Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Giocatori di Rugby e Degenerazione della Colonna Vertebrale Cervicale

data di redazione: 22 Luglio 2015 - data modifica: 21 Luglio 2015
Giocatori di Rugby e Degenerazione della Colonna Vertebrale Cervicale

Ricercatori francesi hanno effettuato uno studio formato da visite cliniche e risonanza magnetica ( MRI )per determinare se i giocatori di rugby professionisti pensionati presentassero sintomi più gravi di degenerazione della colonna vertebrale cervicale rispetto alle altre persone nella popolazione generale. Per quanto a conoscenza degli autori, questo è il più grande studio di questo tipo che copre qualsiasi sport da contatto a livello professionistico, e conferma una maggiore degenerazione della colonna vertebrale cervicale negli ex giocatori di rugby. 

 

I risultati della ricerca sono stati riportati e discussi in questo articolo, "Clinical and radiological cervical spine evaluation in retired professional rugby players ," del Dr David Brauge e colleghi, pubblicato online, davanti alla stampa, sul Journal of Neurosurgery: Spine.

 

I ricercatori hanno confrontato i sintomi della colonna vertebrale cervicale e le prove di lesioni in due gruppi di uomini: 101 uomini che si erano ritirati dal rugby professionistico (età media 40,3 anni, range 35-47 anni) e 85 volontari che non avevano mai partecipato a rugby o qualsiasi altro sport sul piano professionale (gruppo di controllo; età media 41,6 anni, range 35-49 anni).

 

I partecipanti ai due gruppi sono stati abbinati per età, sesso, tipo di occupazione, abitudine al fumo, e allenamento sportivo corrente.

 

I ricercatori hanno valutato i sintomi della colonna vertebrale in tutti i partecipanti e le conclusioni della MRI della colonna vertebrale in un campione di 50 uomini, 25 dal gruppo di giocatori di rugby in pensione e 25 del gruppo di controllo.

 

 

Denunce di dolore cronico al collo e una ridotta mobilità del collo sono stati riportati significativamente più spesso nel primo gruppo di giocatore di rugby (50,5%) rispetto al gruppo di controllo (31,8%). Quando questi sintomi sono stati valutati usando una scala analogica visiva del dolore al collo e l'indice di inabilità del collo, tuttavia, non c'era differenza statisticamente significativa nel livello di dolore riferito dagli ex giocatori di rugby e il livello di dolore riferito dai volontari.

 

Gli studi di MRI si sono concentrati sui segni anatomici della degenerazione del rachide cervicale, nonché sullo status dei muscoli paraspinali.

 

I ricercatori riferiscono che, rispetto ai volontari del gruppo di controllo, i giocatori di rugby in pensione avevano canali vertebrali significativamente più stretti (che ospitano il midollo spinale) e una maggiore stenosi foraminale (restringimento del forame attraverso cui le radici dei nervi spinali escono dal canale vertebrale). Quando i ricercatori hanno esaminato la muscolatura dei partecipanti allo studio in prossimità della colonna vertebrale, hanno scoperto che i giocatori di rugby in pensione avevano significativamente una maggiore massa muscolare (e meno grasso) rispetto ai volontari. I ricercatori hanno ipotizzato che i più forti muscoli paraspinali degli ex giocatori di rugby potessero essere di aiuto nel controllo del livello di dolore spinale in questo gruppo.

 

I giocatori di rugby in pensione avevano subito significativamente più interventi chirurgici per le condizioni degenerative della colonna vertebrale (10 casi [9,9%]) rispetto ai volontari (nessun caso).


In tutti i 10 casi chirurgici, l'operazione è stata effettuata per ernia del disco e radicolopatia, e in nove casi, l'intervento è stato eseguito durante la carriera professionistica dei giocatori di rugby.

 

I ricercatori fanno notare che la maggior parte degli ex giocatori sono tornati a giocare dopo l'intervento chirurgico ", indicando che la chirurgia della colonna vertebrale non vieta completamente lo sport di contatto negli atleti professionisti."

 

In sintesi, alla domanda circa i risultati dello studio, il dottor Brauge ha riferito: "Pochi anni dopo la fine della loro carriera, i giocatori di rugby di livello professionistico, sembrano avere più sintomi degenerativi e lesioni al rachide cervicale. Questi sintomi sono eccezionalmente invalidanti ( 3 casi sui 101 in questo studio). La nostra conclusione definitiva dovrebbe essere ragionevolmente prudente, non possiamo ancora affermare che le lesioni peggiorano con il tempo o che la malattia si stabilizza con la fine dell'attività di rugby ".

 

Riferimenti:
Brauge D, Delpierre C, Adam P, Sol JC, Bernard P, Roux FE. Clinical and radiological cervical spine evaluation in retired professional rugby players. Journal of Neurosurgery: Spine, published online, ahead of print, July 21, 2015; DOI: 10.3171/2015.1.SPINE14594.
Disclosure: This study was supported by funding from the Fédération Française de Rugby, Ligue Nationale de Rugby, Institut de Recherche sur la Moelle Epinière et l'Encéphale (IRME), Société Française de Chirurgie du Rachis (SFCR), and Centre Hospitalier Universitaire de Toulouse.
Journal of Neurosurgery Publishing Group

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Calcio Storico Fiorentino
29 Gennaio 2017

Calcio Storico Fiorentino

Gli Odierni Gladiatori

Il gioco del Calcio Fiorentino ha origini molto antiche, infatti il primo popolo a giocare con una palla fu quello Greco, il quale praticava lo “Sferomachia”.

Allenamento Rugby: Aumentare Velocità e Agilità
02 Ottobre 2014

Allenamento Rugby: Aumentare Velocità e Agilità

Come deve essere l'allenamento nel rugby per migliorare la velocità e l'agilità

L'allenamento della Velocità e dell'agilità non sono la stessa cosa e uno non migliora necessariamente l'altro,  per esempio, lo sprint lineare ha dimostrato di avere poco o nessun effetto sull'agilità che coinvolge vari cambiamenti di direzione anche se migliora la velocità di base. Questo ha evidenti implicazioni per molti atleti di rugby che raramente corrono lungo una linea retta

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.