(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

​L'Allenamento dei Muscoli Inspiratori e Prestazioni sugli Sport di Resistenza

data di redazione: 25 Ottobre 2015
​L'Allenamento dei Muscoli Inspiratori e Prestazioni sugli Sport di Resistenza

Uno studio dell'Indiana University ha scoperto che il rafforzamento dei muscoli inspiratori, mediante esercizi di respirazione eseguiti quotidianamente per sei settimane, ha ridotto significativamente la quantità di ossigeno, di questi stessi muscoli di respirazione, necessaria durante l'esercizio, possibilmente rendendo più ossigeno disponibile per altri muscoli.

Louise Turner, ricercatrice presso il Department of Kinesiology, ha detto che il solo atto di respirazione, durante una attività fisica di resistenza come la corsa, il nuoto o il ciclismo eseguito alla massima intensità, è in grado di rappresentare dal 10 al 15 per cento del consumo di ossigeno totale di un atleta. L'allenamento dei muscoli inspiratori (IMT) ha dimostrato di migliorare le prestazioni negli sport di resistenza e lo studio di Louise Turner ha cercato di far luce su come questo accade con l'allenamento dei muscoli inspiratori.

"Questo studio contribuisce a fornire ulteriore comprensione dei potenziali meccanismi in tutto il corpo, responsabili del miglioramento delle prestazione di resistenza precedentemente segnalati in seguito all'IMT," ha detto. A proposito dello studio:

Lo studio doppio cieco, controllato con placebo, ha coinvolto 16 uomini ciclisti di età compresa tra i 18-40 anni.


L'IMT implica l'uso di un dispositivo portatile che fornisce resistenza quando si inspira attraverso di essa, richiedendo un uso maggiore dei muscoli inspiratori. Per la metà dei partecipanti allo studio, il dispositivo IMT è stato fissato ad un livello che ha fornito la stessa resistenza di quando i soggetti hanno preso un veloce potente respiro. Per sei settimane hanno eseguito 30 respiri, con questa impostazione, due volte al giorno. I ciclisti del gruppo di controllo hanno fatto gli stessi esercizi con la IMT adeguati al livello minimo.

Dopo sei settimane, quando i partecipanti allo studio imitavano il respiro necessario alle operazioni di bassa, moderata e di massima intensità, i muscoli inspiratori hanno richiesto circa l'1 per cento in meno di ossigeno durante l'esercizio a bassa intensità e richiedevano il 3-4 per cento in meno durante l'esercizio ad alta intensità.

I muscoli hanno bisogno di ossigeno per produrre energia. La ricerca di Turner ha anche studiato la componente successiva di questa equazione, cioè, se più ossigeno è effettivamente disponibile per altri muscoli, in particolare quelli delle gambe, perché meno ossigeno viene utilizzato dai muscoli respiratori.

L'IMT è stato utilizzato come intervento in malattie polmonari e condizioni mediche come l'asma, la BPCO e la fibrosi cistica, e viene anche commercializzato come un mezzo per migliorare le prestazioni atletiche di ciclisti, corridori e nuotatori.

Turner ha presentato il suo studio, "Inspiratory Muscle Training reduces the Oxygen Cost of Breathing during Exercise ", con i coautori Timothy D. Mickleborough, Joel M. Stager e Robert F. Chapman presso l'Indiana University; e Sandy Lund del Nebraska Wesleyan University.


Riferimenti:

Inspiratory Muscle Training reduces the Oxygen Cost of Breathing during Exercise - Louise Turner - Indiana University

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Alpinismo
27 Febbraio 2015

Alpinismo

Caratteristiche e preparazione per questo tipo di sport

Leggendario, esaltante e pericoloso, questo sport è fatto soprattutto di passione, senza avversari da sconfiggere se non l’ambiente, rude e a volte ostile, mai da sottovalutare, dove si è soli con se stessi e la montagna, tesi a conquistare una vetta aprendosi la via tra roccia, neve e ghiaccio.

Football Americano Allenamento per Aumentare la Forza e la Velocità
23 Dicembre 2014

Football Americano Allenamento per Aumentare la Forza e la Velocità

Come si allenano gli atleti del football americano per diventare forti, potenti e veloci

Un tempo la maggior parte dei giocatori di football americano, per rafforzare il proprio fisico, seguivano un tipico protocollo di allenamento, studiato per i bodybuilder dove venivano allenati i singoli distretti muscolari, separatamente, una volta alla settimana con un volume molto alto. Purtroppo, mentre questo metodo funziona per i bodybuilder, che hanno come unico scopo l’incremento della massa muscolare, per i giocatori di football americano questo tipo di allenamento non serve, o perlomeno necessita di apposite modifiche più funzionali.

Ultimi post pubblicati

Allenamento PHA
18 Giugno 2019

Allenamento PHA

Le schede di allenamento in PHA prevedono diversi esercizi eseguiti consecutivamente stimolando distretti corporei il più possibile distanti tra loro (ad esempio cosce/deltoidi o bicipiti femorali/pettorali), in generale alternando l’attività della parte superiore con quella inferiore del corpo o viceversa. Tale sequenza andrà a reclutare tutti i gruppi muscolari del corpo in un’unica seduta (allenamento total body).

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.