ABC Allenamento
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Barefoot Running o Corsa a Piedi Nudi è il modo Migliore per Correre?

data di redazione: 17 Maggio 2014 - data modifica: 01 Ottobre 2014
Barefoot Running o Corsa a Piedi Nudi è il modo Migliore per Correre?

La libertà di correre a piedi scalzi

Correre è sempre stato uno dei modi più convenienti per mettersi in forma e perdere peso, tutto ciò che serve sono un paio di scarpe da corsa e alcuni abiti comodi. Ora, alcune persone stanno cercando di fare un passo avanti e realizzare risparmi ancora maggiori, corrono a piedi nudi, eseguono il Barefoot Running!

La corsa a piedi nudi non è certo un fenomeno nuovo. Il corpo umano è costruito per la corsa, e abbiamo iniziato a correre molto prima che la prima fabbrica di scarpe ne avesse creata una per l'allenamento della corsa. Gli appassionati di corsa a piedi nudi in realtà credono che così correndo sia meglio per il corpo, in quanto provoca meno infortuni e si traduce in piedi che diventano più forti, contribuendo anche ad attutire il corpo nel momento dell'impatto. Inoltre, poiché è necessario uno stile un po' diverso di corsa, viene posto meno stress sulla colonna vertebrale.

 

Quando si corre a piedi nudi lo si fa maggiormente con la punta dei piedi, piuttosto che i talloni. Le dita dei piedi si sviluppano naturalmente per aiutare l'aderenza al suolo e fornire supporto.

 

Alcuni corridori a piedi nudi, credono fortemente che molti infortuni dovuti dall'allenamento della corsa, sono causati proprio dalle scarpe da corsa. Anche le scarpe su misura per un piede possono provocare lesioni.

 

Ken Bob Saxton, un corridore a piedi nudi, fu così impressionato con il suo progresso dopo aver lasciato le sue scarpe per correre scalzo che ora gestisce un sito sulla corsa a piedi nudi.

 

Si stima che oltre il 60% di tutti i corridori abbiano subìto delle lesioni in un dato momento del loro allenamento, e la maggior parte di queste lesioni sono state causate al "tallone". Quando il tallone tocca per primo il suolo, non c'è ammortizzazione naturale e tutto l'impatto viaggia dalle gambe alla colonna vertebrale. Questo non succede in una posizione di marcia dove le punte toccano prima dei talloni. Alcuni corridori sono riusciti a curare i loro problemi, dovuti a lesioni, con la corsa a piedi nudi.

 

Alcuni famosi Barefoot Runners:

Zola Budd, l'atleta olimpico del Sud Africa, ha corso a piedi nudi.
Abebe Bikila dall'Etiopia ha vinto il 1960 maratona olimpica a piedi nudi.

 

Le Problematiche di una corsa a piedi nudi

Anche se la corsa a piedi nudi risulta sicuramente come un senso di liberazione, in merito alla sicurezza non lo è altrettanto. Correre a piedi nudi significa privarsi sicuramente di alcuni percorsi che per le loro condizioni di terreno (sassolini, rametti, detriti in genere) sarebbero pericolosi per tale allenamento perchè causerebbero delle lesioni al piede e in specialmodo alle punte che risultano una parte molto sensibile.


Quindi, capierete che si è vincolati a correre solo su percorsi che lo permettono, come una pista di atletica o una strada particolarmente curata. Ma chi corre, vuole essere libero e scoprire itinerari nuovi per nuove avventure e non voler fare prima un'ispezione per assicurarsi oppure partire e poi accorgersi di non poter proseguire per non infortunarsi.

 

Queste sono cose da tener presente e non per questo si deve però rinunciare a provare questa comunque bella sensazione, dove lo permette, di libertà!


Ricerche scientifiche sulla corsa a piedi nudi

Tuttavia, la ricerca scientifica non ha ancora raggiunto una chiara posizione sui benefici della corsa a piedi nudi. I difensori della corsa a piedi nudi sostengono questa corsa minimalista risulta meglio per i piedi in quanto li rafforza e riduce le lesioni croniche come la sindrome Ileotibiale, Ginocchio del corridore e altre lesioni comuni.

La corsa a piedi nudi rimane un argomento controverso e molti sostengono che potrebbe non essere adatto a tutti i corridori. David Willey, ha scritto sulla corsa a piedi nudi in editoriale del 2011:

 

"Non c'è una risposta unica o prescrizione giusta per ogni corridore, quando si tratta di calzature e forma di esecuzione".

 

A voi la libertà di scelta per come vi trovate meglio!



Potrebbe interessarti anche

Ecco Perché Vincerà Justin Gatlin contro Usain Bolt
26 Agosto 2015

Ecco Perché Vincerà Justin Gatlin contro Usain Bolt

Le dichiarazioni Pre Contest di Dennis Mitchell e Maurice Greene

Dennis Mitchell è l’allenatore di Justin Gatlin, sfidante numero uno di Usain Bolt, per la conquista al titolo di Campione del Mondo dei 100 e 200 metri di Atletica di Pechino 2015. L’allenatore è convinto che il suo atleta sconfiggerà il marziano giamaicano, spiegandone le motivazioni.

​Corsa, Obiettivo e Strategia di Gara
31 Agosto 2015

​Corsa, Obiettivo e Strategia di Gara

Obiettivi, strategia e condizione mentale da tenere il giorno della competizione

Ora è il momento di cominciare a pensare alla strategia da adottare durante la competizione vera e propria.

Ultimi post pubblicati

Scheda Di Allenamento Push Pull Leg Da Casa
18 Gennaio 2021

Scheda Di Allenamento Push Pull Leg Da Casa

Aumenta la massa muscolare a casa con questo programma

La premessa di un set gigante è che eseguirai quattro o più esercizi uno dopo l'altro, con un riposo minimo tra ciascuno. I giant sets o serie giganti non sono da confondere con i circuiti. I circuiti servono per migliorare la condizione atletica dell'atleta, le serie giganti servono invece per aumentare la massa muscolare e migliorare la composizione corporea.

Il Segreto Del BodyBuilding Anche Natural
16 Gennaio 2021

Il Segreto Del BodyBuilding Anche Natural

Vuoi Aumentare La Massa Muscolare e Costruire il Fisico Dei Tuoi Sogni?

Quando il muscolo viene chiamato ad un impegno super, sarà ovviamente richiesto un maggiore apporto di ossigeno e nutrienti per continuare a sostenere le contrazioni. Ed ecco il caro "pump".