(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Dispersione del calore corporeo nello sport

data di redazione: 13 Ottobre 2014 - data modifica: 12 Ottobre 2014
Dispersione del calore corporeo nello sport

È importante scegliere l'abbigliamento adatto per il tipo di sport che praticate

Quando fai sport hai l'abbigliamento adatto?

Sembra scontato ma l'abbigliamento è estremamente importante per lo svolgimento di qualsiasi attività sportiva, tra gli altri uno dei vantaggi ad esempio è quello della dispersione del calore corporeo: infatti una maglietta adatta favorisce la dispersione del calore corporeo sviluppatosi in eccesso con il movimento, e detto questo vi diamo alcuni importanti consigli:

 

1- Gli indumenti che indossate a più diretto contatto con la pelle, preferibilmente in cotone o in misto lana, devono garantire una buona traspirazione e non provocare fastidiose irritazioni. Sono da evitare in particolar modo i collants in fibra sintetica che ostacolano la traspirazione, con conseguenze antigieniche.

 

2- Bisogna tener conto al ritmo stagionale e alle condizioni climatiche ed è essenziale la scelta dell'abbigliamento appropriato all'attività fisica da svolgere. Tenendo presente che in qualsiasi momento della giornata e dell'anno gli indumenti non devono essere né troppo attillati, (a parte attività che per esigenza lo richiedono tipo il grappling, greco romana o lotta libera), né troppo larghi, al fine di non intralciare la respirazione o i movimenti.

 

3- Per l'attività all'aperto in inverno è opportuno indossare una calzamaglia, e munirsi di accessori quali copricapo e guanti per proteggere le estremità maggiormente esposte alle basse temperature. Una giacca impermeabile "k-way" si rivelerà utilissima per proteggere il corpo dalla pioggia e dal vento, permettendo al contempo un'ampia libertà di movimento. Intorno alla temperatura di 8°C diviene indispensabile la tuta, apprezzabile oltre che per la sua comodità anche per la resistenza anche per la sua indeformabilità. Consigliabili soprattutto quelle in microfibra, che facilitano la traspirazione. Intorno ai 15°C invece sarà opportuno indossare maglietta e pantaloncini. 

 

4- Fondamentali sono le scarpe. Devono essere lavate spesso e accuratamente. Anche se sembra scontato dirlo, devono sempre essere indossate con calzini di spugna, utilissimi per l'assorbimento del sudore, e spesso l'unica difesa alla formazione di fastidiose vesciche che possono crearsi, per esempio, calzando scarpe nuove. 

 

Per essere adatte le scarpe da ginnastica in generale dovrebbero avere queste semplici caratteristiche:

 

  1. - devono essere leggere e non rigide
  2. - di sufficiente spessore
  3. - resistenza della suola all'attrito
  4. - protezione robusta alla caviglia
  5. - col tallone non troppo alto (la scarpa con la suola piana distribuisce il peso corporeo per l'80% sul tallone e per il 20% sull'avampiede, permettendo un pieno appoggio e una spinta efficace nei movimenti)

Le scarpe

Tuttavia è facilmente deducibile che cambiano di caratteristiche a seconda dello sport praticato, saranno differenti tra loro quelle usate nella pallacanestro da quelle del calcio a quelle per la podistica.

 

In conclusione

se non siamo dotati di vestiario idoneo è chiaro che non possiamo richiedere al nostro organismo prestazioni muscolari di particolare intensità, in quanto il lavoro muscolare è strettamente connesso all'attività respiratoria e al sistema cardiocircolatorio. 

La temperatura ambientale è un fattore da non sottovalutare;

  • la temperatura troppo bassa infatti sottrae calore al corpo, a scapito del lavoro muscolare, al contrario
  • quella troppo elevata impedisce la dispersione del calore prodotto mediante l'esercizio fisico che, se eccessivo, provoca un'anormale vasodilatazione diffusa e stasi circolatoria.

 

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Kitesurf
10 Gennaio 2015

Kitesurf

L’evoluzione aerea del windsurf

Evoluzione aerea del windsurf, è una disciplina sportiva di recente introduzione, molto emozionante, che sostituisce la classica vela con un grande aquilone in modo da consentire spericolate acrobazie a mezz’aria e veloci scivolate sul pelo dell’acqua, sempre restando in perfetto equilibrio sulla tavola.

Mo Farah, Curiosità sull'Allenamento e Dieta
05 Novembre 2014

Mo Farah, Curiosità sull'Allenamento e Dieta

Un uomo nato per correre

Il potenziale di Mohamed Farah, detto Mo, è stato avvistato quando aveva 11 anni di età dal suo insegnante di educazione fisica, Alan Watkinson, dell'Isleworth e Syon Scuola di London Borough of Hounslow. Dopo averlo visto correre, ha subito capito che Mo aveva il potenziale per competere nei più alti livelli. Questo incontro ha cambiato la vita di Farah. Prima di essere incoraggiato a concentrarsi sull'atletica, è stato quasi sempre nei guai a scuola. Mo Farrah è un rifugiato somalo e quando arrivò in Gran Bretagna all'età di 8 anni, parlava poco l'inglese. Spesso era coinvolto in risse, sia dentro che fuori la scuola, finché non trovò qualcosa su cui focalizzare la sua energia.

Ultimi post pubblicati

SIT UP SU PANCA INCLINATA
19 Settembre 2018

SIT UP SU PANCA INCLINATA

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

CRUNCH SULLA PANCA
19 Settembre 2018

CRUNCH SULLA PANCA

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.