ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il Salto in Lungo

data di redazione: 26 Ottobre 2015
Il Salto in Lungo

Le fasi cruciali nell'esecuzione del salto in lungo

Il salto in lungo è una delle specialità più naturali ed istintive dell'atletica.

In questo sport non si fa uso di attrezzi di alcun genere, e l'unica regola tecnica prevede che, per risultare valido, il salto venga eseguito non oltre la linea stabilita dalla tavoletta di stacco, posta alla fine della pedana di rincorsa, prima della corsia di sabbia dove l'atleta atterra.

L'esecuzione del salto in lungo si divide in quattro fasi:

  • la fase di rincorsa
  • la fase di stacco
  • la fase di volo
  • la fase di atterraggio

LA FASE DI RINCORSA NEL SALTO IN LUNGO

Questa fase varia dai 16 ai 24 passi (34 - 50 metri), ed è finalizzata al raggiungimento della massima velocità che permetterà al saltatore di eseguire uno stacco efficace.

Una buona rincorsa consta di passi della stessa ampiezza, la cui frequenza, progressivamente aumentata, conduce alla massima velocità.

Segnando sul terreno, a ritroso della linea di stacco, il punto iniziale della rincorsa, ogni atleta può, durante l'allenamento, regolare la lunghezza della rincorsa stessa, in modo da riuscire ad arrivare con l'ultimo passo esattamente in coincidenza della linea di stacco.

La corsa attuata in questa fase, è molto simile a quella di velocità, anche se la rincorsa, dal punto di vista tecnico, comporta una maggior elevazione delle ginocchia e la perpendicolarità del busto rispetto agli arti inferiori.

Il momento culminante della rincorsa è costituito dagli ultimi tre appoggi.

nel terz'ultimo si ha una spinta in avanti e verso l'alto che rende il passo leggermente più lungo degli altri

il penultimo è l'appoggio in cui ha luogo il maggior caricamento

l'ultimo è il più breve e veloce degli altri

LA FASE DI STACCO NEL SALTO IN LUNGO

Viene provocato dal piede che nell'ultimo appoggio aderisce con tutta la pianta al suolo.

In questa fase l'atleta mantiene il busto verticale, il suo arto libero ritarda lievemente il movimento, flettendo il ginocchio.

L'arto che stacca viene invece spinto in avanti, verso l'alto, distendendosi completamente fino alla punta del piede, che è l'ultima a staccarsi dal suolo.

Il braccio opposto all'arto di stacco si proietta all'indietro verso l'esterno, l'altro si protende in avanti, leggermente verso l'interno.

LA FASE DI VOLO NEL SALTO IN LUNGO

Questa è la fase in cui l'atleta deve mantenere la giusta posizione del corpo per prepararlo a un buon atterraggio.

Due sono gli stili con cui eseguirlo:

  • quello dell'estensione (hang)
  • quello dei passi in aria (step-stile)

Nel primo, dopo lo stacco, l'atleta estende e abbassa la gamba libera, sucessivamente la unisce all'arto di stacco.

Seguono un inarcamento del busto e un avanzamento delle braccia.

Nel secondo, durante il volo, vengono compiuti un passo e mezzo, due passi e mezzo, oppure tre e mezzo.

L'esecuzione degli ultimi due richiede atleti molto preparati.

LA FASE DI ATTERRAGGIO NEL SALTO IN LUNGO

Se durante il volo l'atleta ha mantenuto un buon equilibrio, è pronto per compiere un corretto atterraggio.

Allinea le gambe tenendole leggermente flesse e, successivamente, le distende, con il busto inclinato in avanti.

La prima parte del corpo che deve venire a contatto con la sabbia sono i talloni.

Per non cadere all'indietro, subito dopo essere atterrato, l'atleta abbassa la testa flettendo il busto e le ginocchia con un'azione sincronizzata e veloce.



Potrebbe interessarti anche

Usain Bolt Analisi tecnica del Record sui 200 metri di Pechino 2008
02 Ottobre 2014

Usain Bolt Analisi tecnica del Record sui 200 metri di Pechino 2008

Analisi del record del mondo dei 200 m di Pechino 2008. Usain Bolt ha fatto qualcosa di davvero incredibile.L’atleta giamaicano con 19”30 cancella “l’espresso del Texas” Michael Johnson. Il 19”32 di Johnson era considerato il record del mondo dell’intera atletica leggera più difficile da battere; infatti fino ad ora non era stato nemmeno avvicinato.

Come Migliorare la Propria Resistenza nei Brevi Tratti
12 Giugno 2015

Come Migliorare la Propria Resistenza nei Brevi Tratti

Come Conoscere il Proprio Stato di Forma e Poi Migliorarlo con i Test dei Tempi Parziali

Se volete misurare la vostra resistenza e vedere i vostri progressi questo è un metodo valido e pratico.

Ultimi post pubblicati

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari
08 Aprile 2021

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari

Scheda di Allenamento Old School anni 80

La monofrequenza “pura” non esiste, perché la fisiologia del nostro corpo va in una direzione completamente diversa. Chi pensa d’allenare un muscolo una volta a settimana in monofrequenza, in realtà non sa che sta facendo un allenamento pesante, più diversi richiami, perché nessun muscolo può mai lavorare in modo totalmente isolato. Fatta questa premessa entriamo nel nocciolo dell'articolo.

Massa Muscolare Scolpita - Programma Definitivo
07 Aprile 2021

Massa Muscolare Scolpita - Programma Definitivo

La routine di allenamento PHAT è stata progettata da Layne Norton bodybuilder e powerlifter. Il programma PHAT combina routine di bodybuilding e powerlifting in un unico programma di allenamento settimanale.