Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

La marcia

data di redazione: 13 Ottobre 2014 - data modifica: 03 Ottobre 2014
La marcia

Un altro modo di fare sport camminando

La marcia è in pratica una forma estrema del camminare, infatti rappresenta una camminata veloce senza mai arrivare a correre.

 

Come il camminare infatti, anche la marcia si esegue in modo che pur alternando gli appoggi degli arti inferiori, sia sempre mantenuto il contatto con il terreno.

 

A differenza della camminata normale, però, la marcia, che è una disciplina dell'atletica leggera, non è un movimento naturale e istintivo ma un gesto sportivo che richiede una tecnica particolare.

 

Marciando si migliorano le potenzialità fisiologiche di:

  1. apparato respiratorio
  2. apparato cardiocircolatorio
  3. apparato articolare
  4. sistema muscolare

 

Riguardo alle qualità motorie invece:

 

 

Per renderci conto dei benefici a livello dimagrante pensate che marciando per un'ora alla velocità di 6 km/h bruciamo 280/300 kcal.

LA TECNICA DELLA MARCIA

È un tipo di disciplina da imparare; il marciatore deve mantenere sempre il contatto con il terreno.

Ciò significa che il piede avanzato deve toccare terra prima che il piede arretrato si sollevi.

 

Un particolare importante, in quanto se non viene osservato l'atleta di questa disciplina verrà squalificato. Per una corretta esecuzione della marcia è importante che

  1. il capo sia alto
  2. il busto eretto
  3. le spalle rilassate e sciolte.

 

Inoltre è fondamentale la posizione delle braccia; come per il camminare l'azione delle braccia deve essere coordinata con un'oscillazione contraria all'arto inferiore, (gamba sinistra/braccio destro e viceversa).

A differenza del camminare però le braccia non devono essere distese ma flesse ai gomiti a circa 90°. 

 

Infine è utile sapere che questa disciplina necessita di un lavoro di stretching che riguarda maggiormente le seguenti fasce muscolari:

 

  1. quadricipite
  2. polpaccio
  3. gluteo e flessore della coscia
  4. adduttori e area laterale del tronco
  5. adduttori delle cosce e muscolatura posteriore delle stesse
  6. muscoli profondi della schiena e erettori
  7. muscoli dell'area inguinale
  8. muscolatura anteriore del bacino
  9. legamenti dell'articolazione della caviglia
  10. aduttori interni della coscia
  11. muscoli della zona lombare
  12. flessori della coscia
  13. muscolatura esterna dell'anca

 

Buona allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Il contributo energetico alla prestazione sportiva
02 Ottobre 2014

Il contributo energetico alla prestazione sportiva

Come allenarsi a seconda dello sport praticato

A differenza di quanto si pensa comunemente, la condizione aerobica è scarsamente correlata alla prestazione, con l’eccezione delle discipline di lunga durata, in particolare, negli sforzi intermittenti e quindi nei giochi sportivi.

Il Dispendio Energetico Degli Sport
17 Luglio 2015

Il Dispendio Energetico Degli Sport

Come valutare il costo energetico a seconda del tipo di sport e dell'atleta

Fin troppo spesso gli atleti mangiano più del loro fabbisogno calorico, e riguardo a questo problema, già in passato, studiosi francesi esaminando un campione di 1600 atleti, hanno scoperto che il 56% mangiava oltre le proprie necessità.

Ultimi post pubblicati

Shawn Rhoden Squalificato a Vita
23 Luglio 2019

Shawn Rhoden Squalificato a Vita

Il 2019 non ha portato fortuna a Shawn Rhoden, infatti il campione in carica,  non potrà più gareggiare sul palco del mr Olympia per il resto della sua vita. Dopo l’accusa di stupro, l'azienda che organizza l'evento del mr Olympia ha deciso di squalificare a vita il vincitore del mr Olympia 2018.

PRONATORE ROTONDO
18 Luglio 2019

PRONATORE ROTONDO

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo pronatore rotondo fa parte dei muscoli del primo strato della regione anteriore dell'avambraccio ove è anche il più laterale.