(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come riposare correttamente dal tuo allenamento

data di redazione: 16 Febbraio 2017 - data modifica: 17 Febbraio 2017
Come riposare correttamente dal tuo allenamento

Impara a pianificare bene i tuoi giorni di riposo in modo che i muscoli e la mente possano recuperare ed essere pronti a dare il massimo nel prossimo workout

I migliori allenatori lo dicono sempre: i giorni di riposo fanno parte integrante dell’allenamento.

Mentre ti riposi, potresti avere la sensazione di rallentare e può pervaderti un grave senso di colpa. Ti sembra di perdere tempo, un tempo prezioso che ti avrebbe permesso di costruire altra forza, potenza, velocità, tecnica o semplicemente un’ulteriore perdita di peso.

Invece il tempo libero che ti prendi per riposare permette al tuo corpo ed alla tua mente di recuperare pienamente e di crescere.
Pensa a come ti senti dopo una notte di riposo precario, o addirittura una notte brava.
Le abilità cognitive risultano sfocate e il corpo inizia a cadere in un abisso catabolico, sale il cortisolo, ogni cosa ti stressa, la forza muscolare non è al massimo, con notevoli e fastidiosi sbalzi d’umore.


La stessa cosa succede al tuo fisico quando non gli consenti di recuperare da un esercizio ad alta intensità.


Se non ti farai mai un giorno di riposo il tuo corpo andrà presto in tilt.

Si diventa più suscettibili al dolore muscolare, il sistema immunitario ne risente (ci si ammala più facilmente), il sonno non sarà ristoratore, si riscontrerà una diminuzione della forza e delle prestazioni, e si sarà facile preda a lesioni.
Devi pensare con convinzione che nei giorni di riposo beneficia la mente ed il corpo.

Una pausa obbligatoria pianificata nel tuo programma di allenamento ti aiuterà a tornare entusiasta in palestra.

Quante volte devi riposare?

Se stai partendo con un nuovo programma di esercizi o sei un principiante, riposa ogni tre giorni (cioè, ti alleni per due giorni consecutivi e riposi il terzo). I più esperti o i più allenati dovrebbero rimanere inattivi o prendere una giornata di recupero attivo una volta alla settimana.
Inoltre, ogni otto settimane includi una settimana di de-training, oppure diminuisci il carico di allenamento.
In cosa consiste il "Riposo"?
Quanto devi essere inattivo nel tuo giorno di riposo dipende dall’intensità dei tuoi allenamenti.
Ad esempio, se ti stai ammazzando in palestra giorno dopo giorno, il tuo giorno di riposo dovrebbe essere un giorno completamente passivo (puoi farlo coincidere con la domenica).
Al massimo potrebbe essere una passeggiata informale, l’importante che non sia un grosso sforzo fisico.

Tuttavia, se gli allenamenti sono stati leggeri e di moderata intensità per tutta la settimana o sei un principiante, puoi prenderti un giorno di recupero attivo. Questo potrebbe voler dire includere uno sport all’aperto (se sei sempre in palestra), una nuotata in piscina (se vai a correre) fare una seduta di yoga, o fare una lunga passeggiata.

Settimana di de-training

Come deve essere strutturata la settimana di defaticamento attivo?
Come dicevamo prima, ogni otto settimane, fare un’attività più blanda diminuendo l'intensità sul carico di allenamento o introdurre delle sedute di stretching può essere un’ottima idea.
E non dimenticare che qualsiasi attività che fai nel giorno di riposo dovrebbe anche aiutare la vostra mente prendersi una pausa.

Quindi fare un’attività che non c’entri nulla con quella consueta è d’obbligo. Può essere lo yoga, una passeggiata nel parco, o portare fuori il cane con il partner, cioè fare tutto ciò che esula dall’attività principale.
Poi sì che sarai pronto a tornare in palestra più carico di prima.

NON CI ABBANDONARE, LEGGI ANCHE:

I migliori integratori per il recupero muscolare

Cosa Fare Dopo un Allenamento Intenso per Costruire Massa Muscolare?

Cosa succede al tuo corpo quando smetti di allenarti?

Alimentazione E Recupero, Che Relazione C'è?


Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Mo Farah, Curiosità sull'Allenamento e Dieta
05 Novembre 2014

Mo Farah, Curiosità sull'Allenamento e Dieta

Un uomo nato per correre

Il potenziale di Mohamed Farah, detto Mo, è stato avvistato quando aveva 11 anni di età dal suo insegnante di educazione fisica, Alan Watkinson, dell'Isleworth e Syon Scuola di London Borough of Hounslow. Dopo averlo visto correre, ha subito capito che Mo aveva il potenziale per competere nei più alti livelli. Questo incontro ha cambiato la vita di Farah. Prima di essere incoraggiato a concentrarsi sull'atletica, è stato quasi sempre nei guai a scuola. Mo Farrah è un rifugiato somalo e quando arrivò in Gran Bretagna all'età di 8 anni, parlava poco l'inglese. Spesso era coinvolto in risse, sia dentro che fuori la scuola, finché non trovò qualcosa su cui focalizzare la sua energia.

Allenamento pesi nel motocross
01 Ottobre 2014

Allenamento pesi nel motocross

Nel Motocross la preparazione atletica del pilota conta moltissimo. Un crossista oltre ad avere una preparazione tecnica per poter saltare, curvare, partire dal cancelletto, frenare e tutto quello che comporta la guida di una moto da cross, deve prima di tutto avere un fisico allenato quanto un atleta di altre discipline sportive

Ultimi post pubblicati

Il Miglior Allenamento Per Perdere Grasso
15 Febbraio 2019

Il Miglior Allenamento Per Perdere Grasso

Programma di allenamento per dimagrire con esercizi di forza, cardio, protocolli HIIT e consigli alimentari perchè senza una buona alimentazione non si va da nessuna parte.

Riso Pilaf Con Frutta e Cipollotti
14 Febbraio 2019

Riso Pilaf Con Frutta e Cipollotti

Il termine pilaf di per sè, contrariamente al significato che ha acquisito per metonimia in italiano e in altre lingue, non si riferisce al riso, ma alla maniera di cucinarlo: pilaf è la cottura del riso, non il riso in sè.
Preparazione: 30 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 4