intensa (di circa un’ora) comporta un discreto consumo calorico e contribuisce a tenere sotto controllo il peso corporeo.

 

 

Consigli generali per prepararsi a  salire sulla tavola

Praticato a medio livello non richiede una preparazione specifica ma una buona resistenza generale alla fatica e agli agenti atmosferici, nonché un tono muscolare adeguato, specie degli arti inferiori, della zona dorso-lombare e addominale.

Si consiglia un allenamento con corsa lenta e prolungata oppure si può optare per altre attività aerobiche come

  • pattinaggio
  • bicicletta
  • sci di fondo
  • nuoto
  • canottaggio
  • esercizi e tono muscolare a terra (allenare addominali e lombari, fare piegamenti sulle braccia giornalmente e squat statico)
  • infine è utile allenarsi con le trazioni alla sbarra almeno due volte la settimana.

 

Lo stretching è molto utile per prevenire fastidi articolari e tendinei., quindi esso deve fare parte della preparazione.

Riscaldamento a terra

Il riscaldamento deve essere composto da esercizi calistenici e deve avere la durata di almeno 15 minuti per prevenire strappi ed infortuni.

Esempio:

  1. 5 minuti di corsa
  2. Affondi avanti 2x10 x gamba
  3. Affondi indietro
  4. jumping jacks ed esercizi affini per scaldare le articolazioni

 

 

Alimentazione

Prima di uscire in mare si consiglia un pasto leggero ma completo composto da pochi grassi e ricco di carboidrati complessi da consumare almeno 1 ora prima del riscaldamento a terra.

 

Due esempi di pasti

  1. Un piatto di pasta o riso integrali condito con olio evo e un frutto
  2. Petto di pollo 180 gr con insalata mista composta da verdura di stagione e un frutto.

 

Tra un’esibizione e l’altra, è opportuno assumere liquidi naturalmente zuccherati come spremuta di arancia o di ananas e consumare frutta fresca.

 

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Il Nuoto può Essere il Miglior Metodo di Recupero Attivo per Tutti gli Atleti
07 Maggio 2015

Il Nuoto può Essere il Miglior Metodo di Recupero Attivo per Tutti gli Atleti

Questo studio ha concluso che, nelle condizioni di prova utilizzate per questa serie di test di nuoto, il recupero attivo era il metodo più efficace ad eliminare il lattato nel sangue, seguito dal massaggio, e infine il recupero passivo, mentre tutto era efficace per far scendere i livelli di lattato nel sangue.

La flessibilità
01 Ottobre 2014

La flessibilità

Per tutti i tipi di sport la flessibilità è una qualità fisica da coltivare. Ecco perché

Sia che fate sport amatoriale sia che siate professionisti la flessibiltà dei vostri muscoli è una qualità che influenza il risultato delle vostre prestazioni

Ultimi post pubblicati

Shop ABC FIT
16 Marzo 2019

Shop ABC FIT

Come Allenarsi Con ABC FIT

ABC FIT è un personal trainer virtuale che redige programmi di allenamento su misura, calibrati a seconda delle esigenze dell'utente, dove un sofisticato algoritmo permetterà di determinare il livello di forma, in ogni momento della vostra preparazione fisica, fornendo un programma di allenamento dettagliato ad un prezzo accessibile a tutti.

Antropometria: Principi Generali
14 Marzo 2019

Antropometria: Principi Generali

Come per un sarto risulta fondamentale, per realizzare un abito su misura, la conoscenza di determinati aspetti fisici del proprio cliente, per l’istruttore una corretta valutazione antropometrica rappresenta uno strumento fondamentale per acquisire tutta una serie di dati che si riveleranno fondamentali per la stesura di un piano di allenamento personalizzato, volto a enfatizzare le potenzialità del cliente colmandone allo stesso tempo eventuali carenze...