(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

​L'Allenamento Intenso Colpisce Il Sonno, Le Prestazioni e L'umore Degli Atleti - Ma Più Carboidrati Possono Aiutare

data di redazione: 12 Dicembre 2015
​L'Allenamento Intenso Colpisce Il Sonno, Le Prestazioni e L'umore Degli Atleti - Ma Più Carboidrati Possono Aiutare

Ottenere abbastanza sonno è una parte essenziale del programma di allenamento di qualsiasi atleta, ma uno studio del Journal of Sports Sciences rivela che i periodi intensivi di esercizio fisico possono rendere difficile ottenere un riposo adeguato. Sospettando che l'esercizio fisico intenso può portare a disturbi del sonno, gli scienziati della Loughborough University hanno studiato gli effetti di due periodi di nove giorni di allenamento pesante su 13 ciclisti altamente qualificati. I ricercatori hanno monitorato gli umori degli atleti, modelli di sonno e le prestazioni, prima, durante e dopo l'esercizio.


Per determinare se le diete potessero contrastare gli effetti di qualsiasi privazione del sonno, agli atleti sono state anche dato elevate quantità o moderate di carboidrati nel corso dello studio, anche se nessuno di loro ne era a conoscenza.

S.C. Killer insieme ai suoi colleghi, ha scoperto che anche un minimo di nove giorni di allenamento intenso può causare 'una diminuzione significativa e progressiva della qualità del sonno'. Essi hanno inoltre notato che gli stati d'animo e la capacità per l'esercizio degli atleti era peggiorata nel corso del periodo di osservazione.

È interessante notare che i dati raccolti hanno anche indicato che i ciclisti hanno speso più tempo a letto durante l'allenamento intenso - suggerendo che erano davvero stanchi. Ma, il tempo supplementare sotto le coperte, non ha comportato alcuna fase di sonno in più.

"L'efficienza del sonno è risultata significativamente ridotta durante il periodo di allenamento intenso", hanno osservato i ricercatori, e il numero di volte che gli atleti si sono svegliati durante la notte era notevolmente aumentato. Inoltre, i ciclisti hanno riportato cambiamenti nei loro stati d'animo man mano che lo studio è andato avanti, tra cui una maggiore tensione, rabbia, stanchezza, confusione, depressione e una maggiore sensibilità e sintomi di stress.

Per quanto riguarda i carboidrati supplementari, la squadra ha concluso che un regime di carboidrati ha ridotti alcuni, ma non tutti, gli effetti del duro allenamento. Gli atleti con moderata assunzione di carboidrati, hanno fatto registrare più tempo di sonno, ma questo può dimostrare i livelli elevati di stanchezza e una maggiore necessità di recupero quando seguivano tale regime dietetico.

Questo studio è un ricordo chiave dell'importanza del sonno nel recupero e prestazioni per tutti gli atleti - nonché l'effetto che l'allenamento duro può avere sul sonno.

Come gli autori fanno notare:

"Il ciclo di allenamento di successo deve prevedere il sovraccarico con stato di affaticamento acuto, seguito da un periodo di riposo. I risultati di tale allenamento sono adattamenti e miglioramenti in termini di prestazioni positive, tuttavia, se l'allenamento con sovraccarico non è seguito da un sufficiente riposo, può verificarsi il sovrallenamento".

Questo studio è anche un promemoria per tutti gli allenatori per ricordare loro la necessità di inserire nei piani di allenamento dei loro atleti, anche il tempo per il riposo, inclusi i sonnellini.

Da non dimenticare inoltre, che il sonno è importante anche per aumentare i livelli di alcuni importanti ormoni di cui gli atleti non possono non tenerne conto.


Riferimenti:

Evidence of disturbed sleep and mood state in well-trained athletes during short-term intensified training with and without a high carbohydrate nutritional intervention, S. C. Killer, I. S. Svendsen, A. E. Jeukendrup, M. Gleeson, Journal of Sports Sciences, doi:10.1080/02640414.2015.1085589, published online 25 September 2015.

Source: Taylor & Francis

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Mo Farah, Curiosità sull'Allenamento e Dieta
05 Novembre 2014

Mo Farah, Curiosità sull'Allenamento e Dieta

Un uomo nato per correre

Il potenziale di Mohamed Farah, detto Mo, è stato avvistato quando aveva 11 anni di età dal suo insegnante di educazione fisica, Alan Watkinson, dell'Isleworth e Syon Scuola di London Borough of Hounslow. Dopo averlo visto correre, ha subito capito che Mo aveva il potenziale per competere nei più alti livelli. Questo incontro ha cambiato la vita di Farah. Prima di essere incoraggiato a concentrarsi sull'atletica, è stato quasi sempre nei guai a scuola. Mo Farrah è un rifugiato somalo e quando arrivò in Gran Bretagna all'età di 8 anni, parlava poco l'inglese. Spesso era coinvolto in risse, sia dentro che fuori la scuola, finché non trovò qualcosa su cui focalizzare la sua energia.

Donare Sangue può influire sulla Tua Prestazione Sportiva?
15 Aprile 2016

Donare Sangue può influire sulla Tua Prestazione Sportiva?

4 strategie per attenuare l’impatto della donazione sugli sportivi

Il sangue è vitale per i tuoi allenamenti, ma soprattutto per tutte le funzioni vitali del corpo. Più ossigeno trasporta il vostro sangue, più veloce correrai, più resistenza possiederai ed il recupero ne è direttamente proporzionale.Donare il sangue diminuisce la prestazioni? Quanto tempo ci vuole a tornare alla normalità?

Ultimi post pubblicati

SIT UP SU PANCA INCLINATA
19 Settembre 2018

SIT UP SU PANCA INCLINATA

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

CRUNCH SULLA PANCA
19 Settembre 2018

CRUNCH SULLA PANCA

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.