Condizionamento Di Fine Pratica: Perché Farlo

Condizionamento Di Fine Pratica: Perché Farlo

Vi spieghiamo perché è importante e necessario che tu faccia del condizionamento alla fine della tua partita​ se vuoi diventare un atleta più forte, più resistente e performante

Vi spieghiamo perché è importante e necessario che tu faccia del condizionamento alla fine della tua partita se vuoi diventare un atleta più forte, più resistente e performante.

La partita è appena finita ed il tuo allenatore improvvisamente  fischia e urla: "Tutti ai blocchi di partenza!".
Vorresti sprofondare.

Sai già di cosa si tratta: 10 (oppure anche 15) minuti di condizionamento infernale.


“Quando ero un giovane giocatore di hockey, ho sempre sperato che il mio allenatore si dimenticasse il condizionamento di fine gara, ma quando le porte del campo si aprivano mi rendevo conto che non ero così fortunato.” Afferma Mike Boyle, ex giocatore di Hockey, ora famoso Preparatore Atletico per gli atleti sul campo.


Il condizionamento non è piacevole, non esiste nessun modo per rendere indolore l’iniezione.
Finita la partita (di qualsiasi sport si pratichi) sarai sicuramente stanco, madido di sudore, e il tuo allenatore ti esorta ad espiare questa specie di punizione.

Anche se sembra tale, una penitenza non è.
Io coach lo impone e ti guarda quasi divertito, ma lo fa per te, anzi per la tua prossima performance. Non c'è da meravigliarsi se tanti temono ripetute, sprint o altri drill di condizionamento finali ma è ora di cambiare la nostra mentalità.

Può sembrare un po’ bizzarro ma gli atleti dovrebbero abbracciare il condizionamento finale della pratica.
Ecco perché:


È un'opportunità per migliorare
Piuttosto che prendere il condizionamento come una punizione, considerala come un'opportunità per migliorare.
Un atleta più condizionato si mostrerà ad un livello più alto durante i momenti critici alla fine di una partita dove tutti mostrano segni di stanchezza.

Oppure in partite particolarmente difficili e faticose.
Potrai mantenere la forza, velocità e potenza più a lungo, recuperare più velocemente tra i tempi ed anche evitare i più comuni infortuni.
Una squadra con atleti meglio condizionati può sopraffare avversari più abili e talentuosi.
Non puoi allenarti come un barboncino e giocare come un pitbull, devi esercitarti con obiettivi più ambiziosi della partita che andrai a giocare.
Spingiti sempre oltre la tua “Comfort Zone”,  è più difficile, ma avrai sicuramente dei miglioramenti significativi.


Innalza la resistenza mentale
Il tuo corpo ha un'abilità incredibile per eseguire i compiti che gli dai.
Devi solamente imparare a sentirti a tuo agio con il disagio.
Il condizionamento finale ti aiuta a comprendere quanto sia possibile spingere e creare la resilienza necessaria per combattere con la fatica.
Il limite di molti atleti è il fattore mentale, quel valore che si edifica facendo cose scomode che non ti piacciono.
È troppo facile fare solo ciò che piace.
Questo ha un valore straordinario nello sport, perché ti dà la fiducia necessaria che ti serve per mettere in pratica le tue tattiche in situazioni difficili di gioco. Quando il tuo avversario molla, tu puoi ancora combattere con la fatica e vincere la gara.
La resistenza mentale costruita dal condizionamento migliorerà anche la qualità dei tuoi allenamenti perché avrai la forza di spingere in sessioni e routine difficili.
E naturalmente diventerai un atleta più tosto.


Crea un forte spirito di squadra
Il condizionamento è stato progettato per spingerti al tuo punto di rottura fisico e mentale. Ognuno dei tuoi compagni sta combattendo il disagio non solo per se stessi, ma anche per il bene della squadra.
Devi vincere per la squadra più di quanto tu vuoi vincere per te stesso.
Sperimentare queste situazioni difficili insieme come un gruppo costruisce anche un senso di appartenenza. Se tu spingi, i tuoi compagni spingeranno, e se i tuoi compagni spingono tu spingerai più di loro.


Deve dimostrare al tuo allenatore che sei un duro
Infine, il condizionamento è l'occasione perfetta per dimostrare al tuo allenatore che sei un duro e che possono contare su di te nei punti più critici di una partita.
Gli allenatori leggono il tuo livello di entusiasmo durante gli allenamenti, quando stai dando il 100 per cento in un drill o in uno scomodo Sprint, ciò prova agli allenatori che sei un vero duro, uno che non molla facilmente.
Se vuoi giocare di più, e partire avvantaggiato nella prossima partita spingi fino in fondo nel condizionamento di fine partita, non dormire sugli allori, prepara  il tuo corpo e la tua mente per giocare ad un livello superiore.

Leggi anche:

Programma di condizionamento per la forza e la resistenza

Scritto da: ABC Staff

Potrebbe interessarti anche

Ultimi post pubblicati