(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Gli Effetti Del Nostro Allenamento Sull’Apparato Respiratorio

data di redazione: 01 Marzo 2018
Gli Effetti Del Nostro Allenamento Sull’Apparato Respiratorio

In Che Modo Il Movimento Ci Fa Cambiare Il Modo Di Respirare

Quali sono gli effetti che ha il nostro allenamento sull’apparato respiratorio?
Perché migliora il nostro modo di respirare e ne beneficia tutto il sistema?
Cominciamo a vedere prima quali sono le vie che percorre l’ossigeno nel nostro corpo.
Le vie percorse dall'ossigeno
Abbiamo già visto in altri articoli come viene utilizzato l'ossigeno nelle contrazioni muscolari. Vediamo ora qual è la via percorsa da questa sostanza per arrivare ai muscoli.
L'ossigeno è presente in grande quantità nell'aria che respiriamo.
I meccanismi respiratori permettono un continuo riempimento e svuotamento d'aria delle sacche polmonari.
L'aria inizia il suo cammino entrando dalle narici e dalla bocca, percorre le vie respiratorie (trachea, bronchi) ed arriva all'interno dei polmoni.
Nei polmoni, e in particolare negli alveoli polmonari l'ossigeno cambia mezzo di trasporto passando nel sangue; infatti una sostanza che è molto abbondante nel sangue (l'emoglobina) ha la proprietà di catturare l'ossigeno presente nell'aria giunta nei polmoni.
Uno dei compiti fondamentali del sangue consiste nel trasportare, per mezzo dell'emoglobina, l'ossigeno ai tessuti (muscolari compresi) e nel riprendere da questi come prodotto di rifiuto, l'anidride carbonica.

LEGGI ANCHE: ALLENAMENTO DEI MUSCOLI INSIPARATORI NEGLI SPORT DI RESISTENZA

Il sangue circola pertanto nel nostro corpo dai polmoni ai tessuti attraverso il cuore e viceversa.
Nei polmoni il sangue assume ossigeno ed espelle una parte di anidride carbonica; a livello muscolare viene invece privato dell'ossigeno ricevendone anidride carbonica.
Durante l'esercizio fisico, il fabbisogno di ossigeno aumenta notevolmente.
Più l'esercizio è intenso, maggiore è la quantità di ossigeno che viene utilizzata dai muscoli.
Il consumo di ossigeno durante un lavoro impegnativo può aumentare addirittura dalle 15 alle 20 volte rispetto al consumo in condizioni di riposo.
Per questa ragione, durante l'esercizio fisico, gli apparati respiratorio e circolatorio, preposti al continuo rifornimento di ossigeno, aumentano notevolmente le possibilità lavorative.

LEGGI ANCHE: L'APENEA NOTTURNA SI PUO' RISOLVERE CON L'ESERCIZIO FISICO?


Effetti del movimento sull'apparato respiratorio
Durante l'attività fisica, quando l'ossigeno presente nei muscoli non è più sufficiente, si verifica un fenomeno simile all'asfissia a livello muscolare: i muscoli inviano tramite il sistema nervoso messaggi sempre più intensi ai centri regolatori del ritmo respiratorio per informarli del loro assoluto bisogno di ossigeno.

LEGGI ANCHE: APPARATO RESPIRATORIO E LA CURA CON LE ERBE


Per questa ragione, quando cominciano ad affiorare i primi segni della fatica, si nota un aumento notevole del ritmo respiratorio, e ciò non è altro che la risposta immediata ai messaggi di soccorso che i muscoli hanno inviato.
Questo adattamento fisiologico non è certo il più redditizio; infatti, per affrettarsi ad assumere aria, gli atti respiratori, a causa del ritmo elevato, non consentono che una grande quantità d'aria arrivi agli alveoli, giacché quella inspirata in così breve tempo è appena sufficiente a riempire la prima parte delle vie respiratorie.
Per poter immettere più ossigeno bisogna riuscire a fornirsi della maggior quantità d'aria possibile.
Questo aumento della quantità d'aria assunta (ventilazione) deve basarsi più sull'aumento del volume di ogni atto respiratorio che sulla frequenza degli atti stessi.
Generalmente, quando respiriamo in condizioni di riposo, l’atto respiratorio non è mai completo.
Se vogliamo, infatti, possiamo aumentare moltissimo la lunghezza della nostra respirazione. Facendo una respirazione forzata possiamo addirittura assumere quasi un litro di aria in più.
Durante l'attività fisica, per aver una migliore efficienza, bisogna badare al modo in cui respiriamo, cercando di rendere l'atto respiratorio più lento e rilassato, cosi da allungarne il più possibile l'ultimo tratto.
Il movimento perciò dà la possibilità di respirare di più e più profondamente, aumentando notevolmente la mobilità e l'estensione della gabbia toracica.

LEGGI ANCHE: ARTI MARZIALI E RESPIRAZIONE

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Qual è Lo Sport Migliore Per Dimagrire?
03 Gennaio 2019

Qual è Lo Sport Migliore Per Dimagrire?

Allenarsi per ore non porterà necessariamente alla perdita di peso, bisogna alimentarsi bene, riposarsi ed assumere uno stile di vita sano. Lo sport unito ad una buona alimentazione e uno stile di vita sano, ti farà sicuramente perdere il grasso in eccesso.

Il Nuoto può Essere il Miglior Metodo di Recupero Attivo per Tutti gli Atleti
07 Maggio 2015

Il Nuoto può Essere il Miglior Metodo di Recupero Attivo per Tutti gli Atleti

Questo studio ha concluso che, nelle condizioni di prova utilizzate per questa serie di test di nuoto, il recupero attivo era il metodo più efficace ad eliminare il lattato nel sangue, seguito dal massaggio, e infine il recupero passivo, mentre tutto era efficace per far scendere i livelli di lattato nel sangue.

Ultimi post pubblicati

Brazilian Jiu Jitsu Kids
20 Gennaio 2019

Brazilian Jiu Jitsu Kids

Fa Davvero Bene Ai Bambini?

Il bjj è perfetto per i bambini e le bambine perché in giovane età gli effetti positivi sul corpo e sulla mente sono amplificati; in più al gioco si unisce un sistema di autodifesa non violento, immediato e completo. In poco tempo i bambini aumenteranno la loro forza negli arti e nel tronco, la schiena e le articolazioni si rinforzeranno e diventeranno più flessibili, aumenterà la loro coordinazione e sia l’apparato respiratorio che quello cardiocircolatorio ne trarranno beneficio.

Terminator 6 con Arnold Schwarzenegger
20 Gennaio 2019

Terminator 6 con Arnold Schwarzenegger

La nuova storia si collegherà direttamente a T2, aprendo a un interessante (e non di poco conto) interrogativo: come sarà risolto il "problema età" di Arnold? Quando Arnold Schwarzenegger ha girato Terminator 2 - Il Giorno del Giudizio aveva 44 anni. Oggi l'attore ne ha 71 anni già compiuti e, per quanto se li porti benissimo, il suo aspetto è (inevitabilmente) diverso da quello che aveva nel 1991. Ma a quanto pare, la cosa non preoccupa James Cameron.