Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come Migliorare la Tecnica nello Sprint

data di redazione: 19 Maggio 2016
Come Migliorare la Tecnica nello Sprint

Se si scompone la tecnica dello sprint in tutte le sue componenti è possibile concentrarsi su ognuna di queste e migliorare le specifiche fasi dell'azione.

Una buona tecnica dello sprint ha alcune delle seguenti caratteristiche:

LA FASE DI PARTENZA

i) Nella fase di partenza il peso corporeo è distribuito equamente su quattro punti di contatto (cioè mani e le ginocchia).

L’angolo del ginocchio anteriore è di 90 °.

L’angolo del ginocchio posteriore è di 100-130°.

ii) Spinta esplosiva con entrambe le gambe. La gamba anteriore si deve stendere rimanendo a contatto con il suolo, mentre la gamba posteriore oscilla in avanti. La gamba anteriore stesa ed il tronco devono formare una linea retta.

iii) Le braccia oscillano in modalità opposta alle gambe, i gomiti sono flessi a 90 ° ed i pugni oscillano verso la fronte.

LA FASE DI ACCELERAZIONE

iv) Dopo i primi due passi, il piede atterra di fronte al baricentro.

v) Dopo circa 20 metri il corpo all’inizio inclinato in avanti, gradualmente raggiunge la posizione di sprint. La testa deve essere rilassata con lo sguardo fisso in avanti.

FASE DI MASSIMA VELOCITÀ

vi) L’angolo di spinta da terra è di 50-55°. Il tronco è quasi eretto con un inclinazione di circa 5° in avanti

vii) (Volo a mezz’aria) Spingere la gamba piegandola verso le natiche in un movimento di sbandamento rilassato. La gamba anteriore spinge in avanti e verso l'alto alla massima velocità (70 km all'ora in velocisti d’elite). Quando la coscia della gamba anteriore raggiunge il massimo sollevamento possibile del ginocchio, la gamba oscilla in avanti in un movimento rilassato.

viii) Il piede poggia il suolo con la caviglia leggermente estesa (flessione plantare) direttamente sul baricentro. Il peso corporeo sarà bilanciato in modo che solo la pianta del piede tocchi il terreno.

ix) Le spalle rimangono stabili, i gomiti flessi a circa 90 °, tenuti vicino al corpo in tutte le fasi. Le mani oscillano in avanti e sopra l'altezza delle spalle, e verso il basso oltre le anche. Le braccia e le mani devono avere un’azione martellante aggressiva.

La testa si allinea naturalmente con il tronco e le spalle ed muscoli del viso e del collo sono rilassati, mantenendo la bocca leggermente aperta.

Programmi Tecnici per lo Sprint

Questi drill tecnici incentrati sullo sprint possono essere eseguiti in questo ordine o in alternativa si concentrano solo su 3-4 drill. Non vi è alcuna necessità di eseguire più serie e ripetizioni.

-Sollevamento delle ginocchia: 10 metri - corsa - 10 metri - riposo

Eseguite uno sprint di 10 metri concentrandovi sul sollevamento delle ginocchia, alzatele più in alto del normale. Correte per 10 metri poi eseguite uno sprint per 10 metri ed infine riposo.

-Raccogliere rapidamente le ginocchia: 10 metri - corsa- 10 metri - riposo

Eseguire la corsa sul posto sollevando le ginocchia all'altezza della vita pur enfatizzando l'azione del braccio. Muovetevi per 10 metri in questo modo, concentrandovi sul numero dei contatti a terra piuttosto che sulla velocità per coprire la distanza. Cercate di ottenere il maggior numero possibile di contatti sul terreno.

-Gesti rapidi: 10 metri - corsa - 10 metri - riposo

Mentre eseguite uno sprint di 10 metri (e oltre) concentratevi toccando i talloni fino a toccare le natiche.

-Velocità delle gambe: 60 metri

Questo è un normale sprint di oltre 60 metri solamente che tutta la vostra attenzione dovrebbe essere focalizzata sulle gambe. Provate a valutare la velocità ottimale (per voi) delle gambe provando le diverse lunghezze della falcata per vedere qual è quella che produce i risultati migliori.

-Saltellare: 40 metri

-Balzi alti: 3 x 40 metri

Legate insieme entrambi i piedi. L'azione è simile a quella di saltare, la differenza è che cercherete di andare il più in alto possibile rimanendo in aria il più a lungo possibile. Ricordatevi di recuperare completamente tra i tentativi.

- Lavoro sui gomit: 40 metri

Eseguite uno Sprint per 40 metri concentrandovi sulla giusta posizione del gomito. Il gomito deve fare un’escursione in linea retta. Tenete i gomiti flessi ad angolo retto, mantenendo le braccia rilassate.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Trekking o escursionismo
19 Dicembre 2014

Trekking o escursionismo

Cose da fare e da non fare per chi si avventura in questa pratica.

Il Trekking è un'attività alla portata di tutti, naturalmente è bene selezionare itinerari alla portata di tutti e che non presentano difficoltà. L’escursionismo non p uno sport estremo, infatti è adatto anche a persone poco allenate o che hanno problemi ad affrontare forti dislivelli.

Il Dispendio Energetico Degli Sport
17 Luglio 2015

Il Dispendio Energetico Degli Sport

Come valutare il costo energetico a seconda del tipo di sport e dell'atleta

Fin troppo spesso gli atleti mangiano più del loro fabbisogno calorico, e riguardo a questo problema, già in passato, studiosi francesi esaminando un campione di 1600 atleti, hanno scoperto che il 56% mangiava oltre le proprie necessità.

Ultimi post pubblicati

Il vero significato della Competizione nel Bodybuilding e nel Fitness
25 Maggio 2020

Il vero significato della Competizione nel Bodybuilding e nel Fitness

Conoscete il vero significato che dovrebbe avere la competizione nel bodybuilding e nel fitness, ma anche nello sport? Molto spesso nel mondo del fitness, così come in quello più specifico del bodybuilding, ci si imbatte in soggetti che sembrano vivere esclusivamente in funzione dell’ammirazione che suscitano negli altri. È un po’ come se per certe persone la loro stessa presenza in palestra fosse giustificata esclusivamente dal desiderio di essere superiori alla media.

Esercizi per i Principali Gruppi Muscolari Lower Body - parte bassa del corpo
19 Maggio 2020

Esercizi per i Principali Gruppi Muscolari Lower Body - parte bassa del corpo

Anche con pochi esercizi si può fare molto, soprattutto se li si svolge cercando di lavorare sulla qualità del movimento, andando quindi ad approfittare di questa pausa forzata per pulire il più possibile le esecuzioni. In altre parole: è il momento giusto per allenarsi con poco e allenarsi meglio. Tra questi esercizi, il primo di cui vi voglio parlare è lo squat.