Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Giocatore Di Hockey: Lavora Sulle Anche Con Questi 3 Esercizi Di Mobilità

data di redazione: 06 Marzo 2018 - data modifica: 07 Marzo 2018
Giocatore Di Hockey: Lavora Sulle Anche Con Questi 3 Esercizi Di Mobilità

Il gioco dell'hockey richiede molta flessibilità, soprattutto delle anche.

I fianchi stretti e poco mobili tormentano praticamente ogni giocatore di hockey di ogni livello.
Essere legati nella parte anteriore dei fianchi può portare a una serie di cattivi effetti collaterali, come diminuzione del abilità nel pattinare, aumento del rischio di tensioni all'inguine e, in alcuni casi, mal di schiena tutte le settimane non fa altro che accrescere il problema.
Però non pensare che la rigidità scomparirà magicamente da sola.
Dovrai fare alcuni lavori di mobilità, per affrontare realmente il problema.
Ho una bella notizia per te: il lavoro di mobilità non ha bisogno di molto tempo per essere efficace. Inserisci questi tre esercizi al riscaldamento del tuo hockey per diventare un giocatore più atletico sul ghiaccio ed evitare i problemi che derivano dal giocare nel dolore.
1. Affondi con il Valslide a tre direzioni

Con uno Valslide sotto il piede destro, fai scivolare il piede all'indietro per eseguire un affondo all’indietro, poi lo fai scorrere verso destra.
Infine, fai scorrere in diagonale dietro la gamba sinistra.
Esegui 6 ripetizioni totali prima di cambiare gamba.

2. Squat con rotazione interna/esterna

Esegui un normale squat.

Quando sei nella posizione accosciata spingi prima il ginocchio destro fuori(rotazione esterna), prima di portarlo dentro (rotazione interna).
Il tuo obiettivo è quello di toccare il pavimento con il ginocchio nella rotazione interna mantenendo il piede sinistro a terra.

Alzati e ripeti con la gamba sinistra per un totale di 5 ripetizioni per gamba.

Se non riesci a toccare il ginocchio a terra vuol dire che sei piuttosto legato.
Inizia a fare quest’esercizio ogni giorno e presto vedrai grandi miglioramenti.
Migliorare la rotazione interna dell'anca è particolarmente importante per i portieri di hockey che, a causa del notevole dispendio di tempo in butterfly position (posizione della farfalla) hanno bisogno di un grado maggiore di rotazione interna dell'anca rispetto ai difensori o agli attaccanti.

3. Squat Cosacco (squat laterale)

Partendo da una posizione ampia con le punte dei piedi aperte, scendi in uno squat laterale profondo.
Il tuo polpaccio dovrebbe toccare lo stesso tendine del ginocchio.

Se non riesci a farlo vuol dire che hai problemi di mobilità (e forza) che devono essere affrontati e risolti.

Tieni sempre un tallone a terra mentre giri le dita dell'altro piede verso l’alto.
Esegui 5 ripetizioni per lato.


La prossima volta, prima del tuo solito allenamento sul ghiaccio esegui questi tre esercizi a circuito per due o tre round per migliorare la mobilità e preparare i tuoi fianchi ad un gioco flessibile ed esplosivo.

LEGGI ANCHE:

HOCKEY SU PRATO

ALTRI ESERCIZI DI FLESSIBILITA' PER L'HOCKEY

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Golf
10 Maggio 2015

Golf

Sport individuale d'elite

Curatissimi spazi verdi, atmosfera idilliaca e rilassante, club house sofisticate e accoglienti, sono queste le immagini che richiamano alla mente il golf, disciplina sportiva un po’ esclusiva, in apparenza praticata solo da giocatori dall’eleganza innata che tuttavia sono sempre impegnati in gesti tecnici di grande precisione.

Il contributo energetico alla prestazione sportiva
02 Ottobre 2014

Il contributo energetico alla prestazione sportiva

Come allenarsi a seconda dello sport praticato

A differenza di quanto si pensa comunemente, la condizione aerobica è scarsamente correlata alla prestazione, con l’eccezione delle discipline di lunga durata, in particolare, negli sforzi intermittenti e quindi nei giochi sportivi.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.