Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come Migliorare la Tecnica nello Sprint

data di redazione: 19 Maggio 2016
Come Migliorare la Tecnica nello Sprint

Se si scompone la tecnica dello sprint in tutte le sue componenti è possibile concentrarsi su ognuna di queste e migliorare le specifiche fasi dell'azione.

Una buona tecnica dello sprint ha alcune delle seguenti caratteristiche:

LA FASE DI PARTENZA

i) Nella fase di partenza il peso corporeo è distribuito equamente su quattro punti di contatto (cioè mani e le ginocchia).

L’angolo del ginocchio anteriore è di 90 °.

L’angolo del ginocchio posteriore è di 100-130°.

ii) Spinta esplosiva con entrambe le gambe. La gamba anteriore si deve stendere rimanendo a contatto con il suolo, mentre la gamba posteriore oscilla in avanti. La gamba anteriore stesa ed il tronco devono formare una linea retta.

iii) Le braccia oscillano in modalità opposta alle gambe, i gomiti sono flessi a 90 ° ed i pugni oscillano verso la fronte.

LA FASE DI ACCELERAZIONE

iv) Dopo i primi due passi, il piede atterra di fronte al baricentro.

v) Dopo circa 20 metri il corpo all’inizio inclinato in avanti, gradualmente raggiunge la posizione di sprint. La testa deve essere rilassata con lo sguardo fisso in avanti.

FASE DI MASSIMA VELOCITÀ

vi) L’angolo di spinta da terra è di 50-55°. Il tronco è quasi eretto con un inclinazione di circa 5° in avanti

vii) (Volo a mezz’aria) Spingere la gamba piegandola verso le natiche in un movimento di sbandamento rilassato. La gamba anteriore spinge in avanti e verso l'alto alla massima velocità (70 km all'ora in velocisti d’elite). Quando la coscia della gamba anteriore raggiunge il massimo sollevamento possibile del ginocchio, la gamba oscilla in avanti in un movimento rilassato.

viii) Il piede poggia il suolo con la caviglia leggermente estesa (flessione plantare) direttamente sul baricentro. Il peso corporeo sarà bilanciato in modo che solo la pianta del piede tocchi il terreno.

ix) Le spalle rimangono stabili, i gomiti flessi a circa 90 °, tenuti vicino al corpo in tutte le fasi. Le mani oscillano in avanti e sopra l'altezza delle spalle, e verso il basso oltre le anche. Le braccia e le mani devono avere un’azione martellante aggressiva.

La testa si allinea naturalmente con il tronco e le spalle ed muscoli del viso e del collo sono rilassati, mantenendo la bocca leggermente aperta.

Programmi Tecnici per lo Sprint

Questi drill tecnici incentrati sullo sprint possono essere eseguiti in questo ordine o in alternativa si concentrano solo su 3-4 drill. Non vi è alcuna necessità di eseguire più serie e ripetizioni.

-Sollevamento delle ginocchia: 10 metri - corsa - 10 metri - riposo

Eseguite uno sprint di 10 metri concentrandovi sul sollevamento delle ginocchia, alzatele più in alto del normale. Correte per 10 metri poi eseguite uno sprint per 10 metri ed infine riposo.

-Raccogliere rapidamente le ginocchia: 10 metri - corsa- 10 metri - riposo

Eseguire la corsa sul posto sollevando le ginocchia all'altezza della vita pur enfatizzando l'azione del braccio. Muovetevi per 10 metri in questo modo, concentrandovi sul numero dei contatti a terra piuttosto che sulla velocità per coprire la distanza. Cercate di ottenere il maggior numero possibile di contatti sul terreno.

-Gesti rapidi: 10 metri - corsa - 10 metri - riposo

Mentre eseguite uno sprint di 10 metri (e oltre) concentratevi toccando i talloni fino a toccare le natiche.

-Velocità delle gambe: 60 metri

Questo è un normale sprint di oltre 60 metri solamente che tutta la vostra attenzione dovrebbe essere focalizzata sulle gambe. Provate a valutare la velocità ottimale (per voi) delle gambe provando le diverse lunghezze della falcata per vedere qual è quella che produce i risultati migliori.

-Saltellare: 40 metri

-Balzi alti: 3 x 40 metri

Legate insieme entrambi i piedi. L'azione è simile a quella di saltare, la differenza è che cercherete di andare il più in alto possibile rimanendo in aria il più a lungo possibile. Ricordatevi di recuperare completamente tra i tentativi.

- Lavoro sui gomit: 40 metri

Eseguite uno Sprint per 40 metri concentrandovi sulla giusta posizione del gomito. Il gomito deve fare un’escursione in linea retta. Tenete i gomiti flessi ad angolo retto, mantenendo le braccia rilassate.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Ecco Perché Per Diventare Un Atleta Migliore Non Basta Allenare L’equilibrio Su Una Superficie Instabile
11 Marzo 2018

Ecco Perché Per Diventare Un Atleta Migliore Non Basta Allenare L’equilibrio Su Una Superficie Instabile

Cosa Devi Fare Invece Per Allenare L’equilibrio Specifico

Per tanti, l'allenamento dell'equilibrio si fa utilizzando la BOSU BALL, il cappello del prete, altri attrezzi per la stabilità con una varietà di strani esercizi eseguiti su attrezzi traballanti. L'allenamento dell'equilibrio migliora le tue prestazioni sportive?

Orienteering
19 Aprile 2015

Orienteering

La corsa di orientamento o "sport dei boschi", è nata nei paesi nordici all'inizio del XX secolo. Il grande interesse per questa disciplina sportiva portò nel 1961 alla fondazione della federazione internazionale di orienteering, cui aderirono dieci nazioni europee. In Italia l'orientamento fece la sua comparsa nel 1974 e nel 1978  si costituì il Comitato Italiano corsa orientamento. A tutt'oggi l'orientamento è riconosciuto dal coni come disciplina associata alla federazione italiana di atletica leggera.

Ultimi post pubblicati

Cosce Che Non Crescono
25 Marzo 2020

Cosce Che Non Crescono

Proposta di allenamento ad alto volume e multi frequenza per far crescere i muscoli delle cosce. Scheda di allenamento in German Volume Training per dare nuovo stimolo allo sviluppo muscolare.

Definizione Muscolare Con La Scheda Upper e Lower Body
23 Marzo 2020

Definizione Muscolare Con La Scheda Upper e Lower Body

Con l'allenamento inferiore superiore è possibile concentrarsi maggiormente su sollevamenti pesanti rispetto ad altri piani di allenamento. I sottoprodotti chimici derivati ​​dal metabolismo anaerobico chiamato stress metabolico è responsabile dell'ipertrofia del 25%. L'aumento dello stress metabolico dovuto alla maggiore intensità e frequenza di allenamento è ciò che ti avvantaggia quando segui la divisione inferiore superiore.