Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

L'Allenamento di Valentino Rossi

data di redazione: 26 Aprile 2015 - data modifica: 18 Febbraio 2019
L'Allenamento di Valentino Rossi

L'Allenamento di Valentino Rossi

Valentino Rossi (Urbino, 16 febbraio 1979) è un pilota motociclistico e dirigente sportivo italiano. 

Tra i piloti più titolati del motociclismo, in virtù dei nove titoli mondiali conquistati (cinque dei quali vinti consecutivamente tra il 2001 e il 2005), è l'unico pilota nella storia del Motomondiale ad aver vinto il Mondiale in quattro classi differenti: 125 (1), 250 (1), 500 (1) e MotoGP (6). È inoltre il proprietario dello SKY Racing Team VR46.

Sappiamo che i Motociclisti hanno esigenze fisiche per poter guidare al meglio le proprie moto: i movimenti del corpo, i punti di forza e le esigenze in corsa sono molto simili tra loro. 

La maggior parte dei tifosi della MotoGp, pensa che basti salire su una motocicletta effettuando giri su giri in pista, per vincere le gare. 

Il discorso non è proprio così in quanto dietro ad ogni pilota c’è una preparazione fisica dettagliata e ben precisa. 

Valentino Rossi è arrivato a 40 anni grazie alla sua passione ma anche alla abnegazione per il suo sport che prevede anche una preparazione fisica fuori dal comune. 

Lo sapevate che i Piloti devono essere tra le persone fisicamente più in forma del pianeta?

  • Questo perchè in ogni gara, in ogni giro di ricognizione rischiano la vita. 
  • Guidare una moto di 350 kg in curva che tira 1,5-1,7 G e avere l’abilità di guidarla dopo una brusca e potente frenata richiede una persona forte e stabile.

I piloti devono avere le seguenti qualità fisiche:

  • Resistenza muscolare
  • Agilità
  • forza di base
  • flessibilità
  • tempi di reazione rapidi

Fatta questa premessa, ecco come è impostato un allenamento fisico di base per un motociclista della motogp.

 

1. Si inizia l’allenamento con il PNF (Proprioceptive Neuromuscolar Facilitation), detto anche stretching propriocettivo, è una metodica di allungamento muscolare nata in ambito riabilitativo, ma che attualmente si sta diffondendo anche in ambito sportivo.

Questa pratica trova impiego in tutte le situazioni in cui viene compromessa (per infortunio, allenamenti errati o blocchi della motilità) l’estensibilità muscolare.

I piloti in carriera subiscono un sacco di infortuni che daranno poi problemi anche di tipo muscolare e di tensioni. Questo tipo di stretching è consigliato per 10’-15’ in ogni seduta come Warm Up.

 

 

2. Si comincia poi con il riscaldamento vero e proprio a corpo libero, con:

  • affondi
  • squat
  • squat su tavole propriocettive
  • Wall Squat
  • ed un certo tipo di lavoro sul Core con vari esercizi in PLANK POSITION

 

 

 

3. Dopo essersi riscaldati con esercizi statici si passa alla gamma di esercizi a corpo libero esplosivi come:

  • jump squat
  • affondi con salto
  • Mountain climber
  • ginocchia al petto con salto
  • piegamenti sulle braccia pliometrici
  • burpees

 

 

4. I piloti devono essere molto forti ma anche resistenti e quindi il lavoro consigliato da molti preparatori sono i CIRCUITI COMPLEX dove si utilizza un solo attrezzo con il quale si eseguono diversi esercizi. 

Praticamente con questa tipologia di lavoro si risparmia tempo e si raccolgono due piccioni con una fava. Potete utilizzare bilanciere, kettlebell o sandbag.

Eseguite 4 ripetizioni per ogni stazione senza riposo tra gli esercizi.

  1. Hang Clean 4 ripetizioni
  2. Front Squat 4 Ripetizioni
  3. Rematore busto flesso 4 ripetizioni
  4. Overhead Press 4 ripetizioni (distensioni sopra la testa)
  5. Thruster 4 ripetizioni (squat frontale + overhead press)

Recupero di soli 60 secondi e ripetere il circuito per 5 volte .

Il carico deve essere calibrato, in quanto se è troppo leggero il circuito sarà troppo facile e poco allenante. 

Non deve essere neanche troppo pesante, quindi saranno necessari tentativi per individuare il giusto peso. Nel corso degli allenamenti poi lo aumenterete di qualche kg per aumentare l’intensità dell’allenamento.

 

5. Al termine dei Circuiti Complex si consigliano lavori ad intervallo di tipo Tabata utilizzando le Corde (battling ropes) o il vogatore. Eseguite intervalli di 20 secondi di lavoro, 40 sec di riposo x 10 set.  

Questo tipo di lavoro, abbastanza semplice, mantiene il peso corporeo entro certi standard, inoltre:

  • aumenta la forza
  • resistenza
  • mantenendo la massa grassa ai minimi termini

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Come porsi gli obiettivi nello Sport
01 Ottobre 2014

Come porsi gli obiettivi nello Sport

Per ottenere il miglior risultato possibile nello sport, ma anche in tutti gli altri ambiti della vita professionale o personale, la cosa fondamentale, da tenere in altissima considerazione, è rappresentata dalla nostra motivazione, dalla nostra voglia, perseveranza e seria intenzione a perseguire un determinato obiettivo o scopo.

Come Scegliere l'Attività Fisica in Base all'Età
01 Ottobre 2014

Come Scegliere l'Attività Fisica in Base all'Età

Un sessantenne può praticare lo stesso sport di un trentenne, ma con gli opportuni accorgimenti

In base alla tua età, puoi scegliere un'attività sportiva secondo le tue preferenze anche legate a precedenti esperienze, in base al tuo stato di salute, al livello di efficienza fisica ma anche ad esempio alla vicinanza della struttura al posto di lavoro o all'abitazione, la possibilità di parcheggio, gli orari disponibili e via dicendo...

Ultimi post pubblicati

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare
16 Ottobre 2019

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare

Per massimizzare i risultati ottenibili tramite l’allenamento in palestra, è necessario porre estrema attenzione sulla propria dieta, in quanto alimentarsi in maniera sbagliata può rallentare di molto il raggiungimento dei propri obiettivi relativi alla crescita muscolare e al miglioramento della propria composizione corporea.

Personal Trainer Sì o No?
27 Settembre 2019

Personal Trainer Sì o No?

I personal trainer sono atleti avanzati, magari anabolizzati? Questa è una credenza popolare anni 90 che in questo post sarà smentita. Affidarsi ad un personal trainer vuol dire scegliere di fare il giusto ingresso in una palestra; vuol dire approcciarsi correttamente al mondo dell’allenamento fitness.