(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Migliorare nello Sprint

data di redazione: 23 Aprile 2015 - data modifica: 22 Aprile 2015
Migliorare nello Sprint

Cosa dice la scienza al riguardo

Lo Sprint non è solo forza bruta e velocità. Come in ogni abilità, una tecnica maggiore può aiutarvi a raggiungere il vostro pieno potenziale. Uno studio pubblicato sul Journal of Strength and Conditioning Research, ha posto la domanda: "Quali differenze di tecnica portano a sprint più veloci?"


Lo studio ha esaminato 22 giocatori australiani di netball durante un “training camp” preseason. (In caso il netball vi è poco familiare, esso è come il basket ma senza il tabellone.) I giocatori sono stati invitati a compiere sprint da 2,5 metri in due modi. In primo luogo, in fila con le dita dei piedi sulla linea di partenza, di fronte al traguardo, ed eseguendo uno sprint normale. Dopo, in posizione sulla linea di partenza con i talloni su di essa e con le spalle girate al traguardo. Questo ha richiesto loro di girarsi rapidamente di 180 gradi e scattare verso il traguardo. La tecnica è stata fondamentale per un tale breve sprint, perché gli atleti hanno avuto pochissima distanza per superare la scarsa tecnica con forza e velocità.

Cosa ha differenziato i velocisti più veloci da quelli più lenti?

In primo luogo, più falcate hanno portato a sprint più veloci. E solo una piccola differenza ha favorito gli sprinter più veloci. Solo un quarto passo in più nel corso dei 2,5 metri ha differenziato i velocisti più veloci. Questo a sostegno che "Non si può andare avanti con i piedi in aria."

 

A seguire, la lunghezza del passo più corto ha portato ad uno sprint più veloce. Questo ha senso se abbinato con la prima punta - più falcate. Per ogni data distanza, l'aggiunta di ulteriori passi significa che ogni passo sarà più breve.

 

Angolo del Torso è stato il successivo predittore del successo nello sprint. Sporgendosi in avanti solo due gradi in più, ha fatto la differenza tra gli sprinter più veloci e quelli più lenti.

 

Infine, la prima fase dello sprint è stata critica. Gli atleti che hanno mostrato meno flessione del ginocchio nella prima fase, è riuscito in uno sprint più veloce. Meno flessione del ginocchio, significa un passo più veloce, il che significa più falcate.



Ecco quindi, come tutto comincia ad avere un senso. Piegarsi in avanti e utilizzare molte falcate veloci - in particolare a partire dal primo passo. Molte di queste strategie suonano come tecnica di esecuzione. Ecco perché è importante imparare una corretta tecnica di corsa prima di sottoporre il vostro corpo a volumi elevati di corsa con scarsa tecnica.

 

Riferimenti:
Jennifer Hewit, John Cronin, and Patria Hume. Kinematic Factors Affecting Fast and Slow Straight and Change-of-Direction Acceleration Times. Journal of Strength and Conditioning Research. January 2013. Vol 27. Issue 1. P 69-75. doi: 10.1519/JSC.0b013e31824f202d

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Lancio del peso
11 Febbraio 2015

Lancio del peso

Tecnica e allenamento

Sport consistente nel lanciare il più lontano possibile un peso sferico in metallo con un solo braccio. Si pratica su una pedana circolare in cemento dal diametro di un paio di metri, e il pesista, lancerà il peso che sarà differente in base alle proprie caratteristiche.

Olimpiadi RIO 2016: Calendario dell'Atletica Leggera
05 Aprile 2016

Olimpiadi RIO 2016: Calendario dell'Atletica Leggera

Le gare più attese delle Olimpiadi di RIO 2016, quelle relative all'atletica leggera, andranno in scena tra il 12 ed il 21 agosto 2016.

Ultimi post pubblicati

Soufflè Proteici Al Cioccolato e Cocco
18 Febbraio 2019

Soufflè Proteici Al Cioccolato e Cocco

Volete terminare le vostre proteine al cioccolato realizzando una ricetta deliziosa? Vi consigliamo di provare il nostro soufflè proteico al cioccolato e cocco.
Preparazione: 20 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 2
Budino Proteico Alla Vaniglia
18 Febbraio 2019

Budino Proteico Alla Vaniglia

Il budino con latte e uova è un dolce altamente proteico ideale per una colazione o merenda da sportivo. In questa ricetta vi proponiamo un modo per farsi a casa propria un budino proteico con le vostre proteine del siero del latte. 
Preparazione: 40 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 2