Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

L'Allenamento per la Boxe secondo Alberto Servidei

data di redazione: 08 Ottobre 2014 - data modifica: 30 Novembre 2016
L'Allenamento per la Boxe secondo Alberto Servidei

La boxe è uno degli sport più antichi e affascinanti che si conoscono, passione, sudore, fatica, impegno hanno rinominato questa disciplina “noble art”, questo sport ha valori che altri sport non hanno: lealtà ed agonismo, forza fisica e rispetto.

Come tutti gli sport di combattimento l’allenamento boxe prevede una preparazione fisica basata su varie qualità dell’atleta da allenare e migliorare :

  • RESISTENZA
  • FORZA
  • VELOCITA’
  • COORDINAZIONE
  • TECNICA

RESISTENZA

La resistenza è quella capacità fisica che permette di sostenere un determinato sforzo il più a lungo possibile. Tale abilità rispecchia l'efficienza dei sistemi energetici implicati nell'esecuzione del gesto motorio; per essere eseguito, infatti, qualsiasi movimento richiede una certa quantità di ATP (moneta energetica dell'organismo) distribuita in un certo lasso di tempo. Avere più energia a disposizione significa mantenere più a lungo lo sforzo senza cali prestativi; in poche parole, energia è sinonimo non solo di potenza, ma anche di resistenza. Nella Boxe la resistenza la miglioriamo con l’allenamento al sacco e con la corsa nella pista di atletica. La Resistenza al Sacco ed in pista la basiamo su una tempistica di lavoro ad una discreta intensità oppure con allenamenti ad intervalli “interval training” con una intensità maggiore.

FORZA

Possiamo affermare che la forza è il risultato di una spinta o una trazione applicata da un corpo su un altro. In pratica la forza muscolare è la capacità da parte del corpo di vincere od opporsi ad una resistenza, condizione che può essere raggiunta tramite l'impiego di uno o più gruppi muscolari.


Fisiologicamente i fattori che limitano la forza o la sviluppano sono:
  • Diametro della sezione trasversale del muscolo.
  • La capacità di trasmissione di impulsi da parte dei neuroni motori.
  • Livello di sincronizzazione delle unità motorie.
  • La forza è classificabile in tre tipi fondamentali:

1) FORZA MASSIMALE O MASSIMA

Il massimo grado di forza ottenibile con una contrazione volontaria muscolare.


2) FORZA RAPIDA O VELOCE
La capacità di superare una bassa resistenza con un'elevata rapidità di contrazione.


3) RESISTENZA ALLA FORZA
La capacità da parte dell'organismo di opporsi alla stanchezza durante lavori di forza e durata.


Fatta questa premessa nella boxe la forza la miglioriamo con allenamenti effettuati con i pesi con esercizi del body building o pesistica classica con opportune TRASFORMAZIONI Tecniche.

Per i Neofiti della disciplina che non sono muscolarmente preparati a sedute con pesi intense e dure, la forza la si può migliorare anche solo con opportuni esercizi eseguiti a corpo libero e con sedute di corsa ad alta intensità. Per gli atleti di livello avanzato l’allenamento con i pesi diventa indispensabile ed un buon pugile non deve Mai privarsi delle sedute svolte con i pesi .

VELOCITA’

Veloci si nasce, in quanto la velocità è una qualità genetica, che siate veloci o meno, questa qualità va comunque allenata ed è possibile migliorarla grazie ad allenamenti neuro muscolari basati su esercizi con stimoli di vario genere (visivi, acustici, tattili) con la risposta tecnica dell’atleta impegnato.

COORDINAZIONE

La coordinazione motoria è la capacità che permette di eseguire un qualsiasi movimento nella maniera più efficace. La coordinazione si migliora con esercizi coordinativi ginnici, con esercizi con i pesi con carichi leggeri e ovviamente con le tecniche di boxe .

TECNICA

La tecnica di boxe si migliora con esercizi effettuati a coppie, con il maestro o con lo sparring. Una cosa fondamentale per migliorare la tecnica è portare l’esercizio all’automatismo, sia nel gesto fisico tecnico che nelle percezioni.

Alberto SERVIDEI RAVENNA BOXE

(Tutte le foto nell'articolo sono di A.Servidei)

Scritto da: Alberto Servidei
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

L'Importanza della Shadow Boxe Per un Fighter
26 Gennaio 2019

L'Importanza della Shadow Boxe Per un Fighter

I motivi per cui la shadow boxe è utile in allenamento nelle arti marziali in genere

La shadow fighting è un esercizio molto comune tra gli sportivi combattenti e serve per affinare le tecniche di combattimento, per condizionare i muscoli, anche solamente per riscaldarsi attivamente, per defaticarsi oppure per prepararsi mentalmente prima di un combattimento sportivo.

​Introduzione alle Fasce e Bendaggi per la Boxe
09 Novembre 2015

​Introduzione alle Fasce e Bendaggi per la Boxe

Le fasce da boxe o I bendaggi invece, sono utilizzati principalmente per proteggere le mani e polsi del boxer che li indossa

Ultimi post pubblicati

Shawn Rhoden Squalificato a Vita
23 Luglio 2019

Shawn Rhoden Squalificato a Vita

Il 2019 non ha portato fortuna a Shawn Rhoden, infatti il campione in carica,  non potrà più gareggiare sul palco del mr Olympia per il resto della sua vita. Dopo l’accusa di stupro, l'azienda che organizza l'evento del mr Olympia ha deciso di squalificare a vita il vincitore del mr Olympia 2018.

PRONATORE ROTONDO
18 Luglio 2019

PRONATORE ROTONDO

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo pronatore rotondo fa parte dei muscoli del primo strato della regione anteriore dell'avambraccio ove è anche il più laterale.