Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Alpinismo

data di redazione: 28 Febbraio 2015 - data modifica: 27 Febbraio 2015
Alpinismo

Caratteristiche e preparazione per questo tipo di sport

L’alpinismo è un’attività motoria individuale,  praticata per  ragioni di sicurezza solitamente in gruppo, in meravigliosi contesti ambientali, consiste nell’ascesa e discesa di vette montane su percorsi lunghi e impegnativi.

 

L’escursione alpinistica prevede

  • fasi di cammino,
  • progressioni con ramponi su neve ghiacciata,
  • arrampicate su roccia e ghiaccio,
  • bivacchi in quota.

 

Non è da confondersi con l’arrampicata sportiva che ne coglie ed esalta un solo aspetto.

La fase di salita prevede la progressione in singolo o in cordata su pareti la cui difficoltà tecnica è valutata secondo gradi che tengono conto di tutti i vari aspetti (inclinazione, tipo e distanza degli appigli, ecc.).

 

Le tecniche fondamentali dell’alpinismo

Arrampicata libera

Effettuata con chiodi, moschettoni e corde utilizzati solo per fornire degli agganci di sicurezza in caso di caduta, il primo di cordata deve essere anche il più abile poiché esposto a cadute più rovinose in caso di perdita degli appigli.

Arrampicata artificiale

Eseguita con chiodi, moschettoni, corde e staffe utilizzati non solo per fornire agganci di sicurezza in caso di caduta, ma anche per consentire la progressione; permette di superare difficoltà impossibili da affrontare con la tecnica libera.

 

Dove praticare alpinismo

Questo sport così affascinante si pratica in località montane poste al di fuori dei grandi circuiti turistici dedicati al trekking, su cime e ghiacciai.

È una pratica dotata di una fortissima valenza educativa per i giovani, ma richiede un notevole sforzo fisico e comporta un elevato grado di pericolosità. Richiede capacità molto elevate di resistenza fisica e psicologica allo sforzo ed è praticato in ambienti pericolosi e isolati, anche ad alte quote.

È opportuno iniziare con brevi escursioni a quote modeste  a partire dai 12 anni di età, magari su tratti attrezzati e attendere i 14-15 anni per affrontare itinerari più impegnativi. Naturalmente la responsabilità dell’adulto accompagnatore è enorme.

 

Cosa richiede l'alpinismo

Classificabile come sport individuale a prevalente impegno fisiologico-muscolare, impiega in modo alternato e al massimo le capacità aerobiche e anaerobiche.

Richiede elementari doti di destrezza e coinvolge soprattutto gli arti inferiori durante le marce di avvicinamento, quelli superiori nell’arrampicata

  • In parete, necessita di grande forza e resistenza delle mani;
  • in discesa, coinvolge discretamente le capacità coordinative per scegliere rapidamente gli appoggi e mantenere l’equilibrio.

 

Sollecita il sistema cardiovascolare a livelli altissimi (potenza e capacità aerobica), comporta notevole affaticamento muscolare locale (arti inferiori e schiena) coinvolge potenza e capacità anaerobica in maniera direttamente proporzionale all’intensità e alla ripidità dell’ascesa.

Sviluppa le capacità di apprendimento, controllo e adattamento del gesto motorio, equilibrio statico e dinamico, coordinazione oculo-podalica, controllo del corpo e dei suoi segmenti anche in fase di volo, reazione motoria  a improvvisi stimoli esterni.

 

Preparazione atletica nell'alpinismo

Si consiglia di allenarsi con:

  • corsa o salita-discesa di scale medio-veloce e prolungata,
  • scale e corsa a scatti ripetuti su distanze brevi,
  • balzi massimali laterali ,
  • esercizi di tono muscolare
  • esercizi di stretching per prevenire fastidi a livello articolare, specialmente alla schiena e alle ginocchia, e tendinei.

Programma di allenamento da periodizzare a piacere

 

Salita-discesa di una rampa di scale DAI 60 AI 100 MINUTI
Progressione del primo esercizio: Salita-discesa di una rampa di scale su 1000-3000 mt DAI 60 AI 90 MINUTI
Scale e corsa a scatti ripetuti su distanze brevi 50-200 MT
balzi massimali laterali 4-5 VOLTE PER 10 BALZI CONSECUTIVI
Esercizi tono muscolare generale ADDOMINALI E LOMBARI, PIEGAMENTI SULLE BRACCIA, TRAZIONI ALLA SBARRA, SOSPENSIONI CON LE DITA ALLA SBARRA

 

 

Buon allenamento da ABC

 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Hockey su prato
17 Dicembre 2014

Hockey su prato

Già praticato presso le antiche civiltà, oggi è sport olimpico

Disciplina energica e gioco di squadra un po’ diverso dal solito, caratterizzato da colpi fu linei e velocità di esecuzione, l’hockey su prato è popolare in tutto il mondo, in particolare nelle ex colonie britanniche. È sport olimpico dal 1908 e dal 1980 esiste anche la categoria femminile.

Possiamo Allenare il Cervello?
10 Ottobre 2017

Possiamo Allenare il Cervello?

Come Diminuire il Deterioramento del Cervello dovuto all'avanzare dell'Età

La cura per la nostra mente sono prima di tutto i nuovi stimoli. Anche semplicemente allenarsi con metodologie differenti o addirittura cimentarsi in una disciplina sportiva nuova può essere un validissimo esercizio per il nostro cervello, che sarà obbligato così a lavorare e a sforzarsi ad imparare cose nuove, favorendo così la produzione di neurotrofine, che sono molecole responsabili della produzione di nuove connessioni nervose.

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.