(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

La marcia

data di redazione: 13 Ottobre 2014 - data modifica: 03 Ottobre 2014
La marcia

Un altro modo di fare sport camminando

La marcia è in pratica una forma estrema del camminare, infatti rappresenta una camminata veloce senza mai arrivare a correre.

 

Come il camminare infatti, anche la marcia si esegue in modo che pur alternando gli appoggi degli arti inferiori, sia sempre mantenuto il contatto con il terreno.

 

A differenza della camminata normale, però, la marcia, che è una disciplina dell'atletica leggera, non è un movimento naturale e istintivo ma un gesto sportivo che richiede una tecnica particolare.

 

Marciando si migliorano le potenzialità fisiologiche di:

  1. apparato respiratorio
  2. apparato cardiocircolatorio
  3. apparato articolare
  4. sistema muscolare

 

Riguardo alle qualità motorie invece:

 

 

Per renderci conto dei benefici a livello dimagrante pensate che marciando per un'ora alla velocità di 6 km/h bruciamo 280/300 kcal.

LA TECNICA DELLA MARCIA

È un tipo di disciplina da imparare; il marciatore deve mantenere sempre il contatto con il terreno.

Ciò significa che il piede avanzato deve toccare terra prima che il piede arretrato si sollevi.

 

Un particolare importante, in quanto se non viene osservato l'atleta di questa disciplina verrà squalificato. Per una corretta esecuzione della marcia è importante che

  1. il capo sia alto
  2. il busto eretto
  3. le spalle rilassate e sciolte.

 

Inoltre è fondamentale la posizione delle braccia; come per il camminare l'azione delle braccia deve essere coordinata con un'oscillazione contraria all'arto inferiore, (gamba sinistra/braccio destro e viceversa).

A differenza del camminare però le braccia non devono essere distese ma flesse ai gomiti a circa 90°. 

 

Infine è utile sapere che questa disciplina necessita di un lavoro di stretching che riguarda maggiormente le seguenti fasce muscolari:

 

  1. quadricipite
  2. polpaccio
  3. gluteo e flessore della coscia
  4. adduttori e area laterale del tronco
  5. adduttori delle cosce e muscolatura posteriore delle stesse
  6. muscoli profondi della schiena e erettori
  7. muscoli dell'area inguinale
  8. muscolatura anteriore del bacino
  9. legamenti dell'articolazione della caviglia
  10. aduttori interni della coscia
  11. muscoli della zona lombare
  12. flessori della coscia
  13. muscolatura esterna dell'anca

 

Buona allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Trekking o escursionismo
19 Dicembre 2014

Trekking o escursionismo

Cose da fare e da non fare per chi si avventura in questa pratica.

Il Trekking è un'attività alla portata di tutti, naturalmente è bene selezionare itinerari alla portata di tutti e che non presentano difficoltà. L’escursionismo non p uno sport estremo, infatti è adatto anche a persone poco allenate o che hanno problemi ad affrontare forti dislivelli.

Baseball
23 Febbraio 2015

Baseball

Gioco di squadra dove la componente tattica supera quella atletica

Gioco di squadra ma anche “singolar tenzone”, una sorta di duello tra battitori e lanciatori, in sfide dove la tecnica individuale e la tattica valgono quanto, se non di più l’atletismo. Caratterizzato da lunghe pause alternate a momenti di forza e scatti brucianti, è il gioco di squadra più amato e praticato dagli statunitensi.

Ultimi post pubblicati

HAMMER CURL AD UN MANUBRIO
15 Gennaio 2019

HAMMER CURL AD UN MANUBRIO

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

Creed 2: L'Allenamento
15 Gennaio 2019

Creed 2: L'Allenamento

Il programma segue una divisione push / pull / gambe. L'inizio della settimana si concentrerà maggiormente sulla costruzione della forza, mentre la seconda metà della settimana incorporerà più esercizi per incrementare la massa muscolare e perdere grasso corporeo.