ABC Allenamento
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Perché la Giamaica è una Nazione di Super Atleti?

data di redazione: 30 Marzo 2014 - data modifica: 06 Aprile 2019
Perché la Giamaica è una Nazione di Super Atleti?

Vi piace l'atletica leggera? 

Vi piacciono le gare di sprint di velocità come a moltissimi appassionati di tutto il mondo?

Avrere sicuramente notato, che da anni, c'è un dominio indiscriminato ed assoluto, di atleti giamaicani e sicuramente conoscerete:

  • Usain Bolt,
  • Asafa Powell,
  • Marlene Ottey,
  • Donovan Bailey,
  • Linford Christie,
  • Don Quarrie,
  • Lennox Miller,
  • McKenley.

Noi a spolpare Mennea, che ci ha regalato onore e gloria per decenni, loro con nuovi muscoli sempre a disposizione. Razza velocità, appunto. Speed generation.

La Giamaica paese piccolo e povero, appena due milioni e settecentomila abitanti, gli stessi di Roma, ma un razzo a miccia lunga, capace di spezzare la supremazia a stelle a strisce.

Come anzidetto pur non essendo uno stato molto popolato, in Giamaica si sono formati molti tra i più grandi velocisti di sempre; infatti gli abitanti di quest'isola sono mediamente portati a prestazioni atletiche di grande potenza come appunto può essere richiesto in una gara di 100 e 200 metri.

L'attuale detentore del record del mondo e campione olimpico dei 100 metri è il giamaicano Usain Bolt che ha saputo fermare il cronometro a 9,58 secondi, battendo il suo precedente record di 9,69 e quello di 9,74 dell'altro giamaicano Asafa Powell.

Bolt è anche campione olimpico e mondiale dententore del record mondiale dei 200 metri, 19,19 secondi, avendo migliorato il suo precedente primato di 19,30, e quello precedetne di 19,32 di Michael Jonshon proprio nella finale olimpica di Pechino.

Inoltre la Giamaica vanta l'attuale record del mondo nella staffetta maschile 4x100 (anch'essa oro alle Olimpiadi di Pechino) e la campionessa olimpica dei 400 ostacoli, Walker, nonché la campionessa del mondo dei 100 metri e campionessa olimpica dei 200 metri, Veronica Campbell, che prosegue la serie positiva di Marlene Ottey, grande campionessa degli anni 80/90 sulle stesse distanze.

Da non dimenticare poi Quarrie, medaglia d'oro nei 200 m piani alle Olimpiadi di Montreal del 1976. 

Non si ricordano risultati importanti nelle gare di resistenza, dove la Giamaica non ha mai trovato spazio tra le grandi. Si può dire che l'atletica sia vista dai Giamaicani soprattutto come una via per ottenere borse di studio e proseguire gli studi (generalmente negli U.S.A).

PERCHE' LA GIAMAICA è COSI' FORTE?

Alcune fonti contestano che il grandissimo successo della Giamaica in queste discipline sia da attribuire alla EUGENETICA praticata dai proprietari terrieri e gli schiavisti che caratterizzarono il periodo coloniale.

In tale epoca, infatti, i coloni necessitavano di enorme forza lavoro da affidare agli schiavi di africani, che spesso, alla stregua degli animali (in quanto tale era la loro considerazione) venivano sottoposti a pratiche selettive e riconducibile alla eugenetica.

Inoltre sembra che i proprietari terrieri del tempo si erano talmente arricchiti da poter scegliere i migliori schiavi! 

E quindi questa terribile pratica avrebbe prodotto una selezione naturale di super uomini!

Scritto da: ABC Team


Potrebbe interessarti anche

Il Sollevamento Pesi per gli altri Sport
01 Ottobre 2014

Il Sollevamento Pesi per gli altri Sport

I pesi, per la loro valenza universale, costituiscono un supporto essenziale sia per un corretto sviluppo della forza generale, sia per la "forza speciale" in molti altri sport. In questi casi, le varie discipline sportive devono essere accomunate da parametri assoggettabili a valutazione, che ne permettano una classificazione di uso operativo o una correlazione più profonda, a seconda dell'aspetto che si desidera porre in evidenza all'interno dell'allenamento. 

Mo Farah, Curiosità sull'Allenamento e Dieta
05 Novembre 2014

Mo Farah, Curiosità sull'Allenamento e Dieta

Un uomo nato per correre

Il potenziale di Mohamed Farah, detto Mo, è stato avvistato quando aveva 11 anni di età dal suo insegnante di educazione fisica, Alan Watkinson, dell'Isleworth e Syon Scuola di London Borough of Hounslow. Dopo averlo visto correre, ha subito capito che Mo aveva il potenziale per competere nei più alti livelli. Questo incontro ha cambiato la vita di Farah. Prima di essere incoraggiato a concentrarsi sull'atletica, è stato quasi sempre nei guai a scuola. Mo Farrah è un rifugiato somalo e quando arrivò in Gran Bretagna all'età di 8 anni, parlava poco l'inglese. Spesso era coinvolto in risse, sia dentro che fuori la scuola, finché non trovò qualcosa su cui focalizzare la sua energia.

Ultimi post pubblicati

Pettorali Enormi A Casa A Corpo Libero
25 Novembre 2020

Pettorali Enormi A Casa A Corpo Libero

Come Sviluppare La Massa Dei Pettorali a Casa a Corpo Libero

Come allenarsi a casa per costruire pettorali enormi come se foste in palestra. Consigli su serie, ripetizioni ed esercizi da utilizzare.

Occhio Ai Bicipiti
25 Novembre 2020

Occhio Ai Bicipiti

Più si va avanti con l'età e più si può correre il rischio di avere questo incidente, se capita durante il lavoro, pazienza, l'operatore non può farci nulla, in quanto è il suo mestiere. Ma in palestra, questo genere di incidente deve essere evitato, o perlomeno arginato, prendendo qualche precauzione prevista dal caso.